Salute 24 Giugno 2019

Carenza medici di famiglia, l’assessore Gallera (Lombardia): «Stiamo lavorando a 350 nuove borse di formazione per il 2019»

Inoltre la figura del medico di medicina generale è stata messa al centro del progetto di gestione delle cronicità attraverso le cooperative di medici. «Un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio», spiega in un’intervista l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera

Immagine articolo

La carenza dei medici di medicina generale colpisce anche la Regione Lombardia. Secondo quanto riportato dal presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi «si parla di un’uscita del 30% dei medici di famiglia da qua a pochi anni». Un dato in linea con un fenomeno di scala più ampia come ricorda Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia: «C’è una carenza nazionale data da un’errata programmazione».

Su questo la Regione Lombardia è intervenuta: «Nel 2017 il bando (ndr. per le borse di formazione) era per 100 persone – racconta Gallera – e noi siamo arrivati ad averne 136 tra i sovrannumerari, persone che hanno potuto comunque usufruire del corso. Quest’anno abbiamo fatto un corso per 380, perché siamo riusciti ad ottenere molti più slot da parte sia del Governo precedente sia di questo Governo che sta dimostrando una grande attenzione. Ripartiamo con un corso nel 2019, stiamo definendo gli slot di altri 350 medici di medicina generale. Quindi mi sembra che la sensibilità sia cresciuta».

«Il gap oggi c’è, – ammette l’assessore al Welfare – ma può essere recuperato grazie anche alla possibilità del laureato in medicina che si iscrive al corso di iniziare ad esercitare immediatamente mentre frequenta, per coprire le carenze. Mi sembra che oggi è nelle priorità dell’agenda del Governo, da tempo lo è di Regione Lombardia, e quindi i risultati si stanno vedendo».

LEGGI ANCHE: PENSIONAMENTI E POCHE ASSUNZIONI, I NUMERI DELLA CARENZA DEI MEDICI DI FAMIGLIA REGIONE PER REGIONE

Proprio un ultimo progetto della Regione Lombardia sono le cooperative di medici per la gestione delle cronicità. «Accanto al medico di medicina generale ci sono altre figure che lo devono supportare e possono essere altrettanto efficaci nell’affrontare le patologie», spiega l’assessore Gallera. Da gennaio 2018 la Regione Lombardia ha infatti rivoluzionato l’assistenza dei cittadini con patologie croniche, attraverso il “Piano di Assistenza Individuale” (PAI), di validità annuale, che contiene tutte le prescrizioni necessarie alla gestione delle patologie croniche da cui è affetto. «Abbiamo già 300 piani di assistenza individuali, cioè cittadini a cui è stato fatto questo piano, questa fotografia dei suoi bisogni e i medici stanno già prenotando direttamente sulle agende dei poliambulatori e degli ospedali le visite. Siamo già a più di 100mila visite prenotate direttamente dai medici».

«Le cooperative di medici sono un’idea importante», spiega ancora l’assessore. «Diventano gestori della presa in carico del paziente cronico che da un lato è un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio, ma deve avere la capacità, il ruolo, il dovere e il diritto di essere colui che realmente governa i bisogni medici di un paziente». In che modo? «Evitando che altri possano prescrivere in relazione al suo paziente e avendo la percezione di tutti i bisogni, di tutte le visite, di tutte le attività sanitarie che il paziente compie e che gli vengono prescritte. Questo modello sta dando i suoi risultati, abbiamo circa 3mila medici che hanno aderito». Conclude l’assessore al Welfare, Giulio Gallera: «Questo è il segno di un aiuto che si fa al medico, di una centralizzazione e valorizzazione del ruolo e della figura del medico di medicina generale, proiettiamo nel futuro il ruolo del medico e la sua capacità di essere il vero player dei bisogni sanitari».

Articoli correlati
Campania, al via la riorganizzazione della medicina generale. Ecco tutte le novità
Intervista al segretario provinciale FIMMG Napoli, Luigi Sparano: «Le Aggregazioni Funzionali Territoriali consentiranno una maggiore efficienza nella presa in carica e un abbattimento dei costi derivanti dalle ospedalizzazioni inappropriate»
Inchiesta Panorama, Palermo (Anaao): «Formazione torni centrale ripristinando dotazioni organiche»
Il segretario del più grande sindacato dei camici bianchi risponde all’inchiesta del settimanale diretto da Maurizio Belpietro e spiega: «La situazione delle dotazioni organiche è così mal messa che l’orario che dovrebbe esser istituzionalmente destinato alla formazione viene di fatto utilizzato per attività assistenziali»
Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa
Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»
di Federica Bosco
Sanità, Paola Pedrini (FIMMG Lombardia) è il segretario più giovane d’Italia. «Micro team e telemedicina per rinnovare»
«Il primo passo è l’accordo regionale Lombardia 2020 dove verranno chiesti più incentivi per il personale di studio e il sostegno dei giovani medici nell’avvio della propria attività di medicina convenzionata. La cronicità rimane la sfida principale» così Paola Pedrini, alla guida di FIMMG Lombardia
di Federica Bosco
Disuguaglianze sanitarie, fuga dei cervelli e numero chiuso: medici italiani chiedono su The Lancet più ricerca in SSN
I suggerimenti dei ricercatori al Governo italiano dalle pagine della prestigiosa rivista scientifica. Tra i promotori medici di ISBEM, SIMA, SISPED, CNR e diverse Università
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...