Politica 1 Luglio 2019

Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»

Il Sottosegretario alla Salute commenta il problema della carenza di specialisti che sta assumendo dimensioni sempre più importanti: «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte, con Dl Calabria prima risposta»

Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»

Il tema della carenza di medici, o meglio della carenza di specialisti, resta al centro del dibattito in questa infuocata estate italiana. Una prima scossa è arrivata dal decreto Calabria che prevede l’assunzione degli specializzandi in corsia negli ultimi due anni di corso, per poter supplire alle gravissime carenze di organico. Una misura che, unita allo sblocco delle assunzioni, può determinare una inversione di tendenza nel medio periodo.

Tuttavia il problema nasce dalla errata programmazione negli anni passati, come sottolinea ai microfoni di Sanità Informazione il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto. «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte», sottolinea il sottosegretario, che poi chiede su questo di guardare alle altre esperienze europee: «In altre realtà anche europee succede che gli specializzandi già nel primo anno vanno in reparto e iniziano a lavorare – aggiunge Coletto – Io credo che quella sia veramente l’aula più importante per un medico laureato e abilitato. Il reparto, la sala operatoria, la cura e il contatto con il paziente e allora anche l’Italia dovrà adeguarsi in tempi abbastanza rapidi visto e considerata la necessità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ESTATE DIFFICILE NEI PRONTO SOCCORSO. CISL MEDICI LOMBARDIA: «INCENTIVI FINO A 80 EURO L’ORA PER TURNI AGGIUNTIVI IN PS»

Sottosegretario, ultimamente si sta parlando molto della carenza di medici, c’è chi dice che sarà un’estate difficile soprattutto nei Pronto soccorso. Anche qui è un tema di programmazione, il Ministro ha aumentato il numero di borse di studio ma questo problema permane. Cosa si può fare a breve termine?

«Di sicuro c’è stata una inversione di tendenza per quanto riguarda il numero dei medici che nel tempo sono diminuiti, per cui si doveva intervenire quando è iniziata questa diminuzione di medici, c’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte. Voglio ricordare che già dal 2014, quando scrivemmo il Patto per la salute, all’articolo 22 c’era proprio la possibilità di far entrare in reparto gli specializzandi molto prima di quanto accade adesso. È una soluzione valida. Certo è che l’inerzia di allora è diventata adesso mancanza strutturale di medici. L’estate è sempre stata problematica, perché ci sono necessità di ferie e turnazioni che diventano sempre più difficili vista la carenza di professionisti, ma sono sicuro che riusciremo anche quest’anno a rendere in servizio. Il Governo sta intervenendo, nel Decreto Calabria siamo riusciti ad inserire una norma ponte che dà la possibilità di accesso a quelli che sono i concorsi di specializzazione, basta aver fatto almeno due anni all’interno delle strutture: in questo senso stiamo trattando anche nel Miur. Alla luce di quella che è la direttiva europea va verificato quello che succede in tutta Europa perché a quanto pare quella che è la nostra strutturazione, per quanto riguarda il Miur, è quella più lenta ad inserire gli specializzandi nei reparti. In altre realtà anche europee succede che gli specializzandi già nel primo anno vanno in reparto e iniziano a lavorare. Io credo che quella sia veramente l’aula più importante per un medico laureato e abilitato. Il reparto, la sala operatoria, la cura e il contatto con il paziente e allora anche l’Italia dovrà adeguarsi in tempi abbastanza rapidi visto e considerata la necessità. Poi si faranno le verifiche necessarie per capire se i numeri dei medici che attualmente si laureano ogni anno sono sufficienti a soddisfare le necessità programmatorie degli ospedali. Altrimenti si interverrà anche sul numero chiuso perché non è possibile che un sistema sanitario debba saltare causa la mancata programmazione e causa la mancata specializzazione di medici già laureati e abilitati ma che non hanno possibilità di accesso alla specialità».

Lei è favorevole all’abolizione del numero chiuso o almeno alla sua revisione?

«Sicuramente sono favorevole a qualsiasi azione che possa dare più medici all’Italia e che possa far funzionare i nostri ospedali e soddisfare le necessità di cura».

Articoli correlati
Logoteatroterapia, l’improvvisazione che cura e allena alla vita
L’intervista a Cecilia Moreschi (teatroterapista) e Giorgia Salemi (logopedista): «La logoteatroterapia utilizza il teatro non come fine ma come mezzo. Gli esercizi, consigliati tra gli 8 e i 14 anni, sono adatti a tutti, soprattutto a chi soffre di disturbi legati all’apprendimento, ritardo linguistico o cognitivo, difficoltà prassico-motorie e autismo»
di Isabella Faggiano
Torna Dottor Libro. Andrea Vianello racconta la sua rinascita dopo l’ictus
Il 3 dicembre all’Ospedale Israelitico all’Isola Tiberina il primo appuntamento dopo lo stop imposto dalla pandemia. Nell’opera del giornalista Rai il racconto della battaglia contro la malattia
Al via la seconda edizione del corso per diventare Paziente Esperto EUPATI
Dieci mesi di alta formazione suddivisi in sei moduli, per un totale di 220 ore di lezione. Obiettivo: far arrivare ad oltre 100 il numero di Pazienti Esperti EUPATI in Italia
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
Università, Fp Cgil Medici: «Sbloccare procedure per immatricolazione medici specializzandi»
Il segretario Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Andrea Filippi: «L'ennesimo quiz sbagliato nel test di ammissione alle scuole di specializzazione e che ha generato un altro fiume di ricorsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 2 dicembre, sono 63.894.184 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.480.709 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli