Politica 27 Febbraio 2019

Numero Chiuso, Rettore Università Padova chiede 20% posti in più a Medicina. De Poli (Udc): «Sostengo richiesta, primo passo per contrastare carenza di medici»

Il Magnifico dell’Università Bo lo ha detto in audizione alla Camera sulla proposta di riforma del numero programmato per l’accesso alle università. Il deputato Udc chiede più fondi: «L’Italia rimane indietro: lo stanziamento medio dello Stato per ogni studente universitario è di 100 euro contro i 300 euro di Francia e Germania»

«Sostengo con forza le richieste del rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto, in merito alla necessità di aumentare del 20% dei posti nelle facoltà di Medicina. È un primo passo necessario per contrastare la carenza di medici che va accompagnato da un contestuale maggiore investimento in termini di risorse per le scuole di specializzazione. La facoltà di Medicina del Bo è una delle più ambite e bisogna investire sulla formazione universitaria. L’Italia rimane indietro: lo stanziamento medio dello Stato per ogni studente universitario è di 100 euro contro i 300 euro di Francia e Germania. Il nostro Paese investe il 20% in meno della media dei Paesi OCSE. Questi numeri parlano da soli». Lo afferma il senatore Udc Antonio De Poli commentando l’audizione alla Camera, in Commissione Cultura, del rettore del Bo di Padova, Rosario Rizzuto, sulla necessità di riforma della legge di accesso ai corsi universitari, in particolare per la Scuola di Medicina.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ZAULI (UNIV. FERRARA): «NON SIA QUIZ A SELEZIONARE MEDICI DEL FUTURO»

«I laureati ci sono ma non bastano: c’è il tappo della specializzazione – sottolinea ancora De Poli che, la scorsa settimana, in Senato, ha promosso un convegno organizzato da Motore Sanità sui 40 anni del Servizio Sanitario nazionale – Come governare il cambiamento? Serve un Piano Marshall per una nuova ‘primavera’ del SSN. Una società che crede nel futuro deve investire sui giovani e sulle università. Serve programmare la formazione in base alle reali esigenze sul campo. Il problema, dunque, è la cattiva programmazione della formazione e della selezione rispetto al reale fabbisogno. Una questione che, tra l’altro, non riguarda solo Medicina ma anche altre facoltà. Basti pensare al fatto che in Italia resta vacante un posto su tre per informatici, chimici, fisici. Investire sulle scuole di specializzazione medica – chiarisce De Poli – vuol dire affrontare il problema della carenza dei medici: 45mila nei prossimi 10 anni; 14mila medici di famiglia da ora fino al 2022. In 10 anni dal 2005 al 2015 oltre 10mila medici hanno lasciato l’Italia per lavorare all’estero, secondo i dati della Commissione Ue e di Consulcesi Group. In Italia, ogni anno, ci sono 10mila laureati in Medicina. Per 7mila di loro si aprono le scuole di specializzazione ma gli altri rischiano di rimanere fuori e, non a caso, 1.500 laureati in Medicina, ogni anno, vanno all’estero. Le mete preferite sono Germania, Svizzera, Germania e Francia» conclude.

Articoli correlati
Numero chiuso, parla il giurista Francesco Paolo Tronca: «Tutelare il merito, basta con i quiz a crocetta»
L’ex Consigliere di Stato e professore di Diritto Pubblico parla del meccanismo di ingresso nel mondo universitario all’indomani dell'ordinanza del supremo tribunale amministrativo che ha riammesso 250 studenti: «La politica dovrebbe intervenire per venire incontro alle crescenti domande di una società che chiede una sempre maggiore assistenza sanitaria»
Superamento test numero chiuso? Speranza: «Va affrontato, tra le questioni fondamentali»
Lo ha ribadito il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine del 76esimo Congresso della Fimmg che si sta svolgendo in Sardegna. Di ieri, la notizia della sentenza del Consiglio di Stato che ha riammesso circa 250 studenti esclusi per mancanza di posti
di Diana Romersi e Giulia Cavalcanti
Test Medicina, De Poli (Udc): «superare numero chiuso e rivedere formazione per risolvere nodo carenza medici»
«Siamo convinti che sia necessario ripensare tutto l'intero sistema della formazione dei medici» sottolinea il senatore Udc che torna sulla sentenza del Consiglio di Stato che ieri ha accolto il ricorso di 250 studenti ammettendoli alla facoltà di Medicina
Numero chiuso, ordinanza del Consiglio di Stato: riammessi centinaia di studenti a Medicina
Le motivazioni: posti indicati dagli Atenei inferiori a capacità ricettiva e fabbisogno Ssn. Massimo Tortorella (Presidente Consulcesi): «A questo punto giusto mettere in dubbio l’esattezza dei posti assegnati anche per l’anno accademico 2019/2020. Test inadeguato, non si possono scegliere i medici del futuro con “quiz cabala” commissionati a una società privata»
Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online
Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti che sono rimasti fuori scatta la procedura ricorsi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...