Lavoro 16 Dicembre 2021 17:20

Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»

A Roma l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso FNOPI. La presidente Mangiacavalli sugli obiettivi della sanità del futuro: «Integrazione multiprofessionale, recupero di prestazioni e interventi “persi” in pandemia, aumento del personale infermieristico»

Congresso FNOPI, Speranza: «Gli infermieri fulcro di case e ospedali di comunità»

«Gli infermieri sono la spina dorsale di ogni sistema sanitario. Possono essere la risposta a molti problemi di salute del mondo, ma prima dobbiamo superare le barriere professionali, socioculturali ed economiche che ancora li ostacolano». Barbara Mangiacavalli, presidente della FNOPI, la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, ricorda l’appello lanciato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in occasione della giornata internazionale dell’Infermiere, in un giorno altrettanto importante per tutti i professionisti italiani: l’ultima tappa del 2021 del secondo Congresso Nazionale itinerante della FNOPI,  “Ovunque per il bene di tutti”.

Al Congresso FNOPI la sanità del futuro: i nodi da sciogliere

Sono tre le principali criticità da affrontare affinché queste barriere possano essere abbattute una ad una. «Innanzitutto – dice Mangiacavalli – è necessario cambiare il paradigma di riferimento: dobbiamo essere in grado di lavorare tutti insieme, medici e professionisti sanitari. Non deve mancare nemmeno il supporto della politica, affinché il cittadino assistito, con i propri bisogni di salute, possa diventare il fulcro del nuovo modello assistenziale. Per superare la seconda criticità è indispensabile creare le condizioni affinché possa essere recuperato tutto quello che abbiamo perso durante la pandemia, dalle prestazioni non erogate agli interventi non urgenti rimandati. Il terzo nodo da sciogliere riguarda, invece, il fabbisogno di personale».

Più formazione, più qualità

La carenza di sanitari potrebbe essere in parte risolta con l’approvazione della legge di Bilancio: nella bozza è previsto un finanziamento importante da destinare al personale sanitario. «Ma non è solo un problema di numeri da formare, su cui peraltro l’Università pone il problema dei limiti strutturali – sottolinea la presidente FNOPI -. La difficoltà è formare non trascurando né qualità, né appropriatezza. Nel nostro settore scientifico disciplinare ci sono meno di 40 professori universitari incardinati, ovvero un professore ogni 1.350 studenti di infermieristica. In corsi di laurea adeguatamente strutturati la proporzione è di un professore ogni sei studenti».

PNRR, il ruolo degli infermieri

Investire sulla formazione è fondamentale anche per realizzare quanto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che, da oggi per i prossimi 5 anni, dovrà ridisegnare e rilanciare il Sistema Sanitario Nazionale. Al centro del PNNR ci sono le case e gli ospedali della comunità e al centro di queste due nuove strutture sanitarie dovrà esserci la professione infermieristica: «Gli infermieri – assicura il ministro della Salute, Roberto Speranza – saranno il fulcro delle case di comunità e gli ospedali di comunità dovranno essere a gestione infermieristica». Nuovi impegni che rendono ancora più urgente intervenire sulla carenza del personale infermieristico.

Il DM71

Gli infermieri che operano in Italia sono oltre 456 mila, il 60% dei quali è impiegato nel SSN. «Per garantire l’attuazione dei nuovi modelli organizzativi previsti nel PNRR ce ne vorrebbero almeno 20-30 mila in più», dice Domenico Mantoan, direttore generale dell’Agenas. Il calcolo del fabbisogno reale di personale sanitario aggiuntivo, ed il conseguente aumento dell’offerta formativa, è uno dei principali contenuti del DM71, a cui l’Agenas, in collaborazione con le Regioni e con l’interlocuzione di molti soggetti istituzionali, sta lavorando da diversi mesi per ottimizzare le risorse previste dal PNRR.

«I cinque anni che abbiamo di fronte fino al 2026, anno di “chiusura” del PNRR, sono cinque anni che devono essere di straordinari cambiamenti e rafforzamenti per le fondamenta del sistema sanitario –  dice Mangiacavalli -. Per questo, si deve fare lo sforzo di considerare la sanità come un insieme di professioni».

Dalle criticità alle eccellenze

Durante le tappe che il Congresso itinerante FNOPI ha compiuto in questi mesi, dal nord al sud della Penisola, sono state presentate anche le eccellenze della professione infermieristica «Sono 50 le buone pratiche innovative e replicabili su tutto il territorio nazionale finora premiate – racconta la presidente della FNOPI -, anche se molte altre avrebbero potuto ottenere un riconoscimento. Le nuove iniziative hanno spaziato dalle case dei cittadini, ai centri dedicati all’accoglienza e all’assistenza, alle scuole, alle strutture dedicate ad anziani e fragili, fino alle farmacie». A completare la celebrazione della professione infermieristica, a quasi 150 anni dalla sua nascita, la realizzazione di oltre 1.600 francobolli, raccolti in Sardegna dove è stato inaugurato il primo “Museo Internazionale dell’Arte Filatelica Infermieristica” del mondo.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ecco perché (quasi) nessuno vuole fare l’infermiere. L’allarme di Mangiacavalli (FNOPI)
A Sanità Informazione l’analisi di Barbara Mangiacavalli: «La nostra professione rischia di essere poco appetibile: percepiamo gli stipendi più bassi d’Europa, senza incentivi, né stimoli di carriera. I nostri ospedali saranno sempre più affollati da infermieri stranieri, le cui competenze non sono sottoposte a controllo»
FNOPI: «Bozza contratto, legge di Bilancio, riforme professionali: niente va nella direzione richiesta»
La Federazione nazionale Ordini delle Professioni Infermieristiche, a nome dei 456 mila professionisti che rappresenta, scrive una lettera aperta e si appella alla classe politica per richiedere un adeguato riconoscimento economico e la promozione di un sistema basato sulla meritocrazia
Medici e infermieri bocciano la legge di Bilancio: «Nessun intervento contro la carenza di personale»
Anaao Assomed: «Nessuna soluzione per fermare la fuga dei medici». FNOPI: «Brutto episodio per la professione infermieristica». Fismu: «Nulla per i medici del 118»
Nel 2050 i morti per infezioni ospedaliere in Italia saranno 450 mila. Lo studio
Censimento degli infermieri ANIPIO e le soluzioni proposte da ANIPIO e FNOPI
Cittadini (Aiop): «Al SSN serve una nuova programmazione sanitaria, valorizzare ruolo componente privata»
Incontro sul PNRR per fare il punto sui fondi europei e sulle politiche nazionali dedicate alla salute. Nel corso dei lavori è stata presentata una ricerca dell’Università Bocconi sul “ruolo della componente di diritto privato del SSN per l'implementazione di Next Generation EU
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre