Salute 6 Agosto 2018 17:50

Odontoiatri, boom laureati all’estero: sono il 40% dei nuovi iscritti all’Albo

Il Presidente Cao Iandolo: «Dato di cui tenere conto per una corretta programmazione». Tra i motivi quello di aggirare il test d’ingresso o la volontà di fare esperienza fuori dall’Italia

Sempre più dentisti italiani si laureano all’estero. Secondo i dati elaborati dal Ced della Federazione nazionale degli Ordini dei medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) dei 1335 odontoiatri che, nel 2017, si sono iscritti per la prima volta all’Albo, infatti, 531 avevano conseguito il titolo di studio in Paesi stranieri. Un numero rilevante, circa il 40%, che potrebbe essere in gran parte sintomo del fenomeno, abbastanza recente, della ‘migrazione’ di studenti che decidono di frequentare all’estero la facoltà di Odontoiatria. La notizia è stata riportata dal Sole 24 Ore.

LEGGI ANCHE: ODONTOIATRIA, LA “CENERENTOLA” DEL SSN. IANDOLO (FNOMCeO): «OLTRE 90% DELLE PRESTAZIONI E’ PRIVATO. CONTRASTARE LOW COST E ABUSIVISMO»

Il rischio, come ha sottolineato Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri (Cao) della Fnomceo, è quello di sforare il fabbisogno che per il 2014 è di 1290 nuovi odontoiatri dato sul quale è stato calcolato il numero di 1.096 accessi al Corso di Laurea per l’anno accademico 2018/2019. «Supponiamo – sottolinea Iandolo – che nel 2024 le 1096 matricole di quest’anno siano tutte laureate e si iscrivano agli Albi. Aggiungiamo ora 500 laureati all’estero che chiedono il riconoscimento dei titoli per iscriversi anche loro ai nostri Ordini: ecco che avremmo sforato il fabbisogno di più di 300 professionisti». Il riconoscimento dei titoli avviene, per i paesi comunitari, ai sensi della Direttiva comunitaria 2005/36, e viene sancito dalla Conferenza dei Servizi, che controlla che i titoli siano conformi. «Si tratta di un trend – spiega Iandolo – che pare in crescita, quello di iscriversi in Università di altri paesi europei, un po’ per aggirare i test di accesso, perché l’offerta formativa privata è più ampia rispetto all’Italia o per fare un’esperienza all’estero, ma qualsiasi ne sia la ragione – conclude – non possiamo non tener conto di questo fenomeno ai fini di una programmazione corretta ed efficace».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Pandemia e cure dentistiche, l’igiene “casalinga” è in picchiata ma decollano le terapie ortodontiche
Frojo (presidente CAO Napoli): «Per molte persone questo è il momento migliore per un investimento a lungo termine sulla propria salute dentale»
Vaccini Covid, arrivano i rinforzi: nella campagna anche odontoiatri, pediatri e farmacie
Con l'approvazione del Dl Sostegni, rientrano tra i vaccinatori nuove categorie: infermieri e odontoiatri negli hub senza conflitto di interessi, i pediatri copriranno i caregiver. In farmacia nuovi spazi, ma Fnomceo chiede la presenza di un medico
Sit-in al Ministero della Salute di medici e odontoiatri libero professionisti: «Noi ancora senza vaccino»
I camici bianchi in piazza per protestare contro l’ineguale trattamento con gli altri medici: «Perché siamo stati esclusi dalla fascia prioritaria del piano vaccinale?». A guidare la protesta Paolo Mezzana: «Nel Lazio differenze anche tra ASL. Ministro Speranza è consapevole della nostra condizione»
Odontoiatri e vaccino anti-Covid, Iandolo (CAO): «Non vogliamo essere tagliati fuori»
Il presidente della Commissione Albo Odontoiatri: «Si segua criterio di esposizione al rischio, non di inquadramento contrattuale». Sì ad arruolamento come vaccinatori “in strutture ad hoc”
Vaccino anti-Covid, Iandolo (CAO): «Odontoiatri pronti a somministrarlo»
«Coinvolgere gli odontoiatri nella campagna, e vaccinarli per primi, insieme al personale di studio». Chiesta anche la proroga dell’esenzione IVA sui DPI
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...