Lavoro 9 Novembre 2018 16:15

Il professor Enrico Gherlone è il nuovo rettore dell’Università Vita-Salute San Raffaele. L’intervista a Sanità Informazione

Il professore è stato votato all’unanimità dal Consiglio di Amministrazione dell’università. Ai nostri microfoni evidenziava la necessità di implementare l’offerta di odontoiatria pubblica

Cambio al vertice dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Il Consiglio di Amministrazione dell’università ha votato all’unanimità il professor Enrico Gherlone nuovo rettore dell’ateneo. Il professor Gherlone subentra a Alessandro Del Maschio, professore ordinario di Radiologia, che lascia dopo 6 anni di mandato.

«Sono grato al presidente Paolo Rotelli e al Consiglio di Amministrazione dell’università che mi hanno onorato con questa carica prestigiosa – ha affermato il professor Enrico Gherlone -. Ho fatto parte di questo ateneo fin dalla sua fondazione, l’ho visto crescere e diventare in poco tempo un punto di riferimento prima nazionale e poi anche internazionale. Oggi sono stato chiamato per alimentare questa crescita, senza abbandonare la tradizione, ma avendo ben chiaro che il primo obiettivo è quello di consolidare la nostra posizione a livello internazionale, creare partnership con importanti atenei, confrontandoci con il meglio che esiste per poter offrire ai nostri studenti una grande eccellenza clinica affiancata alla migliore esperienza didattica e scientifica».

LEGGI ANCHE: ODONTOIATRI, BOOM DI LAUREATI ALL’ESTERO: SONO IL 40% DEI NUOVI ISCRITTI ALL’ALBO

62 anni, genovese, Enrico Gherlone si laurea in Medicina e Chirurgia con il massimo dei voti presso l’Università di Genova, la sua carriera è costellata di cattedre e cariche nell’area dell’odontoiatria. Ed è proprio sulla carenza di offerta di odontoiatria pubblica che ha recentemente rilasciato un’intervista a Sanità Informazione: «L’odontoiatria per il 93% è privata, solo il 7% è pubblico – spiegava Gherlone -. Stiamo quindi cercando di implementare l’offerta pubblica, perché la salute orale non è che uno specchio della salute generale ed è giusto che il cittadino possa usufruire di tutti i servizi in grado di assicurargli benessere».

Commentava quindi la nascita e la diffusione di catene ‘low cost’: «Questi network odontoiatrici, in alcuni casi, hanno comportato un abbassamento della qualità delle prestazioni. Il Collegio dei Docenti Universitari di Discipline Odontostomatologiche ha cercato di contrapporsi a questo fenomeno emanando a livello ministeriale raccomandazioni cliniche, cioè ponendo un’asticella di operatività sotto la quale la salute del cittadino non deve mai scendere. Ma bisognerebbe regolamentare queste realtà attraverso un attento monitoraggio da parte degli ordini professionali».

Articoli correlati
SSN e odontoiatria, Pergola (Cisl Medici Lazio): «Avvilente non poter dare la dentiera ad anziani con basso reddito»
«Nel pubblico è prevista un'esenzione completa per le cure e per le estrazioni, però quando si arriva alle protesi il costo medio si aggira sugli 800 euro. Purtroppo esistono pazienti con 500 euro di pensione. Non sono previsti bonus o rateizzazioni, non c'è modo per aiutarli»
di Vanessa Seffer, Uff. stampa Cisl Medici Lazio
Odontoiatria, 1231 posti all’università nel 20/21. Iandolo (CAO): «Tenere conto dei laureati all’estero nei fabbisogni»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri nazionale si dice preoccupato per i numeri troppo alti: «Se sforiamo quale sarà il loro destino? La disoccupazione»
Gerhard Seeberger si insedia al vertice FDI. L’odontoiatria italiana sul tetto del mondo
Una notizia prestigiosa per l’Italia. Gerhard Konrad Seeberger, 61 anni, past president di Associazione Italiana Odontoiatri, è il nuovo presidente della Federazione Dentale Internazionale-FDI, il massimo organismo rappresentativo dell’Odontoiatria mondiale, che raccoglie 200 associazioni odontoiatriche di 130 nazioni e oltre un milione di iscritti. Medico Odontoiatra, cagliaritano di origini bavaresi, da sempre in prima linea […]
Odontoiatria, SMI con Bartolazzi: «Rivedere requisiti per accesso a SSN»
Il Segretario del Sindacato Medici Italiani Pina Onotri sottolinea: «È assurdo che la laurea in odontoiatria di sei anni, che rilascia il titolo di medico odontoiatra, non permetta l’accesso alla graduatoria della specialistica» Il Sottosegretario aveva parlato in Parlamento di «una revisione della disciplina dell’accesso ai concorsi»
Al Policlinico di Catania c’è una UOC di odontoiatria dedicata ai pazienti disabili in cui non si curano solo i denti
Marco Terranova, l’odontoiatra che ha ideato il progetto insieme a Riccardo Spampinato: «Abbiamo iniziato portando in giro le nostre apparecchiature con la mia station wagon. Adesso abbiamo anche il cardiologo, il fisioterapista, lo psicologo e l’otorinolaringoiatra. Non so se in Italia ci siano altre strutture simili, ma se esistono sono contento»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre, sono 230.090.110 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.719.197 i decessi. Ad oggi, oltre 5,99 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco