Lavoro 7 Maggio 2019 10:01

Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»

«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»

di Federica Bosco
Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»

Le Organizzazioni Sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria, Sanitaria, Professionale, Tecnica e Amministrativa del Servizio Sanitario Regionale Lombardo hanno proclamato lo stato di agitazione. Al centro della protesta la carenza di medici specialisti nel settore pubblico, a detta dei sindacati di categoria ampiamente sottovalutata dalle Regioni.  In particolare, sotto il mirino è finita proprio Regione Lombardia che – secondo le organizzazioni sindacali – investirebbe risorse inferiori a quelle necessarie per integrare il numero di specializzandi, costringendo gli operatori del settore a carichi di lavoro e orari eccessivi. «Regione Lombardia batta un colpo» – sottolinea a Sanità Informazione Danilo Mazzacane, segretario CISL medici Lombardia – Dallo scorso 25 marzo aspettiamo una convocazione che ad oggi non è ancora arrivata. Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale. La politica ha dimostrato di non aver bisogno dei medici. Una situazione paradossale se si pensa che per il comparto sanitario è stata trovata la soluzione, mentre per i medici no. E alla vigilia di un impegno elettorale non sembra essere una scelta conveniente. A questo punto aspettiamo la convocazione del Prefetto che cercherà di mediare».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, IN 15 ANNI IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PERDERA’ 14MILA CAMICI BIANCHI

«La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità – analizza Mazzacane – che non solo non favoriscono l’integrazione, ma peggiorano la situazione. Dieci anni di blocco contrattuale, troppo spesso imputato solo a norme nazionali e che di fatto vive anche della resistenza regionale ad assumersi responsabilità, oltre a ritardi nella riorganizzazione della rete ospedaliera, rende oggi insostenibile il nostro lavoro».

A scaldare gli animi e alimentare il malcontento delle categorie il recente accordo raggiunto per la medicina generale che non trova continuità nelle altre categorie. «A fronte di un esito felice – prosegue il segretario CISL medici Lombardia – non si vede un analogo impegno sul versante della prevenzione medica e veterinaria, dell’assistenza distrettuale ed ospedaliera. Senza contare la sanità low cost di altre regioni, in Lombardia assistiamo sempre più spesso alla esternalizzazione dei servizi con utilizzo di cooperative e con l’applicazione di contratti precari, con compensi orari non in linea con quelli Europei, costretti spesso a lavorare gratuitamente oltre l’orario di lavoro pattuito. Una situazione che ha una ricaduta nella professionalità. Infatti, sempre più spesso nelle principali aziende sanitarie regionali i concorsi risultano deserti e anche chi entra in graduatoria rifiuta l’incarico a favore della sanità privata che risulta essere più allettante o della medicina generale, meno rischiosa. Anche la riforma sanitaria regionale che si è voluta iso-risorse – aggiunge – è risultata essere più gravosa per i lavoratori e non certo più vantaggiosa per gli utenti».

Secondo i sindacati Regione Lombardia, che avrebbe ottenuto 200 milioni in più nel fondo Sanitario regionale per il 2019, dovrebbe investire nella sanità pubblica. «Ci dimostri che vuole davvero investire per rendere la sanità pubblica un vanto per i pazienti, i cittadini e i professionisti che lavorano e che meritano i giusti riconoscimenti economici. Non dimentichiamo – conclude Mazzacane – che nel 2018 con senso di responsabilità e abnegazione, abbiamo accettato una decurtazione economica al fine di stabilizzare i precari».

Articoli correlati
Arturo è in Italia. La nuova variante è stata individuata a Pavia
Abbiamo la prima prova che a nuova «sorella» di Omicron, Arturo, si trova in Italia. «E' stata identificata dall'équipe di Fausto Baldanti, direttore dell'Unità di microbiologia e virologia dell'Irccs San Matteo di Pavia», annuncia ufficialmente l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Guido Bertolaso
Sanità, Laboratorio Lombardia: a Milano per la prima volta confronto tra tutti i soggetti della filiera
L’appuntamento, dal titolo "Sanità Futura: quali prospettive per lo sviluppo del sistema lombardo?", è stata anche l’occasione per individuare le prossime iniziative in grado di supportare la messa a terra della riforma regionale del 2021 e del dm 77 sulla riorganizzazione della medicina territoriale
Istat, Cittadini (Aiop): «Rinuncia cure, liste d’attesa e carenza medici criticità del SSN da risolvere»
Per risolvere il problema della carenza di medici Aiop invita il decisore pubblico a valutare di adottare una «normativa di emergenza per assumere neolaureati e specializzandi. È doveroso, in ogni caso, coniugare la responsabilità, alla quale tutti siamo chiamati, con un’attenta programmazione»
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
Dopo i medici cubani, la Calabria apre agli specializzandi. Viola (Federspecializzandi): «Servono cambiamenti strutturali»
Per contrastare la grave carenza di medici, la Regione Calabria ha pubblicato un avviso per reclutare specializzandi da tutta italia. Federspecializzandi: «Positivo, ma per specializzandi non è una scelta facile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...