Politica 2 Gennaio 2018 16:46

Paolo Siani (PD): «Il mio impegno di pediatra per Napoli. Sconfiggere illegalità e tumori infantili nella terra dei fuochi»

Il primario dell’ospedale Santobono è il fratello di Giancarlo, giornalista ucciso nel 1985 dalla camorra: «Il mio impegno e la mia esperienza al servizio di tutti. Ma se capisco di non poter incidere, torno a fare il medico…»

In politica si scende o si sale? Paolo Siani, candidato indipendente del Partito Democratico, non ha dubbi: «In politica si sale». Una “salita” che lo ha portato ad accettare la candidatura offerta dal segretario del Pd, Matteo Renzi, in un collegio proporzionale plurinominale e in uno uninominale nella sua città, Napoli. Siani è infatti primario all’ospedale Santobono, oltre che fratello di Giancarlo, il giornalista del “Mattino” che venne ucciso dalla camorra nel 1985 e che da allora è diventato un’icona della lotta alla malavita. Più che di lotta alla camorra, però, Paolo Siani vorrà occuparsi – in caso di elezione – della lotta all’illegalità in senso lato, oltre che mettere al servizio della comunità le sue competenze e la sua esperienza nel campo dell’oncologia pediatrica. Tutto ciò in una zona – vedi la Terra dei Fuochi – in cui ancora troppi bambini si ammalano di tumore.

Dottor Siani, cosa l’ha spinta a scendere in politica? O a salire…

«A salire, a salire. Ad un certo punto della mia vita ho avuto un’opportunità. Penso di poter fare le cose che ho sempre fatto a Napoli in oltre 30 anni nel sociale e, ancor di più, in sanità. Spero di poterlo fare da un luogo in cui forse posso incidere di più. È una scommessa. Matteo Renzi mi ha convinto dicendomi che ce la posso fare e che potrò lavorare al meglio. Per questo, nel caso in cui dovessi essere eletto, ci voglio provare. Ho comunque detto al Segretario che mi riservo di valutare, nel corso di questa legislatura, se sarà davvero così o no. Se mi accorgo di non poter incidere e di stare perdendo tempo, torno a fare il medico in ospedale».

Lei è Primario in un Ospedale di Napoli. Qual è il principale problema della sanità pubblica italiana?

«Quel di cui mi vorrò occupare in modo particolare è l’oncologia pediatrica. Si tratta di un tema importante, significativo, specialmente in Campania. Qui abbiamo da pochi anni il registro tumori, e su questo vorrei impegnarmi e proporre delle soluzioni a diversi problemi e nuove idee secondo le quali muoversi e strutturare il sistema. Anche perché l’oncologia pediatrica fa migrare molti ammalati verso il Nord Italia, nonostante le ottime professionalità che abbiamo nella nostra regione».

La lotta alla camorra e alle mafie in generale fa parte della sua storia. Su questo fronte cosa pensa di poter fare?

«In realtà, non mi interesso tanto della lotta alle mafie, ma all’illegalità. Cerco di far crescere soprattutto nei giovani una cultura di legalità, e quindi, per usare un termine antico, l’educazione civica. L’ho fatto per tanti anni e vorrei provare a farlo anche dal Parlamento. Aiutare dunque le scuole e i ragazzi a far meglio, impegnarsi sugli asili nido, che in Campania sono ancora insufficienti, far sì che i ragazzi possano andare a scuola per molte ore al giorno, oltre che trovare scuole attraenti e con programmi che piacciono. Insomma, bisogna provare ad agire su questi temi e fare dei ragionamenti che però devo dire sono già stati fatti nella scorsa legislatura».

Cosa si sente di dire ad un giovane medico che inizia adesso la professione?

«Deve metterci dentro la passione, senza dimenticare di studiare molto e rimanere sempre aggiornato perché la medicina cambia e si evolve. Deve inoltre avere passione ed etica, che rappresentano le due colonne principali su cui va fondato il nostro lavoro. Potrai anche essere un medico bravissimo, ma senza la passione ti manca qualcosa…».

 

Articoli correlati
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
La vita oltre il cancro: le piccole pazienti guardano al futuro e sognano la maternità
All’ambulatorio di Oncofertilità del Gemelli di Roma il primo prelievo di tessuto ovarico per la crioconservazione su paziente minorenne, Nanni (chirurgo pediatrico): «La chemioterapia può compromettere la fertilità, così è stata offerta alla bambina ed alla sua famiglia la possibilità di accedere a questo programma di crioconservazione»
Oncologia, Cavanna (Cipomo): «Limitare gli spostamenti dei malati, siano i medici a farlo»
Per il presidente del Collegio Italiano Primari Oncologi Ospedalieri Luigi Cavanna la sfida del futuro è quella di una oncologia del territorio efficace. «Ora è essenziale che i malati di Covid vengano curati a casa il più possibile e che si trovino dei percorsi riparati per i malati oncologici perché possano fare i loro esami» spiega Cavanna
di Francesco Torre
Tumore al seno e oncologia territoriale: le dieci priorità delle associazioni dei pazienti alle istituzioni
Il documento riunisce per la prima volta le proposte di A.N.D.O.S. onlus, Europa Donna Italia, F.A.V.O. Donna Incontra Donna onlus e Salute Donna onlus, per una presa in carico territoriale più vicina alle pazienti e alle loro famiglie
PNRR, al via la sfida per l’integrazione sociosanitaria tra territorio e digitalizzazione
A Napoli il Laboratorio Sanità 20/30, tra punti cruciali gli investimenti per la formazione e i contratti per la dirigenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa