Lavoro 16 Giugno 2021 13:08

Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»

Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca

Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»

I medici di famiglia non ne possono più «di essere il terminale delle indecisioni degli altri». La «vaghezza con cui l’Aifa si esprime in merito al mix vaccinale» è «inaccettabile». E chi dovrebbe prendersi la responsabilità di somministrare vaccini a mRna per completare il ciclo iniziato con AstraZeneca? Silvestro Scotti, Segretario nazionale della FIMMG (Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale) è a dir poco innervosito da quel che sta accadendo negli ultimi giorni per quanto riguarda la campagna vaccinale. In particolare, è l’indicazione (considerata troppo vaga) di effettuare il richiamo a chi ha avuto la prima dose di AstraZeneca (ora vietato agli under60) con Pfizer o Moderna a scatenare la sua protesta.

Scotti: «Speranza sostituisca Cts dell’AIFA»

«Da un ente regolatorio – ha spiegato all’Adnkronos Salute – mi aspetto una regola definita, soprattutto dopo la difficile storia comunicativa del vaccino AstraZeneca. I cittadini ci chiamano continuamente per chiarimenti. Noi non abbiamo risposte». Per questi motivi il Segretario FIMMG chiede addirittura al Ministro della Salute Roberto Speranza la sostituzione del Cts dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

«In generale troviamo di fronte a un modello comunicativo completamente sbagliato con informazioni che rischiano di confondere – afferma Scotti – supportato da un sistema regolatorio che si è dimostrato incapace. In tema di vaccini non credo che le pronunce fatte fino ad oggi appartengano alla serietà di un ente regolatorio che deve dare sicurezza agli operatori e ai cittadini. E in un Paese normale sarebbero state chieste le dimissioni dei responsabili delle ‘non decisioni’».

Secondo Scotti «è’ assolutamente evidente» che in AIFA c’è un Comitato tecnico scientifico «inefficace, succube del problema dell’appropriatezza amministrativa di cui si preoccupa più che dell’appropriatezza assistenziale. Forse sarebbe bene che, periodicamente, queste strutture fossero rinnovate. Il caso AstraZeneca mostra tutta l’inefficienza di questa Commissione».

Anelli: «Grande disorientamento tra cittadini e personale sanitario»

«Il disorientamento che tutti noi costatiamo in questo momento tra i cittadini, ma anche tra il personale sanitario, in seguito alle ultime decisioni del Governo e dell’AIFA» in merito alla ripianificazione della campagna vaccinale «ci porta a fare una serie di riflessioni». Così in un video il Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli. «Credo che sia il momento – ha spiegato – di sottolineare quanto sia necessario e indispensabile il ruolo del medico. In fin dei conti, è il medico che decide quando somministrare un farmaco e anche in questa circostanza», data la possibile scelta tra quattro diversi vaccini, deve essere «il medico a decidere in quanto può farlo sulla base delle indicazioni e delle raccomandazioni del Ministero ma soprattutto delle caratteristiche del cittadino che si trova di fronte rispetto alle sue patologie, al suo vissuto e alle sue richieste».

Il Presidente della Federazione crede che «il ruolo che può giocare oggi la professione diventa fondamentale», in quanto «abbiamo visto che il vaccino non può essere somministrato senza prescrizione medica, perché ogni momento in cui un medico prescrive un farmaco sa cosa fa ma soprattutto si assume le sue responsabilità. È il momento – conclude Anelli – che gli italiani riflettano e che l’attività della professione torni ad essere un grande valore per la tutela della salute dei cittadini».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...