Università 1 Luglio 2019 16:23

Numero chiuso, 1800 posti in più per Medicina. Ecco tutte le novità e la suddivisione per ateneo

Il Miur ha comunicato i posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea a numero chiuso e la suddivisione per ateneo. Per medicina un incremento del 18%: si passa dai 9.779 dello scorso anno agli 11.568 di quest’anno. Bussetti: «Con l’aumento dei posti promesse mantenute. A questo corrisponda anche un incremento delle borse di specializzazione mediche»

Numero chiuso, 1800 posti in più per Medicina. Ecco tutte le novità e la suddivisione per ateneo

Marco Bussetti, ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha firmato i decreti che determinano i posti disponibili per l’immatricolazione ai corsi di laurea e ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico ad accesso programmato nazionale per l’anno accademico 2019/2020.

Come promesso, i posti disponibili per il Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico di Medicina e Chirurgia per l’anno accademico 2019-2020 sono aumentati: si è passati dai 9.779 dell’anno scorso ai 11.568 di quest’anno. Ad odontoiatria spettano 1.133 posti.

ECCO LA SUDDIVISIONE DEI POSTI PER ATENEO

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, COLETTO (SOTT. SALUTE): «SIAMO I PIÙ LENTI A INSERIRE SPECIALIZZANDI, ADEGUARSI ALL’EUROPA. INTERVENIRE ANCHE SUL NUMERO CHIUSO»

«Su Medicina e Odontoiatria – ha precisato Bussetti – questo Governo sta mantenendo le promesse fatte. Abbiamo aumentato i posti a disposizione degli studenti universitari e continueremo a lavorare in questa direzione. L’Italia – ha ricordato – ha bisogno di medici, dobbiamo colmare questo vuoto. È importante – ha concluso il Ministro – che a questo corrisponda anche un incremento delle borse di specializzazione mediche. Abbiamo aumentato le borse già a partire dallo scorso anno e anche quest’anno abbiamo incrementato le risorse di cento milioni in Legge di Bilancio per finanziare nuovi contratti di formazione».

Le iscrizioni

Le iscrizioni ai test d’ingresso si potranno effettuare dal 3 al 25 luglio 2019 sul portale www.universitaly.it. Contestualmente, il candidato dovrà indicare le sedi per cui intende concorrere, in ordine di preferenza. Le scelte, dopo il 25 luglio, saranno irrevocabili e non integrabili.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ANNUNCIO M5S: «STOP A TEST E PRIMO ANNO APERTO A TUTTI». TUZI: «PIÙ 20% POSTI A MEDICINA»

Il test d’ingresso a Medicina

Il test d’ingresso per Medicina si svolgerà martedì 3 settembre 2019 alle ore 11 in tutta Italia; le università private seguono una programmazione autonoma. Novità anche nei quiz: 60 domande con meno logica (da 20 a 10) e più cultura generale (da 2 a 12).

Articoli correlati
Test Medicina, Consulcesi: «Con riforma “doppia” chance per entrare, ma non premia merito»
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Dare agli studenti la possibilità di ripetere il test di ingresso alla facoltà di Medina non è una riforma vera e propria. Il sistema di accesso è sempre lo stesso e non premia i meritevoli. Il ricorso continuerà a rimanere una possibilità concreta per tutti gli aspiranti medici esclusi ingiustamente»
Test Medicina: con ricorso iscrizione con riserva, per esclusi “ultima spiaggia”
Marco Tortorella, legale di Consulcesi: «Negli ultimi 20 anni lo strumento del ricorso alla giustizia amministrativa ha permesso a decine di migliaia di studenti, esclusi ai test di selezione alla Facoltà di Medicina, di iscriversi ai corsi, di studiare, di fare gli esami e infine di laurearsi. L'esperienza indica che gli studenti entrati con il ricorso, forse anche perché più motivati, sono tra coloro che possono vantare un ottimo percorso accademico»
Test Medicina: 3 studenti su 4 “bocciati”, ma con il ricorso è possibile rientrare
Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha accolto il ricorso di un gruppo di aspiranti medici, esclusi alla selezione iniziale, ammessi alla facoltà di Medicina con riserva. Grazie al sostegno degli avvocati di Consulcesi, ora sono a tutti gli effetti studenti di Medicina e potranno realizzare il sogno di indossare il camice bianco
Test anti-Covid made in Italy ci dirà quando fare il richiamo di vaccino
Sviluppato dall’IRCCS Candiolo di Torino in collaborazione con l’Italian Institute for Genomic Medicine (IIGM) e con il laboratorio Armenise-Harvard di Immunoregolazione, un test che servirà, su larga scala, a stabilire il livello e la durata di immunizzazione delle persone al virus Sars-CoV-2
Pierpaolo Sileri, bilancio di un governo con il sottosegretario alla Salute uscente
Con il sottosegretario alla Salute del governo Draghi Pierpaolo Sileri analizziamo il governo Draghi, quello che verrà e le armi per risolvere la carenza di medici e professionisti sanitari che ancora permane
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 febbraio 2023, sono 671.739.364 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.844.833 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Ecm

Il questionario di verifica dei corsi FAD deve essere somministrato esclusivamente in modalità on-line?

La Formazione a Distanza (FAD) può anche essere erogata attraverso riviste (e quindi documentazione cartacea) pertanto il questionario di verifica per i corsi FAD effettuati attraverso material...