Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia

L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine

Una disciplina olistica basata sull’equilibrio energetico: è la Medicina tradizionale cinese che in Oriente vanta ben 2mila anni di storia. Da circa un secolo questa disciplina è arrivata in occidente ed è negli ultimi dieci anni circa che sta prendendo considerevolmente piede.

«La medicina cinese è una disciplina davvero molto ampia» spiega ai microfoni di Sanità Informazione, Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine.  «Una branca che comprende varie terapie tra cui per esempio l’agopuntura, attualmente molto richiesta non solo in Oriente ma anche in Occidente – prosegue in occasione dell’incontro organizzato alla Sapienza di Roma ‘Vent’anni di formazione in agopuntura e fitoterapia’ -. Inoltre, ad avere un buon riscontro a livello globale, sono anche altre tecniche che rientrano nella classifica della medicina cinese, come la fitoterapia (che utilizza piante ed estratti di vegetali) ed i massaggi che hanno un ruolo fondamentale. Attualmente se devo fare una stima, la medicina cinese è diffusa e ben radicata in almeno 20 paesi del mondo».

«Negli ultimi anni la medicina tradizionale cinese sta  ottenendo una grande risposta dai paesi occidentali, questo perché i pazienti ne fanno richiesta e vogliono ricorrere a questo tipo  di trattamenti».

«In questa ottica – prosegue Wang Xiaopin – chiaramente la formazione dei medici è assolutamente fondamentale. Infatti ci sono delle regole, dei pilastri da dover apprendere per esercitare questo tipo di tecnica e l’unico modo per sapere è studiare, formarsi. La Cina incoraggia questo tipo di educazione perché la medicina cinese è un bene prezioso ma i medici devono saperla applicare nel modo più corretto e cosciente. Di questo passo – conclude – mi auguro che la medicina tradizionale cinese ben presto possa rientrare tra le prestazioni previste dal Sistema Sanitario Nazionale di vari paesi».

Articoli correlati
Formazione ECM, Ugenti (Ministero Salute): «Un dovere e un’opportunità, anche per i nuovi professionisti sanitari»
Intervenuta al convegno Agenas dedicato alla formazione continua nel settore salute, la direttrice generale delle professioni sanitarie invita medici e operatori ad adempiere all’obbligo dell’aggiornamento: «È un principio strettamente legato alla professione»
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...
Formazione

Formazione ECM, c’è tempo fino al 2019 per mettersi in regola. La proposta di Lenzi (Area medica): «Rafforzare obbligo crediti in alcune discipline»

Delibera Agenas stabilisce che per il triennio 2014/2016 si potranno utilizzare i crediti maturati nel periodo 2017/2019. Il presidente del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie e membro della Comm...