Politica 27 Febbraio 2019

Numero Chiuso, Rettore Università Padova chiede 20% posti in più a Medicina. De Poli (Udc): «Sostengo richiesta, primo passo per contrastare carenza di medici»

Il Magnifico dell’Università Bo lo ha detto in audizione alla Camera sulla proposta di riforma del numero programmato per l’accesso alle università. Il deputato Udc chiede più fondi: «L’Italia rimane indietro: lo stanziamento medio dello Stato per ogni studente universitario è di 100 euro contro i 300 euro di Francia e Germania»

«Sostengo con forza le richieste del rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto, in merito alla necessità di aumentare del 20% dei posti nelle facoltà di Medicina. È un primo passo necessario per contrastare la carenza di medici che va accompagnato da un contestuale maggiore investimento in termini di risorse per le scuole di specializzazione. La facoltà di Medicina del Bo è una delle più ambite e bisogna investire sulla formazione universitaria. L’Italia rimane indietro: lo stanziamento medio dello Stato per ogni studente universitario è di 100 euro contro i 300 euro di Francia e Germania. Il nostro Paese investe il 20% in meno della media dei Paesi OCSE. Questi numeri parlano da soli». Lo afferma il senatore Udc Antonio De Poli commentando l’audizione alla Camera, in Commissione Cultura, del rettore del Bo di Padova, Rosario Rizzuto, sulla necessità di riforma della legge di accesso ai corsi universitari, in particolare per la Scuola di Medicina.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, ZAULI (UNIV. FERRARA): «NON SIA QUIZ A SELEZIONARE MEDICI DEL FUTURO»

«I laureati ci sono ma non bastano: c’è il tappo della specializzazione – sottolinea ancora De Poli che, la scorsa settimana, in Senato, ha promosso un convegno organizzato da Motore Sanità sui 40 anni del Servizio Sanitario nazionale – Come governare il cambiamento? Serve un Piano Marshall per una nuova ‘primavera’ del SSN. Una società che crede nel futuro deve investire sui giovani e sulle università. Serve programmare la formazione in base alle reali esigenze sul campo. Il problema, dunque, è la cattiva programmazione della formazione e della selezione rispetto al reale fabbisogno. Una questione che, tra l’altro, non riguarda solo Medicina ma anche altre facoltà. Basti pensare al fatto che in Italia resta vacante un posto su tre per informatici, chimici, fisici. Investire sulle scuole di specializzazione medica – chiarisce De Poli – vuol dire affrontare il problema della carenza dei medici: 45mila nei prossimi 10 anni; 14mila medici di famiglia da ora fino al 2022. In 10 anni dal 2005 al 2015 oltre 10mila medici hanno lasciato l’Italia per lavorare all’estero, secondo i dati della Commissione Ue e di Consulcesi Group. In Italia, ogni anno, ci sono 10mila laureati in Medicina. Per 7mila di loro si aprono le scuole di specializzazione ma gli altri rischiano di rimanere fuori e, non a caso, 1.500 laureati in Medicina, ogni anno, vanno all’estero. Le mete preferite sono Germania, Svizzera, Germania e Francia» conclude.

Articoli correlati
CAR-T, Franco Locatelli (Bambin Gesù): «Prossima sfida estendere questa terapia alle neoplasie solide»
A Roma convegno per fare il punto sulla rivoluzionaria tecnica che consente di guarire linfomi e leucemie. Il senatore De Poli: «Serve sinergia creando dei protocolli d’intesa tra tutte le regioni. Oggi solo alcune regioni hanno questa sperimentazione, quindi il più presto possibile l’Aifa deve dare il suo parere positivo per poter mettere in rete tutte le regioni italiane»
A Modena il primo Congresso nazionale degli studenti di Medicina: «Così promuoviamo la ricerca»
Luca e Valeria, del comitato organizzativo del Congresso MoReMED, sul test di ingresso: «Siano valutati conoscenze scientifiche e percorso di studio precedente». E sull’imbuto formativo: «Se si abbassa l’importo dei contratti per le scuole di specializzazione, ci sarebbero risorse per aumentare il numero di posti»
Cambia il test di Medicina: 12 quesiti di cultura generale e 10 di logica. Bussetti (MIUR): «Puntiamo al 20% di posti in più»
«Intendiamo rivedere il sistema di accesso a Medicina ma serve tempo e impegno congiunto di MIUR, Atenei, Regioni e Ministero della Salute». Così il ministro Bussetti. Le iscrizioni alle prove potranno essere effettuate su www.universitaly.it dal 17 giugno fino al 9 luglio. Il Ministero metterà a disposizione dei candidati un test psico-attitudinale di orientamento e sosterrà finanziariamente i corsi di preparazione organizzati dalle Università
Borse di specializzazione, Tuzi (M5S): «MIUR renda pubblico il numero di quelle abbandonate e non assegnate»
«Queste borse si aggiungeranno alla dotazione annuale già prevista consentendo un aumento dei contratti di specializzazione» sottolinea il medico e deputato M5S
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...