Professioni Sanitarie 7 Giugno 2022 12:26

Educazione sessuale, il ruolo dell’ostetrica. Vaccari (FNOPO): «Sensibilizzare alla diversità di genere sin dalle scuole materne»

La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della […]

La fertilità non è solo una “faccenda da grandi”. Eppure la maggior parte dei giovani e degli adolescenti sono convinti che la riproduzione sia un valore lontano anni luce dalla loro quotidianità. «Stili di vita malsani in adolescenza possono compromettere la fertilità futura», assicura Silvia Vaccari, presidente della FNOPO, la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica.

Il primo approccio alla sessualità

Sono ormai numerosi gli studi scientifici che dimostrano come la capacità riproduttiva di una persona sia influenzata dalle abitudini e dai comportamenti, compresi quelli dei genitori, a cui si è esposti fin da piccoli. «Educare i giovani a preservare la loro fertilità è una necessità non più rinviabile e le ostetriche possono avere un ruolo strategico per incentivare e supportare la sensibilizzazione e la comunicazione in questo ambito – aggiunge Vaccari -. Si può cominciare ad avvicinare i bambini al tema della fertilità sin dalla scuola materna, insegnando a comprendere cosa sia la diversità di genere. Più avanti, poi, sarà necessario spiegare le differenze dei meccanismi ormonali tra gli uomini e le donne».

I primi rapporti sessuali

L’ostetrica, poi, potrebbe assumere anche un ruolo di facilitatore, ovvero potrebbe rappresentare un punto di riferimento per tutti quei giovani che non riescono, per vergogna o timore, ad affrontare il tema della sessualità con i propri genitori o familiari. «È necessario che gli adolescenti conoscano i cambiamenti fisiologici del proprio corpo, così da poter essere pronti ad affrontarli e gestirli, anche nelle relazioni con gli altri, rapporti sessuali compresi – dice l’ostetrica -. Da un recente studio è emerso che in Italia il primo rapporto sessuale viene consumato, in media, tra i 14 e i 15 anni, assai prima di molti altri Paesi. In Olanda, ad esempio, dove l’educazione alla riproduzione è fortemente radicata, il primo rapporto sessuale avviene intorno ai 17 anni».

I rischi infettivi

Approcciarsi alla sessualità senza averne una piena consapevolezza espone i ragazzi e le ragazze a non pochi rischi: «Avere rapporti non protetti, ad esempio, non aumenta solo il rischio di avere una gravidanza indesiderata, ma anche di contrarre infezioni veneree che, se non precocemente individuate e adeguatamente trattare, possono seriamente compromettere la fertilità e quindi la capacità riproduttiva». Ma educare i giovani al sesso sicuro e consapevole non basta. «Anche gli stili di vita non corretti, come fumare o bere alcol, possono inficiare sulla fertilità. Così come la sedentarietà: restare seduti troppo a lungo crea un surriscaldamento delle zone interessate alla fertilità che, potenzialmente, potrebbero danneggiarsi», dice la presidente FNOPO.

Denatalità, le soluzioni

Tuttavia, i danni che si sono creati in adolescenza emergono molti anni più tardi, ovvero solo quando si decide di mettere al mondo un figlio e non ci si riesce. Una problematica evidenziata anche dall’ultimo report di Save the Children sulla natalità: dal 2008 ad oggi le nascite sono calate del 31%. «Questi dati allarmanti sono la conseguenza di una politica sanitaria troppo miope. È necessario garantire un numero adeguato di consultori equamente distribuiti sul territorio nazionale che possano rispondere ai bisogni di salute delle persone lungo l’intero corso della loro vita riproduttiva. Una presenza ostetrica più radicata e vicina ai cittadini – conclude Vaccari – può davvero offrire un contributo concreto per invertire la rotta della denatalità».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Riposati (CdA Educatori professionali): «Abusivismo ancora diffuso, è il momento di un educatore professionale a tutto tondo»
Il Presidente della commissione d’Albo nazionale degli educatori professionali chiede nuove assunzioni in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Tra i problemi anche una disomogeneità nella presenza dei corsi di laurea sul territorio nazionale, con corsi di laurea in educazione professionale scarsamente presenti nel sud Italia
di Francesco Torre
Ortottisti: ecco che ruolo avranno per la realizzazione del PNRR
Lucia Intruglio, presidente della Commissione d’Albo Nazionale degli Ortottisti: «Puntare sulla telemedicina per raggiungere anche le isole minori, dove la figura dell’ortottista è quasi del tutto assente. Sì ad una formazione quinquennale, ma accompagnata da un pari percorso contrattuale»
Gestione del rischio e Covid, Casalino (Tor Vergata): «Con la pandemia abbiamo imparato a lavorare in équipe»
A Tor Vergata le professioni sanitarie hanno così stilato una buona pratica per la gestione del rischio che è stata anche approvata dall’Agenas. Il dirigente Paolo Casalino: «La difficoltà era quella di creare percorsi ben definiti. Ci siamo trovati una pandemia che non sapevamo ancora come poteva evolvere»
di Francesco Torre
Terapisti occupazionali, Congresso 2022. Casa, scuola, tempo libero e lavoro: l’importanza degli “Ambienti di vita”
Il Modello Kawa, Parone (AITO): «La vita è un fiume: l’acqua è l’energia vitale dell’individuo, il letto del fiume è la sua rete sociale, le rocce sono i problemi e le sfide, i detriti sono i beni e le responsabilità. Gli spazi che si formano tra queste strutture rappresentano i punti di intervento della terapia occupazionale»
«Troppi pochi dietisti nel Ssn, ma con la giusta alimentazione migliori esiti e meno spesa sanitaria». Parla Marco Tonelli, presidente Cda Dietisti
In tutto seimila i dietisti in Italia, solo un terzo nel servizio pubblico. Il presidente della Cda nazionale lancia la proposta del dietista di comunità che lavora in équipe con MMG, PLS e gli altri professionisti sanitari. Spiega Tonelli: «Oggi l’assistenza nutrizionale, settore fondamentale per la salute dei cittadini, non è riconducibile a prestazioni assistenziali chiaramente definite»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...