Lavoro 26 Giugno 2019 10:41

Carenza medici, estate difficile nei Pronto Soccorso. Cisl Medici Lombardia: «Incentivi fino a 80 euro l’ora per turni aggiuntivi in Ps»

«Pochi vogliono lavorare in una situazione di emergenza per i rischi di contenzioso medico-legale e di aggressioni da parte di pazienti o familiari per i lunghi tempi d’attesa», denuncia Giuseppe Monaco, delegato Cisl Medici Lombardia per le trattative della dirigenza medica. Oltre all’incentivo degli ottanta euro, la proposta prevede una tantum di 1.500 euro annui per tutto il personale medico di Pronto Soccorso

di Federica Bosco

Incentivare con una maggiore retribuzione i medici per tamponare la carenza di camici bianchi ed affrontare l’emergenza dei tre mesi estivi. Secondo Cisl Medici Lombardia, infatti, con una retribuzione di 80 euro l’ora per i turni aggiuntivi dei medici di Pronto Soccorso, sarebbe possibile superare la situazione di emergenza che vive il settore in Lombardia. «Attualmente i turni aggiuntivi in Pronto Soccorso sono pagati tra i 7 e i 20 euro l’ora e nessuno vuole farli – afferma Giuseppe Monaco, delegato regionale Cisl Medici per le trattative della dirigenza medica -. Un accordo per incentivare i medici dei Pronto Soccorso è stato raggiunto a Bologna, perché non fare altrettanto in Lombardia? La Regione deve prendere atto delle difficoltà dei medici e agire di conseguenza, anche nell’interesse dell’utenza».

Secondo Cisl Medici Lombardia in questo modo sarebbe possibile garantire l’adeguatezza degli organici delle strutture della rete di Emergenza Urgenza, favorendo la rotazione volontaria del personale medico tra i Pronto Soccorso dei grandi poli ospedalieri ed i Pronto Soccorso territoriali.

LEGGI ANCHE: CARENZA MEDICI DI FAMIGLIA, L’ASSESSORE GALLERA (LOMBARDIA): «STIAMO LAVORANDO A 350 NUOVE BORSE DI FORMAZIONE PER IL 2019»

Oltre all’incentivo degli ottanta euro, la proposta prevede una una tantum di 1.500 euro annui per tutto il personale medico di Pronto Soccorso. «Da tempo la situazione dei Pronto Soccorso nella Regione è molto complicata per diversi motivi – spiega Monaco -. I bandi d’assunzione vanno a vuoto; pochi vogliono lavorare in una situazione di emergenza per i rischi di contenzioso medico-legale e di aggressioni da parte di pazienti o familiari per i lunghi tempi d’attesa; non solo, molti camici bianchi specializzati rifiutano di farsi assumere nei piccoli ospedali della Provincia».

Il fabbisogno di dieci medici per le Unità Operative Complesse di Pronto Soccorso Emergenza Territoriale Spoke può essere soddisfatto, secondo la Cisl Medici Lombardia, anche mediante la possibilità di utilizzare medici volontari, provenienti da altre ASST, nell’ambito del proprio orario di lavoro, in applicazione del criterio di turnazione in vigore. «Come previsto dall’accordo sulle risorse aggiuntive regionali del 2017, che introduceva forme di incentivazione a chi opera nell’Ats della Montagna – conclude Monaco – si potrebbe utilizzare la stessa flessibilità organizzativa per coprire i turni di Pronto Soccorso nelle realtà disagiate individuate dalle Ats, incentivando economicamente i medici che aderiscono. Regione Lombardia, da sempre con bilancio virtuoso, avrebbe, in questo modo, l’occasione per dimostrare ancora la sua leadership nella sanità italiana prevenendo ciò che sta accadendo in Veneto, Emilia-Romagna, Molise».

Articoli correlati
La Lombardia e l’errore di calcolo per la zona rossa. Cosa è successo?
Dalla zona rossa a quella arancione per un errore nel calcolo dell'Rt. La Lombardia riapre, ma il dibattito sulla "colpe" non si ferma. I governatori leghisti si associano a Fontana e chiedono un nuovo metodo di valutazione, Speranza bolla come polemiche inutili
Carenza anestesisti, Canino (ASST Cremona): «Al bando per 6 posti arrivate 5 domande. Così non ce la facciamo»
Il direttore sanitario dell'ospedale di Cremona: «C’è una carenza strutturale, fondamentale aumentare le borse di studio e fare una programmazione corretta»
di Federica Bosco
Carenza personale, Cisl Medici Lazio alla Regione: «Aprire urgente tavolo di confronto»
Il sindacato invia lettera all'assessore alla sanità della regione Lazio
Situazione carceraria: quali criticità aperte in Lombardia?
Esiti dell’incontro tra Commissione e Sindacati: dialogo e nuove proposte. «Serve la creazione della figura del medico e dello psicologo penitenziario con un contratto specifico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»