Salute 6 Agosto 2018 17:50

Odontoiatri, boom laureati all’estero: sono il 40% dei nuovi iscritti all’Albo

Il Presidente Cao Iandolo: «Dato di cui tenere conto per una corretta programmazione». Tra i motivi quello di aggirare il test d’ingresso o la volontà di fare esperienza fuori dall’Italia

Sempre più dentisti italiani si laureano all’estero. Secondo i dati elaborati dal Ced della Federazione nazionale degli Ordini dei medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) dei 1335 odontoiatri che, nel 2017, si sono iscritti per la prima volta all’Albo, infatti, 531 avevano conseguito il titolo di studio in Paesi stranieri. Un numero rilevante, circa il 40%, che potrebbe essere in gran parte sintomo del fenomeno, abbastanza recente, della ‘migrazione’ di studenti che decidono di frequentare all’estero la facoltà di Odontoiatria. La notizia è stata riportata dal Sole 24 Ore.

LEGGI ANCHE: ODONTOIATRIA, LA “CENERENTOLA” DEL SSN. IANDOLO (FNOMCeO): «OLTRE 90% DELLE PRESTAZIONI E’ PRIVATO. CONTRASTARE LOW COST E ABUSIVISMO»

Il rischio, come ha sottolineato Raffaele Iandolo, presidente della Commissione Albo Odontoiatri (Cao) della Fnomceo, è quello di sforare il fabbisogno che per il 2014 è di 1290 nuovi odontoiatri dato sul quale è stato calcolato il numero di 1.096 accessi al Corso di Laurea per l’anno accademico 2018/2019. «Supponiamo – sottolinea Iandolo – che nel 2024 le 1096 matricole di quest’anno siano tutte laureate e si iscrivano agli Albi. Aggiungiamo ora 500 laureati all’estero che chiedono il riconoscimento dei titoli per iscriversi anche loro ai nostri Ordini: ecco che avremmo sforato il fabbisogno di più di 300 professionisti». Il riconoscimento dei titoli avviene, per i paesi comunitari, ai sensi della Direttiva comunitaria 2005/36, e viene sancito dalla Conferenza dei Servizi, che controlla che i titoli siano conformi. «Si tratta di un trend – spiega Iandolo – che pare in crescita, quello di iscriversi in Università di altri paesi europei, un po’ per aggirare i test di accesso, perché l’offerta formativa privata è più ampia rispetto all’Italia o per fare un’esperienza all’estero, ma qualsiasi ne sia la ragione – conclude – non possiamo non tener conto di questo fenomeno ai fini di una programmazione corretta ed efficace».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
A Pisa doppia laurea con Marsiglia e Stoccolma su IA e salute
arte all'Università di Pisa, prima in Italia, la laurea magistrale in biotecnologie e intelligenza artificiale applicata alla salute che consentirà di ottenere un doppio titolo con l'Università di Aix Marsiglia o con quella di Stoccolma
di Redazione
Meno interventi massicci, più attenzione alla sostenibilità. Le proposte del Congresso AIO a Roma
Le nuove generazioni dell’Odontoiatria salgono in cattedra a Roma al 30° Congresso Nazionale di Associazione Italiana Odontoiatri-2°Congresso AIO Academy
Allarme dei dentisti, troppi italiani rinunciano alle cure per motivi economici
Spaventa anche il rischio contagio. Burioni: «Riprendiamo in mano la prevenzione a tutto tondo». Sileri: «PNRR per odontoiatria del territorio e sociale»
L’ordinanza “pilota”: i laureati in Odontoiatria possono accedere a graduatorie specialisti territoriali
Iandolo (Cao nazionale): «Massima soddisfazione, recepita appieno la nostra posizione. Ora intervenga il Legislatore»
Picco di contagi, fino a 5mila euro a medici e dentisti positivi
Gli importi del sussidio Enpam variano a seconda della gravità della condizione. Ecco come fare domanda
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...