Mondo 23 Settembre 2021 12:36

Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti

Passati da tempo i problemi di approvvigionamento, ora c’è una tale quantità di vaccini in circolazione che i Paesi ricchi non riescono più a smaltirli. E mentre la FDA americana approva la terza dose di Pfizer per gli over 65, sia Biden che Draghi promettono nuove donazioni ai Paesi in via di sviluppo

Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti

Ricordate quando solo qualche mese fa c’era scarsità di vaccini anti-Covid e (nei Paesi dell’Unione europea in primis), le campagne vaccinali dovettero per forza di cose subire un rallentamento? Ecco, ora in circolo ce ne sono talmente tante di dosi ancora da inoculare che se non troviamo a stretto giro un bel po’ di nuove braccia da pungere, entro fine anno ne butteremo circa un centinaio di milioni in tutto il mondo. È quanto sostiene un report di Airfinity, agenzia di ricerca che si occupa di analisi dati.

Superati già da tempo i “problemi” a livello di produzione da parte delle case farmaceutiche titolari dei brevetti dei vaccini attualmente approvati ed utilizzati, al momento viene immessa nelle vene dei sistemi sanitari di una piccola parte del mondo una quantità tale di dosi che è impossibile smaltirle, anche se si dovesse ricorrere alla terza dose per tutti.

Nguyen (Covax): «Dosi condivise con Paesi poveri tardi e a bassi volumi»

Il problema è che, oltre allo spreco di denaro pubblico speso per vaccini che non verranno utilizzati, ci sono Paesi (ovviamente quelli più poveri) che restano a guardare impotenti: secondo Human Rights Watch, infatti, il 75% dei vaccini è andato a soli dieci Paesi, mentre altri hanno potuto vaccinare solo il 2% della loro popolazione.

«Attualmente – ha spiegato Aurelia Nguyen, Amministratore delegato di Covax, il programma internazionale dell’OMS per garantire un equo accesso ai vaccini – le dosi tendono ad essere condivise in bassi volumi, e con preavvisi brevi, spesso poco prima della data di scadenza, rendendo molto difficile dal punto di vista logistico distribuirle ai Paesi capaci di gestirle».

Le promesse di Biden e Draghi

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha intanto autorizzato la somministrazione della terza dose del vaccino contro il Covid-19 di Pfizer-BioNTech (ad almeno sei mesi di distanza dalla conclusione del primo ciclo vaccinale), per le persone dai 65 anni in su e per i soggetti di età compresa tra i 18 e i 64 anni fragili o la cui frequente esposizione professionale al virus li pone ad alto rischio di gravi complicanze e di malattia grave.

Ciò significa che un bel po’ di dosi verranno utilizzate in questo modo e non verranno gettate, e ovviamente è una buona notizia. Ma se ci sono Paesi in cui una singola persona ha ricevuto (o riceverà) tre dosi di un vaccino, ce ne sono altri in cui di dosi non se ne sono viste affatto. Ed è per questo (e non è la prima volta) che i leader dei Paesi più agiati sono tornati a promettere aiuti a quelli più in difficoltà. Il Presidente americano Joe Biden ha annunciato infatti che gli Stati Uniti doneranno 500 milioni di dosi, mentre il Premier Draghi ha detto che, sebbene l’Italia si fosse impegnata a donare 15 milioni di dosi di vaccino entro fine anno, «siamo pronti a triplicare il nostro sforzo, donando altre 30 milioni di dosi ai Paesi più poveri».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
World Immunization Week, 23 milioni di bambini sotto 1 anno non hanno i vaccini di base
Durante la pandemia in calo le coperture vaccinali tra i più piccoli. Cricelli (SIMG): «Il Covid, in Italia, non ha fermato la campagna vaccinale contro l’influenza per adulti fragili e anziani. Anche se messo a dura prova, il sistema sanitario vaccinale italiano resta uno dei migliori al mondo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 522.071.859 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.267.246 i decessi. Ad oggi, oltre 11,41 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...