Lavoro 18 Agosto 2020 10:16

Più compiti agli specializzandi per smaltire le liste d’attesa. CIMO-Fesmed: «È sfruttamento per legge»

Il sindacato si schiera contro il DL Agosto che aumenta il carico di responsabilità dei medici agli ultimi anni della scuola di specializzazione: «Norma-toppa scandalosa»

Più compiti agli specializzandi per smaltire le liste d’attesa. CIMO-Fesmed: «È sfruttamento per legge»

«Sfruttamento e aumento del carico di lavoro senza riconoscimenti e tutele: nelle pieghe del DL Agosto il governo sta ulteriormente aggravando la situazione dei medici specializzandi e li carica di ulteriori compiti senza alcun riconoscimento economico o tutela, come “brillante” escamotage per superare il problema delle liste di attesa». CIMO-Fesmed si affianca così al “non ci sto” dei medici specializzandi contro una norma che il sindacato dei medici ospedalieri giudica «scandalosa» per più ragioni: etiche, economiche, giuslavorative, professionali. «E che dimostra ancora una volta l’incapacità della politica di affrontare la soluzione dei problemi della sanità in modo sistemico anziché con interventi tampone, per di più iniqui», il commento del sindacato.

«CIMO-Fesmed – continua la nota – concorda dunque con le critiche di Federspecializzandi alla norma, non solo perché sono stati gli unici a non essere stati inclusi nel “premio Covid” pur essendosi impegnati al pari degli altri sanitari, ma anche perché ora, per tentare l’abbattimento delle liste d’attesa, viene loro chiesto un aumento delle attività e un incremento delle responsabilità professionali senza alcun riconoscimento economico o di altro tipo, elementi che si aggiungono alle condizioni già scarsamente tutelate di questa categoria».

«Non possiamo che essere esasperati – commenta il presidente di CIMO-Fesmed Guido Quici – per il continuo stillicidio di peggioramenti per le condizioni lavorative di tutte le categorie dei medici, che non solo arrivano come conseguenza di decenni di cattiva programmazione e spreco, ma addirittura “ex lege” e dopo un periodo in cui la dedizione totale oltre che il ruolo fondamentale dei sanitari per il sistema paese sono stati più che evidenti. Una norma che sfrutta oltre i loro compiti e a costo zero i colleghi specializzandi non solo aggrava la loro vita lavorativa, ma appare un atto miope o forse disperato per non saper più come affrontare la problematica delle liste di attesa», aggiunge Quici.

«La questione dei lunghi tempi di attesa per le visite ospedaliere – spiega il sindacato, che da tempo denuncia il problema – nasce dalla mancanza di personale con le specializzazioni necessarie ai fabbisogni, che a sua volta risale al fatto che non si è voluto programmare un cambio generazionale nella professione; a questo si aggiunge la cattiva organizzazione delle aziende ospedaliere, che mirano ad una gestione di mero “efficientamento economico”, con i risultati che sono semplici da riscontrare: a partire dalla migrazione dei giovani medici verso l’estero alla deriva dei servizi verso una sanità “esterna” al SSN, con costi incalcolabili per i cittadini. Ma non è più il tempo delle “toppe” al sistema. Se non si è capaci di gratitudine verso i medici, almeno si richiede una minima capacità di visione per il futuro della salute pubblica e seri investimenti strutturali».

Articoli correlati
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Specializzandi, la proposta del Pd: contratto della dirigenza e scuola di specializzazione per MMG
Al Senato la proposta di legge della dem Paola Boldrini: tra gli obiettivi collegare il numero delle borse di specializzazione ai reali bisogni delle diverse discipline sul territorio. L’assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: «Prossimi anni difficili, riforma urgente»
di Francesco Torre
Specializzandi, il 30% lavora più di 70 ore settimanali. «Scarse tutele e condizioni ai limiti dello sfruttamento»
I risultati dell’inchiesta dell’Associazione “Chi si cura di te?” sull’orario di lavoro dei medici in formazione specialistica. Fra orari insostenibili, riposi mancati e diritti negati
Specializzandi in corsia, ufficializzate le regole su formazione e assunzione
È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale l’accordo quadro per la formazione e l'assunzione degli specializzandi al terzo anno
La denuncia di Quici (Cimo-Fesmed): «L’84% dei medici che entrano nel SSN non ha nessuna aspettativa di carriera»
Turni che superano le 48 ore, 11mila strutture complesse e semplici tagliate, un taglio del salario accessorio del 20% rispetto al 5% della riduzione del numero dei medici e poi ancora le aggressioni e il contenzioso. Il presidente CIMO spiega cosa affrontano i medici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali