Salute 16 Ottobre 2023 17:37

Lo stigma dell’acne da adulti, studio rivela i «danni» all’autostima e alla fiducia in sé

Un recente studio presentato al congresso dell’European Academy of Dermatology and Venereology fa luce sul significativo stigma associato all’acne adulta. Lo studio ha rilevato che le persone tendono a concentrarsi maggiormente sui brufoli che sugli occhi delle persone con acne, percependoli come meno attraenti, affidabili, di successo e sicuri di sé

Lo stigma dell’acne da adulti, studio rivela i «danni» all’autostima e alla fiducia in sé

Un recente studio presentato al congresso dell’European Academy of Dermatology and Venereology fa luce sul significativo stigma associato all’acne adulta. Lo studio ha rilevato che le persone tendono a concentrarsi maggiormente sui brufoli che sugli occhi delle persone con acne, percependoli come meno attraenti, affidabili, di successo e sicuri di sé. Questo stigma può avere un grave impatto sull’autostima e sulla fiducia di chi soffre di acne. Oggi si stima che siano circa il 30% le donne e il 7% gli uomini di età superiore ai 25 anni che soffrono di acne.

Le persone con acne vengono percepite come meno attraenti

Nello studio i ricercatori hanno monitorato i movimenti oculari di 245 partecipanti che vedevano volti neutri ed emotivi di donne con pelle chiara e varianti anatomiche clinicamente rilevanti dell’acne (le emozioni includevano «felice», «arrabbiato» e «neutro»). Separatamente, a un gruppo di 205 intervistati online è stato chiesto di valutare i tratti della personalità degli individui raffigurati nelle immagini. Ebbene, i risultati hanno rilevato che i volti con acne sono stati percepiti come significativamente meno attraenti, meno affidabili, meno di successo, meno sicuri e meno dominanti. In particolare, i risultati hanno mostrato che l’acne femminile in età adulta, concentrata intorno alla «zona U», ovvero intorno alla mascella, alla bocca e al mento, ha ricevuto i punteggi più bassi in termini di attrattività ed è stata considerata la più fastidiosa dal punto di vista visivo.

Negli ultimi 10 anni di è registrato un aumento del 10% dei casi di acne

Anche i volti felici con acne femminile in età adulta sono stati valutati come «meno felici» rispetto ai volti con pelle chiara e libera dall’acne. I ricercatori hanno osservato come negli ultimi 10 anni si è registrato un aumento del 10% dei casi di acne in età adulta tra le donne di tutto il mondo. Negli adulti, questa condizione è nota per avere gravi conseguenze, tra cui un impatto psicologico, una bassa autostima, l’isolamento sociale e la depressione. Sebbene la genetica rappresenti il fattore di rischio più importante, altri fattori possono avere un influenza più o meno importante, come lo stress, gli ormoni e la dieta . Numerosi studi hanno già dimostrato come la percezione di caratteristiche fisiche peggiorative possa portare a un disagio sociale, tra cui l’isolamento sociale, un maggiore stress biologico e persino un peggioramento della salute. È stato dimostrato che l’aspetto fisico gioca un ruolo nella competitività sul lavoro e che può determinare l’assunzione o meno di un candidato.

Le valutazioni sono più negative nelle donne con acne nella «zona U»

«Con oltre dieci anni di esperienza nel settore, ho sempre visto che l’acne femminile in età adulta porta a maggiori sfide sociali rispetto all’acne adolescenziale», commenta Marek Jankowski, professore di Dermatologia presso l’Università Nicolaus Copernicus di Torun, Polonia, e autore principale dello studio. «I risultati dello studio lo confermano; tuttavia, ciò che è stato veramente sorprendente è che le immagini che ritraggono un’acne generalizzata, che copre un’area più ampia con un maggior numero di lesioni, hanno ricevuto valutazioni più positive rispetto alle immagini che ritraggono l’acne femminile adulta che si manifesta nella ‘zona U’», aggiunge.

Il trattamento dovrebbe concentrarsi anche sul carico emotivo

«Il trattamento deve concentrarsi sul miglioramento della qualità della vita dei pazienti, non solo sulla riduzione della superficie colpita dall’acne», continua Jankowski. «Sfortunatamente, questo non è attualmente un obiettivo nel trattamento dell’acne, con le linee guida terapeutiche che continuano a consigliare determinate modalità di trattamento – conclude – basate sul numero di lesioni, indipendentemente dalla loro localizzazione. Non sorprende che i punteggi di gravità dell’acne non siano correlati con i punteggi di qualità della vita nei pazienti affetti da acne. Ma questi dati sottolineano chiaramente il carico emotivo e psicologico vissuto dai soggetti affetti da acne».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Scienziati «stampano» la prima pelle più simile a quella umana, accelera la guarigione delle ferite
Potrebbe essere una «svolta» contro le ferite. Un gruppo di ricercatori del Wake Forest Institute for Regenerative Medicine (Usa) ha ottenuto una pelle biostampata più simile che mai a quella umana. In una serie di esperimenti condotti su topi e maiali, la pelle creata è stata in grado di accelerare la guarigione delle ferite lasciando meno cicatrici del solito
Braccialetti hi-tech per proteggere la pelle dai raggi UV
Un sensore che può essere personalizzato e indossato, per avvertire quando la radiazione ultravioletta del Sole può essere rischiosa per la salute. Lo stanno mettendo a punto i ricercatori dell'ENEA e dell'Università Sapienza di Roma con l’obiettivo di misurare l’esposizione della pelle alla radiazione solare ed evitare di superare i livelli benefici
Salute, Lilt Firenze: «Ecco le 5 regole per una sana abbronzatura»
La dermatologa Tripo: «Evitare l’esposizione prolungata al sole e, soprattutto, nelle ore più calde tre le 11 e le 16»
«Freddo nemico della pelle, aumenta dermatiti e peggiora acne», i consigli della dermatologa
Nicoletta Bernardini, dermatologa e dirigente medico ospedaliero presso l’ASL di Latina, spiega l'impatto del freddo sulla nostra pelle ed elenca 6 trucchetti pratici per proteggerla
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...