Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia

L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine

Una disciplina olistica basata sull’equilibrio energetico: è la Medicina tradizionale cinese che in Oriente vanta ben 2mila anni di storia. Da circa un secolo questa disciplina è arrivata in occidente ed è negli ultimi dieci anni circa che sta prendendo considerevolmente piede.

«La medicina cinese è una disciplina davvero molto ampia» spiega ai microfoni di Sanità Informazione, Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine.  «Una branca che comprende varie terapie tra cui per esempio l’agopuntura, attualmente molto richiesta non solo in Oriente ma anche in Occidente – prosegue in occasione dell’incontro organizzato alla Sapienza di Roma ‘Vent’anni di formazione in agopuntura e fitoterapia’ -. Inoltre, ad avere un buon riscontro a livello globale, sono anche altre tecniche che rientrano nella classifica della medicina cinese, come la fitoterapia (che utilizza piante ed estratti di vegetali) ed i massaggi che hanno un ruolo fondamentale. Attualmente se devo fare una stima, la medicina cinese è diffusa e ben radicata in almeno 20 paesi del mondo».

«Negli ultimi anni la medicina tradizionale cinese sta  ottenendo una grande risposta dai paesi occidentali, questo perché i pazienti ne fanno richiesta e vogliono ricorrere a questo tipo  di trattamenti».

«In questa ottica – prosegue Wang Xiaopin – chiaramente la formazione dei medici è assolutamente fondamentale. Infatti ci sono delle regole, dei pilastri da dover apprendere per esercitare questo tipo di tecnica e l’unico modo per sapere è studiare, formarsi. La Cina incoraggia questo tipo di educazione perché la medicina cinese è un bene prezioso ma i medici devono saperla applicare nel modo più corretto e cosciente. Di questo passo – conclude – mi auguro che la medicina tradizionale cinese ben presto possa rientrare tra le prestazioni previste dal Sistema Sanitario Nazionale di vari paesi».

Articoli correlati
Ecm, sanzioni e via l’Iva sui corsi
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
di Roberto Carlo Rossi Presidente Omceo Milano
Farmacisti ed ECM, Leopardi (Utifar): «Formazione fondamentale ma servirebbero più controlli»
Il Presidente di Federfarma Lazio e di Utifar spiega a Sanità Informazione il ruolo importantissimo dell’aggiornamento continuo per la professione: «Ancora qualche collega non in regola ma con avvicinarsi della scadenza ci sarà un rush finale»
Formazione continua, Rasi: «Doverosa per stare al passo della medicina»
«La missione e la credibilità di medici e professionisti sanitari sono troppo importanti, non possono restare indietro»
Scuola in Chirurgia Robotica della Statale di Milano, in un anno raddoppiano studenti e interventi
Bilancio positivo al termine dei primi dodici mesi: 300 interventi a fine 2021, 7 nuovi esperti formati in chirurgia mininvasiva robotica e nuove applicazioni
di Federica Bosco
Ecm, Del Bo (Fnopo): «Formazione determinante, il dovere degli Ordini è verificare aggiornamento degli iscritti»
Il segretario della Federazione degli Ordini delle Ostetriche a Sanità Informazione: «Aggiornarsi, per un professionista, è anche un dovere etico oltre che un obbligo stabilito dalla legge. Il compito dell’Ordine è proprio quello di certificare la qualità del professionista»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 240.692.909 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.898.901 i decessi. Ad oggi, oltre 6,61 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?