Salute 1 Luglio 2019 14:52

Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»

Il Sottosegretario alla Salute commenta il problema della carenza di specialisti che sta assumendo dimensioni sempre più importanti: «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte, con Dl Calabria prima risposta»

Carenza medici, Coletto (Sott. Salute): «Siamo i più lenti a inserire specializzandi, adeguarsi all’Europa. Intervenire anche sul numero chiuso»

Il tema della carenza di medici, o meglio della carenza di specialisti, resta al centro del dibattito in questa infuocata estate italiana. Una prima scossa è arrivata dal decreto Calabria che prevede l’assunzione degli specializzandi in corsia negli ultimi due anni di corso, per poter supplire alle gravissime carenze di organico. Una misura che, unita allo sblocco delle assunzioni, può determinare una inversione di tendenza nel medio periodo.

Tuttavia il problema nasce dalla errata programmazione negli anni passati, come sottolinea ai microfoni di Sanità Informazione il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto. «C’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte», sottolinea il sottosegretario, che poi chiede su questo di guardare alle altre esperienze europee: «In altre realtà anche europee succede che gli specializzandi già nel primo anno vanno in reparto e iniziano a lavorare – aggiunge Coletto – Io credo che quella sia veramente l’aula più importante per un medico laureato e abilitato. Il reparto, la sala operatoria, la cura e il contatto con il paziente e allora anche l’Italia dovrà adeguarsi in tempi abbastanza rapidi visto e considerata la necessità».

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI, ESTATE DIFFICILE NEI PRONTO SOCCORSO. CISL MEDICI LOMBARDIA: «INCENTIVI FINO A 80 EURO L’ORA PER TURNI AGGIUNTIVI IN PS»

Sottosegretario, ultimamente si sta parlando molto della carenza di medici, c’è chi dice che sarà un’estate difficile soprattutto nei Pronto soccorso. Anche qui è un tema di programmazione, il Ministro ha aumentato il numero di borse di studio ma questo problema permane. Cosa si può fare a breve termine?

«Di sicuro c’è stata una inversione di tendenza per quanto riguarda il numero dei medici che nel tempo sono diminuiti, per cui si doveva intervenire quando è iniziata questa diminuzione di medici, c’è stata una miopia programmatoria, soprattutto da parte di governi che si sono succeduti da qualche anno a questa parte. Voglio ricordare che già dal 2014, quando scrivemmo il Patto per la salute, all’articolo 22 c’era proprio la possibilità di far entrare in reparto gli specializzandi molto prima di quanto accade adesso. È una soluzione valida. Certo è che l’inerzia di allora è diventata adesso mancanza strutturale di medici. L’estate è sempre stata problematica, perché ci sono necessità di ferie e turnazioni che diventano sempre più difficili vista la carenza di professionisti, ma sono sicuro che riusciremo anche quest’anno a rendere in servizio. Il Governo sta intervenendo, nel Decreto Calabria siamo riusciti ad inserire una norma ponte che dà la possibilità di accesso a quelli che sono i concorsi di specializzazione, basta aver fatto almeno due anni all’interno delle strutture: in questo senso stiamo trattando anche nel Miur. Alla luce di quella che è la direttiva europea va verificato quello che succede in tutta Europa perché a quanto pare quella che è la nostra strutturazione, per quanto riguarda il Miur, è quella più lenta ad inserire gli specializzandi nei reparti. In altre realtà anche europee succede che gli specializzandi già nel primo anno vanno in reparto e iniziano a lavorare. Io credo che quella sia veramente l’aula più importante per un medico laureato e abilitato. Il reparto, la sala operatoria, la cura e il contatto con il paziente e allora anche l’Italia dovrà adeguarsi in tempi abbastanza rapidi visto e considerata la necessità. Poi si faranno le verifiche necessarie per capire se i numeri dei medici che attualmente si laureano ogni anno sono sufficienti a soddisfare le necessità programmatorie degli ospedali. Altrimenti si interverrà anche sul numero chiuso perché non è possibile che un sistema sanitario debba saltare causa la mancata programmazione e causa la mancata specializzazione di medici già laureati e abilitati ma che non hanno possibilità di accesso alla specialità».

Lei è favorevole all’abolizione del numero chiuso o almeno alla sua revisione?

«Sicuramente sono favorevole a qualsiasi azione che possa dare più medici all’Italia e che possa far funzionare i nostri ospedali e soddisfare le necessità di cura».

Articoli correlati
La ricerca non può ignorare le differenze di genere. Prevenzione e cura su misura per uomini e donne
Scambia (ginecologo): «Necessario inserire, all’interno della facoltà di Medicina e Chirurgia, insegnamenti legati alla medicina di genere. Non è escluso che anche all’interno delle stesse specialità mediche possano formarsi professionisti specializzati nella cura di uomini o donne»
di Isabella Faggiano
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...