Lavoro 7 Maggio 2019

Carenza medici, in Lombardia sindacati proclamano agitazione. Mazzacane (Cisl medici): «Aspettiamo convocazione dal 25 marzo»

«Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale», spiega Danilo Mazzacane, segretario Cisl medici Lombardia che aggiunge: «La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità, regione investa nella sanità pubblica»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Le Organizzazioni Sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria, Sanitaria, Professionale, Tecnica e Amministrativa del Servizio Sanitario Regionale Lombardo hanno proclamato lo stato di agitazione. Al centro della protesta la carenza di medici specialisti nel settore pubblico, a detta dei sindacati di categoria ampiamente sottovalutata dalle Regioni.  In particolare, sotto il mirino è finita proprio Regione Lombardia che – secondo le organizzazioni sindacali – investirebbe risorse inferiori a quelle necessarie per integrare il numero di specializzandi, costringendo gli operatori del settore a carichi di lavoro e orari eccessivi. «Regione Lombardia batta un colpo» – sottolinea a Sanità Informazione Danilo Mazzacane, segretario CISL medici Lombardia – Dallo scorso 25 marzo aspettiamo una convocazione che ad oggi non è ancora arrivata. Il problema fondamentale è che i medici sono abbandonati e non esiste un sistema di relazione sindacale. La politica ha dimostrato di non aver bisogno dei medici. Una situazione paradossale se si pensa che per il comparto sanitario è stata trovata la soluzione, mentre per i medici no. E alla vigilia di un impegno elettorale non sembra essere una scelta conveniente. A questo punto aspettiamo la convocazione del Prefetto che cercherà di mediare».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, IN 15 ANNI IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PERDERA’ 14MILA CAMICI BIANCHI

«La riforma regionale così come è stata pensata presenta delle evidenti criticità – analizza Mazzacane – che non solo non favoriscono l’integrazione, ma peggiorano la situazione. Dieci anni di blocco contrattuale, troppo spesso imputato solo a norme nazionali e che di fatto vive anche della resistenza regionale ad assumersi responsabilità, oltre a ritardi nella riorganizzazione della rete ospedaliera, rende oggi insostenibile il nostro lavoro».

A scaldare gli animi e alimentare il malcontento delle categorie il recente accordo raggiunto per la medicina generale che non trova continuità nelle altre categorie. «A fronte di un esito felice – prosegue il segretario CISL medici Lombardia – non si vede un analogo impegno sul versante della prevenzione medica e veterinaria, dell’assistenza distrettuale ed ospedaliera. Senza contare la sanità low cost di altre regioni, in Lombardia assistiamo sempre più spesso alla esternalizzazione dei servizi con utilizzo di cooperative e con l’applicazione di contratti precari, con compensi orari non in linea con quelli Europei, costretti spesso a lavorare gratuitamente oltre l’orario di lavoro pattuito. Una situazione che ha una ricaduta nella professionalità. Infatti, sempre più spesso nelle principali aziende sanitarie regionali i concorsi risultano deserti e anche chi entra in graduatoria rifiuta l’incarico a favore della sanità privata che risulta essere più allettante o della medicina generale, meno rischiosa. Anche la riforma sanitaria regionale che si è voluta iso-risorse – aggiunge – è risultata essere più gravosa per i lavoratori e non certo più vantaggiosa per gli utenti».

Secondo i sindacati Regione Lombardia, che avrebbe ottenuto 200 milioni in più nel fondo Sanitario regionale per il 2019, dovrebbe investire nella sanità pubblica. «Ci dimostri che vuole davvero investire per rendere la sanità pubblica un vanto per i pazienti, i cittadini e i professionisti che lavorano e che meritano i giusti riconoscimenti economici. Non dimentichiamo – conclude Mazzacane – che nel 2018 con senso di responsabilità e abnegazione, abbiamo accettato una decurtazione economica al fine di stabilizzare i precari».

Articoli correlati
Lombardia: accordo Prefettura, Regione e ASST Santi Paolo e Carlo di Milano per combattere la droga
Insieme per capire e prevenire la diffusione di droghe tra i minori. Prefettura di Milano e ASST Santi Paolo e Carlo con il supporto di Regione Lombardia uniscono le forze siglando un protocollo di intesa sperimentale, finalizzato alla realizzazione di interventi specifici rivolti a minori segnalati per possesso di sostanze stupefacenti e ai loro genitori. […]
di Federica Bosco
Aggressioni, le proposte di Mazzacane (Cisl Lombardia): «Medici come pubblici ufficiali ed educazione sanitaria per i cittadini»
Il segretario della Cisl Medici Lombardia rilancia il modello dei ‘presidi territoriali’ per decongestionare i Pronto soccorso come durante l’Expo: «Chi deve lavorare, deve essere sereno e dedicarsi a chi sta male veramente, non ai codici bianchi o verdi che possono e devono essere gestiti sul territorio»
di Federica Bosco
Speranza riparte dalla Costituzione: «Superare l’attuale carenza di medici e infermieri»
Il neoministro alla Salute, Roberto Speranza in una lunga intervista al Corriere della Sera: «Garantire cure di qualità. Nei prossimi 5 anni ci sarà un picco dei pensionamenti che aggraverà il problema»
«Mancano internisti, geriatri e urgentisti: i sostituti non si improvvisano»
di Antonello Pietrangelo (Presidente nazionale SIMI), Francesco Pugliese (Presidente nazionale SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (Presidente nazionale SIGG)
di di Antonello Pietrangelo (SIMI), Francesco Pugliese (SIMEU) e Raffaele Antonelli Incalzi (SIGG)
«Io, specializzanda, vi racconto la mia esperienza in ospedale»
Ilaria Melara, al terzo anno della Scuola di specializzazione emergenza urgenza di Pavia e membro del direttivo CosMEU: «No agli specializzandi tappabuchi o di serie B. Chi è al quarto o quinto anno potrebbe lavorare in PS in orari extra-formativi e seguire i codici bianchi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali