Professioni Sanitarie 7 Dicembre 2021 09:51

Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»

Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione

di Francesco Torre

Il lockdown e le restrizioni attuati per fronteggiare la pandemia da Covid continuano a produrre i loro effetti sulla psiche delle persone. I più colpiti sono i bambini, come confermano a Sanità Informazione Andrea Bonifacio e Pamela Bellanca, presidente e vicepresidente della Commissione d’Albo nazionale dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva, il professionista che si occupa della riabilitazione dei giovani dai 0 ai 18 anni. La richiesta di questo tipo di supporto è aumentata, tanto che diverse regioni hanno indetto concorsi per reperire questi professionisti, confermando l’importanza di questa figura all’interno del lavoro in équipe.

«Il nostro intervento – spiega Bonifacio – va calibrato sulle fasce d’età e sulla lettura per il singolo bambino delle condizioni ambientali per capire di cosa si tratta e quali sono i reali effetti secondari che ha avuto il Covid. Da questo punto di vista nei servizi dove il TNPEE è presente stiamo rilevando un elevatissimo aumento di sintomi di disagio: non si tratta necessariamente di disturbi, ma sintomi importanti di una condizione di malessere, di disagio che va rapidamente intercettata perché solo così possiamo evitare che possa svilupparsi un disturbo o una difficoltà più grave».

Il massiccio ricorso alla Didattica a distanza, anche se ormai superato grazie al miglioramento della situazione epidemiologica, sembra aver lasciato strascichi importanti: «Il rischio è quello di andare incontro a disturbi aspecifici dell’apprendimento, situazioni comportamentali, espressioni di disagio psicosomatico a seconda della fascia d’età, tutti fenomeni in grande aumento» aggiunge Bonifacio.

Per questo il TNPEE assume una particolare rilevanza: «È importante eseguire una lettura del sistema intorno al bambino e delle variabili ambientali che lo circondano, in particolare quelle legate ai caregiver che hanno in qualche modo in carico il bambino, non solo i genitori ma anche gli educatori e gli insegnanti. Il nucleo centrale del nostro modo di vedere il disturbo e la sintomatologia in età evolutiva è una lettura del processo di sviluppo e non della singola funzione o del singolo problema del bambino».

Il lockdown ha costretto anche questi professionisti a rivedere il proprio modo di lavorare e ad esercitare una profonda riflessione sul proprio ruolo terapeutico nella presa in carico dei disturbi del neurosviluppo. In particolare, le possibilità aperte dalla teleriabilitazione stanno trasformando la metodica di lavoro.

«All’inizio è stata un’esigenza – spiega Pamela Bellanca -. Abbiamo dovuto sospendere totalmente il lavoro in presenza e sostituirlo con un lavoro fatto a distanza per cercare di mantenere almeno un minimo del supporto che noi offrivamo ai nostri pazienti con il trattamento riabilitativo che nel nostro caso è fatto di contatto, sguardi, azioni concrete con il bambino. Ci siamo reinventati una professione per poter comunque restare vicini alle famiglie dei nostri piccoli pazienti. Poi è diventata una scoperta, perché come tante altre professioni ci siamo resi conto che questo strumento può diventare un’ulteriore freccia nel nostro arco anche a prescindere della pandemia».

E così, come spesso accade, da una cosa negativa come la pandemia sono nate nuove modalità di intervento terapeutico che si stanno rivelando preziose per i professionisti. «La teleriabilitazione ci permette di raggiungere gli utenti a casa nel loro contesto, può essere utile nei pazienti più gravi che non possono raggiungere i servizi – aggiunge Bellanca -. Oggi spesso implementiamo le sedute con un maggior numero di ore di trattamento per i nostri bambini, magari utilizzando una modalità ibrida, cioè prevalentemente in presenza ma che può anche essere affiancata dal supporto digitale. Una scoperta che stiamo cercando di strutturare: ci sono molte ricerche in merito perché pensiamo possa essere il futuro della nostra professione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi