Professioni Sanitarie 7 Dicembre 2021 09:51

Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»

Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione

di Francesco Torre

Il lockdown e le restrizioni attuati per fronteggiare la pandemia da Covid continuano a produrre i loro effetti sulla psiche delle persone. I più colpiti sono i bambini, come confermano a Sanità Informazione Andrea Bonifacio e Pamela Bellanca, presidente e vicepresidente della Commissione d’Albo nazionale dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva, il professionista che si occupa della riabilitazione dei giovani dai 0 ai 18 anni. La richiesta di questo tipo di supporto è aumentata, tanto che diverse regioni hanno indetto concorsi per reperire questi professionisti, confermando l’importanza di questa figura all’interno del lavoro in équipe.

«Il nostro intervento – spiega Bonifacio – va calibrato sulle fasce d’età e sulla lettura per il singolo bambino delle condizioni ambientali per capire di cosa si tratta e quali sono i reali effetti secondari che ha avuto il Covid. Da questo punto di vista nei servizi dove il TNPEE è presente stiamo rilevando un elevatissimo aumento di sintomi di disagio: non si tratta necessariamente di disturbi, ma sintomi importanti di una condizione di malessere, di disagio che va rapidamente intercettata perché solo così possiamo evitare che possa svilupparsi un disturbo o una difficoltà più grave».

Il massiccio ricorso alla Didattica a distanza, anche se ormai superato grazie al miglioramento della situazione epidemiologica, sembra aver lasciato strascichi importanti: «Il rischio è quello di andare incontro a disturbi aspecifici dell’apprendimento, situazioni comportamentali, espressioni di disagio psicosomatico a seconda della fascia d’età, tutti fenomeni in grande aumento» aggiunge Bonifacio.

Per questo il TNPEE assume una particolare rilevanza: «È importante eseguire una lettura del sistema intorno al bambino e delle variabili ambientali che lo circondano, in particolare quelle legate ai caregiver che hanno in qualche modo in carico il bambino, non solo i genitori ma anche gli educatori e gli insegnanti. Il nucleo centrale del nostro modo di vedere il disturbo e la sintomatologia in età evolutiva è una lettura del processo di sviluppo e non della singola funzione o del singolo problema del bambino».

Il lockdown ha costretto anche questi professionisti a rivedere il proprio modo di lavorare e ad esercitare una profonda riflessione sul proprio ruolo terapeutico nella presa in carico dei disturbi del neurosviluppo. In particolare, le possibilità aperte dalla teleriabilitazione stanno trasformando la metodica di lavoro.

«All’inizio è stata un’esigenza – spiega Pamela Bellanca -. Abbiamo dovuto sospendere totalmente il lavoro in presenza e sostituirlo con un lavoro fatto a distanza per cercare di mantenere almeno un minimo del supporto che noi offrivamo ai nostri pazienti con il trattamento riabilitativo che nel nostro caso è fatto di contatto, sguardi, azioni concrete con il bambino. Ci siamo reinventati una professione per poter comunque restare vicini alle famiglie dei nostri piccoli pazienti. Poi è diventata una scoperta, perché come tante altre professioni ci siamo resi conto che questo strumento può diventare un’ulteriore freccia nel nostro arco anche a prescindere della pandemia».

E così, come spesso accade, da una cosa negativa come la pandemia sono nate nuove modalità di intervento terapeutico che si stanno rivelando preziose per i professionisti. «La teleriabilitazione ci permette di raggiungere gli utenti a casa nel loro contesto, può essere utile nei pazienti più gravi che non possono raggiungere i servizi – aggiunge Bellanca -. Oggi spesso implementiamo le sedute con un maggior numero di ore di trattamento per i nostri bambini, magari utilizzando una modalità ibrida, cioè prevalentemente in presenza ma che può anche essere affiancata dal supporto digitale. Una scoperta che stiamo cercando di strutturare: ci sono molte ricerche in merito perché pensiamo possa essere il futuro della nostra professione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»
Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, commenta a Sanità Informazione i risultati di uno studio realizzato in USA e presentato alla Conferenza Internazionale ATS 2023, il quale mostra una forte associazione tra il quartiere di residenza, qualità dell'aria e rischio di riacutizzazioni dell'asma nei bambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...