Lavoro 16 Giugno 2021 13:08

Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»

Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca

Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»

I medici di famiglia non ne possono più «di essere il terminale delle indecisioni degli altri». La «vaghezza con cui l’Aifa si esprime in merito al mix vaccinale» è «inaccettabile». E chi dovrebbe prendersi la responsabilità di somministrare vaccini a mRna per completare il ciclo iniziato con AstraZeneca? Silvestro Scotti, Segretario nazionale della FIMMG (Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale) è a dir poco innervosito da quel che sta accadendo negli ultimi giorni per quanto riguarda la campagna vaccinale. In particolare, è l’indicazione (considerata troppo vaga) di effettuare il richiamo a chi ha avuto la prima dose di AstraZeneca (ora vietato agli under60) con Pfizer o Moderna a scatenare la sua protesta.

Scotti: «Speranza sostituisca Cts dell’AIFA»

«Da un ente regolatorio – ha spiegato all’Adnkronos Salute – mi aspetto una regola definita, soprattutto dopo la difficile storia comunicativa del vaccino AstraZeneca. I cittadini ci chiamano continuamente per chiarimenti. Noi non abbiamo risposte». Per questi motivi il Segretario FIMMG chiede addirittura al Ministro della Salute Roberto Speranza la sostituzione del Cts dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

«In generale troviamo di fronte a un modello comunicativo completamente sbagliato con informazioni che rischiano di confondere – afferma Scotti – supportato da un sistema regolatorio che si è dimostrato incapace. In tema di vaccini non credo che le pronunce fatte fino ad oggi appartengano alla serietà di un ente regolatorio che deve dare sicurezza agli operatori e ai cittadini. E in un Paese normale sarebbero state chieste le dimissioni dei responsabili delle ‘non decisioni’».

Secondo Scotti «è’ assolutamente evidente» che in AIFA c’è un Comitato tecnico scientifico «inefficace, succube del problema dell’appropriatezza amministrativa di cui si preoccupa più che dell’appropriatezza assistenziale. Forse sarebbe bene che, periodicamente, queste strutture fossero rinnovate. Il caso AstraZeneca mostra tutta l’inefficienza di questa Commissione».

Anelli: «Grande disorientamento tra cittadini e personale sanitario»

«Il disorientamento che tutti noi costatiamo in questo momento tra i cittadini, ma anche tra il personale sanitario, in seguito alle ultime decisioni del Governo e dell’AIFA» in merito alla ripianificazione della campagna vaccinale «ci porta a fare una serie di riflessioni». Così in un video il Presidente della FNOMCeO Filippo Anelli. «Credo che sia il momento – ha spiegato – di sottolineare quanto sia necessario e indispensabile il ruolo del medico. In fin dei conti, è il medico che decide quando somministrare un farmaco e anche in questa circostanza», data la possibile scelta tra quattro diversi vaccini, deve essere «il medico a decidere in quanto può farlo sulla base delle indicazioni e delle raccomandazioni del Ministero ma soprattutto delle caratteristiche del cittadino che si trova di fronte rispetto alle sue patologie, al suo vissuto e alle sue richieste».

Il Presidente della Federazione crede che «il ruolo che può giocare oggi la professione diventa fondamentale», in quanto «abbiamo visto che il vaccino non può essere somministrato senza prescrizione medica, perché ogni momento in cui un medico prescrive un farmaco sa cosa fa ma soprattutto si assume le sue responsabilità. È il momento – conclude Anelli – che gli italiani riflettano e che l’attività della professione torni ad essere un grande valore per la tutela della salute dei cittadini».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
Cosa si può fare (o non fare) in zona gialla?
Ora che, dopo mesi di un’Italia interamente bianca, abbiamo di nuovo una Regione in zona gialla (il Friuli Venezia Giulia), è bene rinfrescarsi la memoria su quali limitazioni vengono di nuovo imposte per limitare il contagio da Covid-19. In particolare ora che al green pass si è aggiunto il super green pass. Ma cosa si […]
“Value based Vaccination Project”, il primo studio al mondo sul valore delle vaccinazioni
Il paper si basa sui 4 pilastri proposti dall’Expert Panel on Effective Ways of Investing in Health (EXPH) della Commissione Europea: valore personale, tecnico, allocativo e sociale. Dai sanitari alla politica, fino alle imprese: ecco tutte le reazioni alla pubblicazione
di Isabella Faggiano
Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18
Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al primo dicembre, sono 262.857.019 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.216.780 i decessi. Ad oggi, oltre 7,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano