Formazione 26 Novembre 2018

Numero chiuso, Zauli (Univ. Ferrara) rompe fronte dei rettori: «Non sia quiz a selezionare medici del futuro»

Medico e professore di Anatomia Umana, è in disaccordo con molti dei suoi colleghi. E lancia la sua proposta: una preselezione e un meccanismo per cui passa al secondo anno chi ha conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Quattro le proposte di legge in discussione alla Camera

Immagine articolo

«Il numero chiuso va abolito o profondamente riformato». Parola di Giorgio Zauli, Rettore dell’Università di Ferrara, oncologo e professore di Anatomia Umana, che rompe il fronte dei rettori che nelle settimane passate, in buona parte, hanno manifestato la netta contrarietà all’idea di abolire il numero programmato alla Facoltà di Medicina, un’ipotesi su cui sta lavorando la Commissione Cultura della Camera dei Deputati dove pendono quattro proposte di legge in materia. Zauli parla, senza mezzi termini, di «situazione aberrante» e smonta tutte le argomentazioni che alcuni suoi colleghi, a cominciare dai ‘Magnifici’ Eugenio Gaudio (Sapienza) e Giuseppe Novelli Tor Vergata, portano a difesa dell’attuale sistema. «Se ci fosse stato questo test anche io, che mi sono laureato in tempo e con il massimo dei voti, non sarei passato», sottolinea Zauli, che lancia la sua proposta, facendo in parte propria la proposta di Paolo Miccoli, presidente ANVUR (Agenzia Nazionale Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca): un sistema aperto con una preselezione iniziale basata su test psicoattitudinali e colloqui, e poi una scrematura in base al merito: passano al secondo anno di Medicina tutti coloro che hanno conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei cinque esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. «Rivendico all’università ciò che le compete, cioè selezionare la classe dirigente del Paese e quindi anche i medici», spiega Zauli a Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, PROCEDE DDL. IL NO DEI RETTORI. «CON ABOLIZIONE CRISI ATENEI». LA PROPOSTA DI MICCOLI (ANVUR): «SEMESTRE FORMATIVO APERTO A TUTTI»

Rettore, perché il test di ingresso a medicina così com’è pensato non va bene?

«Il numero chiuso va abolito o profondamente riformato. Ho fatto il liceo Classico, mi iscrissi a Bologna nel 1979, eravamo in 1200 matricole, mi sono laureato con quasi tutti 30 e 30 lode in 6 anni, ma sono certo che non sarei mai riuscito a superare gli attuali test di ingresso perché sono focalizzati su materie che si va a studiare nel primo anno: matematica, biologia, fisica, oltre ai test di logica. Non può essere un quiz in 60 o 90 minuti che può stabilire quelli che dovranno essere selezionati come futuri medici. La situazione è aberrante. Dunque chi viene dai licei classici o linguistici è sfavorito rispetto a chi viene anche dagli istituti tecnici. Chi ha studiato biologia e chimica è favorito rispetto a chi ha studiato greco, latino e filosofia. Quindi c’è un tema culturale: una volta il liceo classico era il serbatoio delle classi dirigenti, adesso invece addirittura si è svantaggiati rispetto a chi ha fatto altri studi superiori. Poi c’è un aspetto statistico: a Ferrara abbiamo in media 180-200 immatricolati con una richiesta di almeno 7-8 volte superiore. Io parto con il mio gruppo di studenti (180 l’ultimo anno). Poi accade che, per una serie di meccanismi interni al sistema che tende a penalizzare quelle università in cui gli studenti non vanno avanti nel percorso di studi (ci sono una serie di indicatori Anvur  a proposito) tendo a portare avanti quelli che si sono fatti entrare. Noi ci siamo immatricolati nel 1979 a Bologna in 1200 e ci siamo laureati in 6 anni in poco più di 100. È vero che c’era dispersione, è anche vero che c’era una selezione migliore».

Alcuni suoi colleghi, come il rettore Gaudio, dicono che è inutile far iscrivere troppi studenti a Medicina perché non si riesce a gestire un numero così elevato di studenti…

«L’obiezione si autocontraddice perché prima della legge istitutiva del numero programmato li gestivamo. La seconda obiezione che faccio io ai test nazionali è che esautora completamente chi dovrebbe davvero fare la selezione, cioè i professori universitari. Io credo che sarebbe molto più opportuno che uno studente venisse selezionato perché supera con buoni voti Anatomia Umana che non perché supera i quiz. Rivendico all’università ciò che le compete, cioè selezionare la classe dirigente del Paese. Altra obiezione: se noi apriamo il numero chiuso creiamo più disoccupati per via del famoso ‘collo di bottiglia’ con le scuole di specializzazione. Anche lì, a mio giudizio una riforma fatta con buone intenzioni ma che ha prodotto distorsioni: c’è una selezione nazionale ma la sanità è gestita dalle regioni. Non possiamo avere un sistema sanitario su base regionale e non sentire le regioni stesse per quanto riguarda l’offerta formativa dei medici specialisti. Poi con l’esame nazionale la gente si focalizza sul fatto che mancano 1000-1500 borse. Se le regioni fossero coinvolte sarebbe ovviabile, perché tu metti le borse che ti servono. Andrebbe ripensata la selezione degli specializzandi con un concorso su base regionale anziché nazionale. Poi il problema è che abbiamo nelle scuole dei tassi di abbandono tra il 10 e il 20%. Un ragazzo che da Messina vince a Ferrara, fa qui un anno poi l’anno dopo ne vince una a casa sua e lascia libero il posto».

Sulla riforma del numero chiuso ci sono quattro disegni di legge alla Camera. Lei come lo cambierebbe?

«Io accolgo con una leggera modifica la proposta del presidente Anvur Miccoli che prevede un semestre formativo aperto a tutti. L’opzione che invece avevo in mente io è non una abolizione della legge 264 del 1999 ma utilizzare un metodo di selezione interno che la legge non esclude. Fare cioè una selezione basata su test psicoattitudinali e colloqui, per mantenere il criterio del ‘numero programmato’ ma che chiaramente garantisca un accesso molto più ampio. Una preselezione. Dopo di che passano al secondo anno di medicina tutti coloro che hanno conseguito i pieni voti accademici, cioè 27/30 nei 5 esami del primo anno entro il 30 settembre dell’anno successivo. Un meccanismo che per certi versi ricorda la proposta di legge presentata dal deputato Paolo Tiramani».

LEGGI ANCHE: ABOLIZIONE NUMERO CHIUSO: E’ LA VOLTA BUONA. TIRAMANI (LEGA): «C’E’ CONVERGENZA LEGA-M5S. AVANTI SOLO MERITEVOLI»

 

Articoli correlati
«Come mamma e come medico dico no al test di ammissione a Medicina. Ecco perché». La lettera al ministro Speranza
«Ministro, prepariamo la nostra Italia, prepariamo i nostri ragazzi. Le squadre si organizzano per tempo e forse, se così fosse stato fatto, non avremmo avuto le difficoltà che abbiamo oggi in questa emergenza, che a mio parere e per mille motivi non sarà unica e isolata»
“A un metro da te”: a Bologna parte la mobilitazione studentesca volontaria in risposta all’emergenza sanitaria
«Controllare che le persone che accedono agli ospedali Maggiore e Bellaria non abbiano sintomi influenzali, parainfluenzali o comunque riconducibili al COVID, aiutare le direzioni sanitarie nella gestione dei posti letto, coadiuvare il laboratorio di microbiologia per la gestione dei flussi dei campioni da analizzare e nei prossimi giorni anche garantire una presenza in PS per […]
La frequenza di un evento all’estero, non accreditato in Italia, dà crediti validi nel sistema nazionale?
Per gli eventi non accreditati in Italia è possibile fare richiesta di riconoscimento dei crediti secondo quanto stabilito al paragrafo 3.4 (Formazione individuale all’estero) del Manuale sulla formazione continua del professionista sanitario.
Il segreto di un bel giallo? L’aiuto del medico legale. De Giovanni: «Quanti referti ho studiato per il Commissario Ricciardi…»
Lo scrittore napoletano ha raccontato i retroscena dei suoi gialli al convegno “Rischio clinico e gestione del contenzioso”. Poi, ha confessato: «Ho un figlio medico ma sono un pessimo paziente»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...