Lavoro 30 Gennaio 2020 16:53

Riscatto agevolato della laurea, l’INPS chiarisce: «Può chiederlo anche chi ha studiato prima del ‘96»

Previsto un pagamento annuo della cifra agevolata di 5.260 euro per ogni anno di Università

Anche chi ha studiato prima del 1996 può chiedere il riscatto agevolato della laurea. Lo ha chiarito la Circolare INPS 6 del 22 gennaio 2020 con riferimento al decreto 4 del 2019 sulla riforma pensionistica. Lì era stata introdotta un’agevolazione per chi voleva riscattare gli anni di studio successivi al 1995, vale a dire da quando è iniziato il sistema di calcolo delle pensioni interamente contributivo. Il riscatto della laurea prevede un pagamento annuo della cifra agevolata di 5.260 euro per ogni anno di Università (esclusi gli anni fuori corso). Il pagamento può essere fatto in una sola soluzione o dilazionato fino a 120 rate mensili. Fra i requisiti previsti, bisogna aver conseguito il diploma di laurea, diversamente il riscatto non sarà ammesso, ed essere assicurato presso l’INPS, cioè aver versato dei contributi IVS.

LEGGI LA CIRCOLARE INPS

La circolare dell’Istituto nazionale della previdenza sociale specifica molto chiaramente che chi ha svolto il proprio percorso di studi prima del 1996 (o a cavallo di quell’anno, data in cui è entrata a in vigore la riforma pensioni del governo Dini) può chiedere l’applicazione del riscatto. Esistono però delle condizioni. Il soggetto in questione deve avere meno di 18 anni versati prima del 31 dicembre 1995, almeno 15 anni di contributi versati (al momento della richiesta) e almeno 5 anni nel periodo contributivo successivo al 1995. Sempre stando a quanto specificato dalla circolare, è necessario chiedere il riscatto con il sistema contributivo insieme alla domanda di pensionamento. Se la domanda è stata già presentata ma non ancora definita, è comunque possibile inoltrare la richiesta.

«Con i versamenti in misura fissa – spiega il Dott. Christian Tomi della F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners –, indipendentemente dal livello di reddito o dallo stato occupazionale, si potranno coprire gli anni scoperti da contribuzione nel diritto, ma non anche nella misura. Fino al 31 dicembre 1995, infatti, il sistema di calcolo della pensione è retributivo, mentre dopo diventa contributivo. Ebbene, gli anni riscattati per motivi di studio ante 1996 saranno considerati dall’INPS ai fini pensionistici sono nel regime contributivo, in deroga al sistema di calcolo tradizionale». Si prevede un’elevata richiesta? «L’operazione riscatto contributivo agevolato – spiega ancora Tomi –, nei primi nove mesi dalla sua entrata in vigore, marzo 2019, ha avuto un successo inaspettato, con ben 67.680 domande di riscatto presentate online all’INPS. Questa possibilità, in via sperimentale, sarà in vigore fino al 2021 salvo proroghe».

LEGGI ANCHE: È VERO CHE ADESSO È POSSIBILE RISCATTARE GLI ANNI DI LAUREA ANCHE PRIMA DEL 1996?

Articoli correlati
Pensioni, è facile aumentarle con l’allineamento dei contributi
Lo strumento, messo a disposizione da Enpam per i suoi iscritti, permette un incremento sostanziale dell’importo della pensione
Pensione medici, ecco come aumentarla tramite i riscatti
Analizziamo uno degli strumenti messi a disposizione dall’Enpam per aiutare i propri iscritti
Aumentare la pensione? Ecco come farlo con i riscatti
Enpam offre l’opportunità di far valere a fini pensionistici i periodi scoperti da contribuzione
PNRR, Enpam: «Dipendenza mmg mette a rischio il pagamento delle pensioni già maturate»
«Grazie agli sforzi fatti dall’intera categoria, la Fondazione Enpam – con le regole attuali – è invece l’ente più patrimonializzato d’Italia, con una solidità dimostrata a 50 anni e oltre»
Lavorare fino a 70 anni per far fronte alla carenza di medici: gli incentivi Enpam
Dalla reintroduzione dei coefficienti di maggiorazione all'aggiornamento dei coefficienti di adeguamento all’aspettativa di vita, ecco le misure ipotizzate dall'Enpam
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...