Politica 1 Dicembre 2021 09:34

AIDS. Prevenzione, lotta allo stigma e terapie: alla Camera una legge per una nuova presa in carico del paziente

Il Ddl bipartisan, a prima firma D’Attis, prevede che l’esperienza maturata nella cura dell’AIDS possa diventare un modello organizzativo per crisi analoghe. Per i minori dai 16 ai 18 anni possibile fare il test anche senza il consenso del genitore. E il datore di lavoro non potrà svolgere indagini per accertare lo stato di sieropositività dei dipendenti

di Francesco Torre
AIDS. Prevenzione, lotta allo stigma e terapie: alla Camera una legge per una nuova presa in carico del paziente

La lotta all’AIDS, pandemia che va avanti da oltre 40 anni, è tra le priorità della politica. In questi mesi sta procedendo in commissione Affari sociali alla Camera l’esame del disegno di legge bipartisan denominato “Interventi per la prevenzione e la lotta contro l’AIDS e le epidemie infettive aventi carattere di emergenza” che vede tra i firmatari Mauro D’Attis (Forza Italia), Fabiola Bologna (Coraggio Italia), Rossana Boldi (Lega), Roberto Giachetti (Italia Viva) e Riccardo Magi (+Europa).

L’obiettivo della proposta di legge è quello di attuare la revisione e il conseguente aggiornamento della disciplina in materia di prevenzione e di lotta contro la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS), attualmente contenuta nella legge 5 giugno 1990, n. 135.

«La nostra proposta di legge – spiega a Sanità Informazione Fabiola Bologna, copresidente dell’intergruppo parlamentare “L’Italia ferma l’AIDS” – che aggiorna la 135 guarda al futuro, a un nuovo modello di presa in carico del paziente che dovrà sfruttare le opportunità dell’accelerazione digitale, di cui la recente pandemia ha fatto da catalizzatore, al fine di garantire un’ottimale, tempestiva e personalizzata gestione del paziente HIV positivo e del paziente con AIDS, coniugando così prevenzione, screening, qualità di vita e sostenibilità sanitaria e sociale con il perseguimento degli obiettivi di Salute pubblica definiti a livello nazionale e internazionale».

Gli obiettivi della nuova legge

I parlamentari hanno riscontrato la necessità di adeguare lo strumento normativo alla mutata situazione della malattia derivante dal virus dell’HIV e di non disperdere il patrimonio di esperienze, reti e capacità di intervento nella cura di questa malattia, che si è costruito in questi anni. Restano fermi alcuni concetti come il contrasto dello stigma sociale, l’accesso omogeneo alle cure, l’assoluta garanzia della riservatezza, la specializzazione nell’approccio terapeutico. Tra le altre cose, la legge vieta ai datori di lavoro pubblici e privati lo svolgimento di indagini volte ad accertare l’esistenza di uno stato di sieropositività nei dipendenti. Altri importanti elementi si sono aggiunti, coerentemente con l’assoluta necessità di sviluppare nuovi e più efficaci approcci alla prevenzione e con la nuova situazione delle persone HIV-positive, come la qualità di vita e l’accesso alle terapie innovative.

Il problema delle diagnosi tardive

Uno dei temi di cui si vuole fare carico la legge è il contrasto del grave problema delle diagnosi tardive: la legge consente alle strutture sanitarie pubbliche e private accreditate per la cura delle malattie infettive di effettuare gli accertamenti per l’HIV su richiesta di un minore che abbia compiuto i sedici anni di età, senza l’autorizzazione dell’esercente la responsabilità genitoriale.

La gestione dell’AIDS come modello

Le nuove disposizioni intendono assicurare che la grande esperienza maturata nella cura di un’epidemia così difficile da contrastare, come è l’AIDS, possa diventare un modello organizzativo e gestionale di riferimento per tutto l’ambito dell’infettivologia.

In sostanza, ha l’obiettivo di rafforzare il sistema sanitario nazionale e regionale di intervento per la protezione e cura della popolazione nell’eventualità di altre epidemie infettive aventi carattere di emergenza, attraverso l’utilizzo di risorse, strutture, personale e modalità organizzative già sperimentate e in uso per il contrasto dell’HIV e dell’AIDS. Tra le misure più significative, viene previsto che in caso di emergenze sanitarie di carattere infettivo, le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale possono ricorrere a selezioni pubbliche integrative straordinarie.

Inoltre è istituito presso la Presidenza del Consiglio dei ministri il Comitato interministeriale per la lotta contro le malattie infettive, l’infezione da HIV e l’AIDS, presieduto dal Presidente del Consiglio dei ministri o da un suo delegato, del quale fanno parte i Ministri della salute, del lavoro e delle politiche sociali, dell’istruzione, dell’Università e della ricerca, della Difesa, della Giustizia, dell’Interno e delle Infrastrutture e dei trasporti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Usa: uomo guarisce da HIV, è il quarto caso al mondo
In California un uomo di 66 anni, sieropositivo da oltre 40 anni, non presenta alcuna traccia del virus dell'HIV. È in remissione da 17 mesi senza terapia antiretrovirale
Certificato telematico (INPS) di malattia: il medico che emette una prognosi ha l’obbligo di invio. Ecco cosa dice la legge
Caiazza (FIMMG): «Medici ospedalieri, di pronto soccorso, specialisti convenzionati ASL e liberi professionisti non devono demandare l’emissione del certificato telematico (INPS) di malattia al medico di famiglia, che verrebbe indotto a compiere un reato di falso ideologico»
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
DSA: Sì alla legge che introduce strumenti compensativi nelle aziende e nei colloqui di selezione
Un milione e duecentomila lavoratori con disturbi specifici dell’apprendimento potranno utilizzare computer con sintesi vocale, calcolatrice, mappe concettuali, schemi e formulari anche al lavoro. Soddisfazione dell’Associazione Italiana Dislessia che ora punta a due nuovi traguardi: centri diagnostici pubblici in ogni regione italiana e utilizzo di strumenti compensativi anche negli esami universitari
Fine vita, Mori (Consulta Bioetica) critica la legge: «Troppo restrittiva, in pochi potranno accedere»
La legge sul suicidio medicalmente assistito, approvata in prima lettura alla Camera, scontenta il presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori, che in passato aveva anche presentato un progetto di legge sull’eutanasia: «La Consulta poneva come condizione essenziale per accedere il dolore insopportabile, non necessariamente la malattia a prognosi infausta. Questa legge, invece, chiede una malattia a prognosi infausta»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi