Lavoro 18 Agosto 2020 10:16

Più compiti agli specializzandi per smaltire le liste d’attesa. CIMO-Fesmed: «È sfruttamento per legge»

Il sindacato si schiera contro il DL Agosto che aumenta il carico di responsabilità dei medici agli ultimi anni della scuola di specializzazione: «Norma-toppa scandalosa»

Più compiti agli specializzandi per smaltire le liste d’attesa. CIMO-Fesmed: «È sfruttamento per legge»

«Sfruttamento e aumento del carico di lavoro senza riconoscimenti e tutele: nelle pieghe del DL Agosto il governo sta ulteriormente aggravando la situazione dei medici specializzandi e li carica di ulteriori compiti senza alcun riconoscimento economico o tutela, come “brillante” escamotage per superare il problema delle liste di attesa». CIMO-Fesmed si affianca così al “non ci sto” dei medici specializzandi contro una norma che il sindacato dei medici ospedalieri giudica «scandalosa» per più ragioni: etiche, economiche, giuslavorative, professionali. «E che dimostra ancora una volta l’incapacità della politica di affrontare la soluzione dei problemi della sanità in modo sistemico anziché con interventi tampone, per di più iniqui», il commento del sindacato.

«CIMO-Fesmed – continua la nota – concorda dunque con le critiche di Federspecializzandi alla norma, non solo perché sono stati gli unici a non essere stati inclusi nel “premio Covid” pur essendosi impegnati al pari degli altri sanitari, ma anche perché ora, per tentare l’abbattimento delle liste d’attesa, viene loro chiesto un aumento delle attività e un incremento delle responsabilità professionali senza alcun riconoscimento economico o di altro tipo, elementi che si aggiungono alle condizioni già scarsamente tutelate di questa categoria».

«Non possiamo che essere esasperati – commenta il presidente di CIMO-Fesmed Guido Quici – per il continuo stillicidio di peggioramenti per le condizioni lavorative di tutte le categorie dei medici, che non solo arrivano come conseguenza di decenni di cattiva programmazione e spreco, ma addirittura “ex lege” e dopo un periodo in cui la dedizione totale oltre che il ruolo fondamentale dei sanitari per il sistema paese sono stati più che evidenti. Una norma che sfrutta oltre i loro compiti e a costo zero i colleghi specializzandi non solo aggrava la loro vita lavorativa, ma appare un atto miope o forse disperato per non saper più come affrontare la problematica delle liste di attesa», aggiunge Quici.

«La questione dei lunghi tempi di attesa per le visite ospedaliere – spiega il sindacato, che da tempo denuncia il problema – nasce dalla mancanza di personale con le specializzazioni necessarie ai fabbisogni, che a sua volta risale al fatto che non si è voluto programmare un cambio generazionale nella professione; a questo si aggiunge la cattiva organizzazione delle aziende ospedaliere, che mirano ad una gestione di mero “efficientamento economico”, con i risultati che sono semplici da riscontrare: a partire dalla migrazione dei giovani medici verso l’estero alla deriva dei servizi verso una sanità “esterna” al SSN, con costi incalcolabili per i cittadini. Ma non è più il tempo delle “toppe” al sistema. Se non si è capaci di gratitudine verso i medici, almeno si richiede una minima capacità di visione per il futuro della salute pubblica e seri investimenti strutturali».

Articoli correlati
In Sardegna tornano i “medici in affitto” per fronteggiare la carenza di personale
Una società esterna fornirà i medici per il Punto di Primo Intervento dell’ospedale di Delogu (Oristano). I presidenti degli OMCeO sardi non ci stanno: «Scelta inopportuna, serve attivare un nuovo corso di formazione». Quici (Cimo): «Così si creano medici di serie A e medici di Serie B»
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
CIMO-FESMED: «Vergognoso sfruttare pandemia per un task shifting contro i medici»
CIMO-FESMED ribadisce la propria posizione in relazione a diversi interventi giudicati poco lungimiranti se non ostili alla categoria dei medici
‘Doppia laurea’, via libera dalla Commissione Cultura. E gli specializzandi potranno frequentare master e dottorati
La proposta di legge rappresenta un grande passo in avanti per ampliare l’offerta formativa universitaria e offrire maggiori opportunità di lavoro ai nostri giovani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 179.601.602 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.891.974 i decessi. Ad oggi, oltre 2,73 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM