Lavoro 21 Ottobre 2022 16:44

Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione

“Ovunque per il bene di tutti” è un percorso itinerante che racconta emozionanti storie di infermieri di famiglia e comunità che si sono distinti in diversi campi. L’assistenza sul territorio abbraccia la salute mentale, la pediatria, l’ausilio domiciliare, gli anziani e la scuola

Gli infermieri sono “Ovunque per il bene di tutti”. Il docufilm Fnopi che premia le eccellenze della professione

Al termine dell’ondata più dura della pandemia, la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) pianifica per la prima volta nella sua storia un congresso nazionale itinerante. “Ovunque per il bene di tutti” è un percorso sul territorio per raccontare e premiare alcune eccellenze della professione infermieristica.

In esclusiva su Ray Play le storie di infermieri a disposizione dei cittadini

Esperienze e progetti che hanno consentito di garantire assistenza anche in questi due anni difficili, restando sempre a fianco dei cittadini affinché nessuno restasse mai solo. Il docufilm in esclusiva su Rai Play prodotto dalla Fnopi ospita i loro racconti, le intense storie di infermieri e infermiere che, ogni giorno, fuori dal contesto ospedaliero in cui siamo abituati a vederli, si spendono a favore della comunità. Ne citeremo, qui, solo alcuni, con un plauso a tutti.

Gli infermieri sempre accanto ai cittadini in pandemia. L’obiettivo? Non lasciare solo nessuno

Punti di forza e sostegno ai medici, fondamentali nel contrastare l’emergenza sanitaria per Covid-19 che ha sconvolto il mondo. Sorridono quando si sentono chiamare “eroi” perché il loro approccio alla professione è sempre stato lo stesso, un approccio totalizzante per aiutare chi soffre che non è cambiato con l’esplosione della pandemia. Anche se qualcuno dichiara di essersi sentito «una pallina di flipper», i neolaureati sentivano addosso «la paura di non essere all’altezza», gli infermieri hanno dimostrato di essere «l’ossatura, l’anima del servizio ospedaliero territoriale». Quando i malati «cercano degli occhi che li confortino» loro sono lì. A costo di rischiare la propria vita.

L’assistenza ai malati oncologici: la storia di Franca

Franca non ha scelto di essere un’infermiera ma poi l’ha fatto per tutta la vita con grande passione. È stata «una benedizione», durante il Covid non si è mai fermata. Secondo lei, senza gli infermieri ed il loro infaticabile lavoro «saremo tutti più poveri e non in grado di dare le risposte necessarie ai bisogni sanitari della popolazione».

Dopo l’ospedale, ormai in pensione, si dedica all’assistenza domiciliare e strada facendo, si rende conto che occorre rispondere ad altri bisogni, all’assistenza domiciliare di cui «il territorio era sfornito». Insieme ad una collega riesce a creare uno spazio ambulatoriale per i malati oncologici, una casa dell’A.n.a.s a cui paga un affitto. Non solo medicazioni, l’infermiere è parte della cura, si porta addosso non solo il malato ma tutto l’insieme: la famiglia, la complessità della patologia, creando un sistema di relazioni confidenziali ed affettive.

“Ovunque per il bene di tutti” prosegue dal piccolo ambulatorio della tenace Franca alla casa della salute in cui grazie all’infermiere di famiglia ci si prende cura dei bisogni sanitari anche dei più piccoli. Il numero degli infermieri di famiglia e comunità in Italia è ancora troppo basso. Ne occorrerebbero almeno 25mila in più per l’assistenza sul territorio in applicazione del PNRR.

Il colore delle farfalle, la rete professionale e umana di sostegno a bambini e ragazzi

“Il colore delle farfalle” è un progetto di assistenza domiciliare integrata per bambini e adolescenti. L’infermiere collabora con il pediatra e con il team multi professionale. Il gruppo si incontra periodicamente una volta al mese per valutare le condizioni di salute dei ragazzi e i miglioramenti ottenuti grazie alla famiglia e a tutta la rete di sostegno dei professionisti sanitari e sociosanitari. «Un lavoro affascinante, gioioso e motivante», permette di toccare con mano i progressi nella qualità della vita di pazienti e famiglie. «L’infermiere del territorio e della comunità è un professionista sempre presente in tutti i team assistenziali, non esiste un processo assistenziale senza un infermiere. Ogni bambino ha una storia e un mondo a sé» spiegano i protagonisti.

Progetto Diomedee: telemedicina e assistenza a distanza

Ma è possibile, allora, prendersi cura dei malati senza un contatto stretto e fisico con l’infermiere? Sì, a Foggia, con il progetto Diomedee, un programma di teleassistenza a distanza in cui la tecnologia è a fianco delle persone e degli operatori. Una piattaforma territoriale, una cartella informatica multiprofessionale e un’app che mette in collegamento il paziente direttamente con l’operatore che segue il monitoraggio. Indispensabile in pandemia per i pazienti Covid, la centrale operativa è gestita da infermieri che geolocalizzano i monitor a cui sono collegati i pazienti a domicilio, registrano i parametri vitali (pressione, saturazione, frequenza cardiaca) per poi consegnarli agli specialisti.

I gruppi di cammino di Antonella con gli anziani

Camminare insieme agli infermieri nei boschi, in Liguria, per aiutare gli anziani a vivere in modo autonomo. È il compito di Antonella che coordina un progetto europeo per assistere gli abitanti dell’entroterra a casa loro tra socialità e pratiche salutari per evitare le ospedalizzazioni. Ognuno ha un diario in cui registra i dati della frequenza cardiaca che cambia nel passaggio da un percorso più facile a uno più faticoso. Inviati poi al ministero, servono a capire la salute dei nostri anziani e migliorare la loro condizione.

L’abitare supportato permette al cittadino di scegliere la propria casa come luogo di cura

Stefania lavora come infermiera nell’equipe dell’abitare supportato. Una squadra multi professionale che collabora attivamente nella pianificazione e nella valutazione dei bisogni di salute delle persone fragili. A stretto contatto con i centri di salute mentale, il gruppo supporta i pazienti a domicilio perché è importante per loro vivere nella propria casa. Li aiutano a gestire la terapia, a fare la spesa, a riconoscere i sintomi che possono indicare aggravamenti della malattia e a organizzare il loro tempo libero.

Antonella e il lavoro sul territorio per gli anziani

«Il territorio è il futuro dell’infermiere a livello sanitario e sociale, va aiutato. Le persone si sentono sole a casa, devono arrangiarsi. L’infermiere di famiglia va a casa dell’utente anziano, lo prende in carico «diventa il suo punto di rifermento allevia le sue sofferenze, ritarda l’aggravarsi delle patologie croniche» evidenzia Antonella.

Home-visiting: il programma di sostegno alla genitorialità

E gli infermieri sono fondamentali anche per seguire i primi mille giorni di un neonato. Come nel progetto di ostetriche e infermiere pediatriche che sostiene e rafforza il ruolo dei genitori supportando le mamme nella prima relazione con il bambino, districando nodi, dubbi e perplessità. Un personale adeguatamente formato e laureato che si reca a casa, a sostegno delle neomamme e a tutela del bambino.

Gli infermieri scolastici

Un infermiere resta il punto di riferimento anche del bambino che cresce e va a scuola. È il ruolo dell’infermiere scolastico, accolto con piacere dai più piccoli. La consapevolezza e sensibilità con cui agisce un operatore sanitario non può essere posseduta da un docente con un’altra professionalità. Spesso i maestri chiedono collaborazione anche su tematiche non sanitarie. Durante il Covid i bambini hanno imparato a conoscere le loro paure. Spiegare il corretto uso delle mascherine e i motivi del distanziamento, li ha rassicurati e responsabilizzati.

“Insieme nella cura”: il centro di cure palliative

L’infermiere c’è sempre: dai primi giorni alle ultime fasi della vita. Il centro di cure palliative di Roma “Insieme nella cura” garantisce un’intensa attività assistenziale e dà sollievo alle famiglie provate dalla pesante esperienza di malattia dei loro cari. «La finalità è alleviare la sofferenza del paziente con interventi di tipo sanitario ma anche di natura psicologica sociale e spirituale. In un clima affettuoso e rispettoso di malato e familiari». Dodici camere che rappresentano un prolungamento di casa, ognuna con il nome della persona ricoverata. La gestione operativa è affidata ad un infermiere fortemente motivato a realizzare un’assistenza di qualità.

«Se un malato mi chiama io ci devo andare: poi vedremo» dice Franca. Questo è lo spirito che guida l’infermiere nella sua missione professionale indispensabile nell’ambito del SSN.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Manovra, Guidolin (M5S): «Emendamento per inserire infermieri e OSS fra categorie usuranti»
«Contrariamente a quanto avvenuto durante il Governo Conte II, in questa legge di Bilancio le risorse destinate alla sanità sono insufficienti. Lavoreremo in Parlamento per migliorarla anche su questo aspetto» sottolinea la senatrice pentastellata
Ambrogino d’oro 2022 a Marisa Cantarelli, prima teorica italiana dell’assistenza infermieristica
È anche stata la prima in Italia a spostare il focus dell’assistenza dai compiti da assolvere alla persona da assistere, personalizzando in questo modo l’assistenza e apportando un contributo fondamentale per l’abolizione del mansionario e per la professionalizzazione degli infermieri italiani fino a favorire l’inserimento della formazione degli stessi in Università
Agenas: in Italia infermieri e medici di base insufficienti
Nel rapporto di Agenas emergono le difficoltà del sistema tra i tagli imposti dal 2007 fino all'aumento delle risorse degli ultimi anni. L’Italia è al quart’ultimo posto tra i paesi OCSE per il numero di posti a disposizione negli atenei per la laurea in Infermieristica. Hanno un numero di posti più basso solo Messico, Colombia e Lussemburgo
ECM, ultimi due mesi per mettersi in regola. Anelli: «Assicurazione a rischio»
Dopo le lettere del Cogeaps alle Federazioni (trasmesse poi agli Ordini), i principali esponenti della sanità ribadiscono ai propri iscritti l’importanza di farsi trovare in regola alla scadenza del triennio
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa