Salute 24 Giugno 2019

Carenza medici di famiglia, l’assessore Gallera (Lombardia): «Stiamo lavorando a 350 nuove borse di formazione per il 2019»

Inoltre la figura del medico di medicina generale è stata messa al centro del progetto di gestione delle cronicità attraverso le cooperative di medici. «Un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio», spiega in un’intervista l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera

Immagine articolo

La carenza dei medici di medicina generale colpisce anche la Regione Lombardia. Secondo quanto riportato dal presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi «si parla di un’uscita del 30% dei medici di famiglia da qua a pochi anni». Un dato in linea con un fenomeno di scala più ampia come ricorda Giulio Gallera, assessore al Welfare di Regione Lombardia: «C’è una carenza nazionale data da un’errata programmazione».

Su questo la Regione Lombardia è intervenuta: «Nel 2017 il bando (ndr. per le borse di formazione) era per 100 persone – racconta Gallera – e noi siamo arrivati ad averne 136 tra i sovrannumerari, persone che hanno potuto comunque usufruire del corso. Quest’anno abbiamo fatto un corso per 380, perché siamo riusciti ad ottenere molti più slot da parte sia del Governo precedente sia di questo Governo che sta dimostrando una grande attenzione. Ripartiamo con un corso nel 2019, stiamo definendo gli slot di altri 350 medici di medicina generale. Quindi mi sembra che la sensibilità sia cresciuta».

«Il gap oggi c’è, – ammette l’assessore al Welfare – ma può essere recuperato grazie anche alla possibilità del laureato in medicina che si iscrive al corso di iniziare ad esercitare immediatamente mentre frequenta, per coprire le carenze. Mi sembra che oggi è nelle priorità dell’agenda del Governo, da tempo lo è di Regione Lombardia, e quindi i risultati si stanno vedendo».

LEGGI ANCHE: PENSIONAMENTI E POCHE ASSUNZIONI, I NUMERI DELLA CARENZA DEI MEDICI DI FAMIGLIA REGIONE PER REGIONE

Proprio un ultimo progetto della Regione Lombardia sono le cooperative di medici per la gestione delle cronicità. «Accanto al medico di medicina generale ci sono altre figure che lo devono supportare e possono essere altrettanto efficaci nell’affrontare le patologie», spiega l’assessore Gallera. Da gennaio 2018 la Regione Lombardia ha infatti rivoluzionato l’assistenza dei cittadini con patologie croniche, attraverso il “Piano di Assistenza Individuale” (PAI), di validità annuale, che contiene tutte le prescrizioni necessarie alla gestione delle patologie croniche da cui è affetto. «Abbiamo già 300 piani di assistenza individuali, cioè cittadini a cui è stato fatto questo piano, questa fotografia dei suoi bisogni e i medici stanno già prenotando direttamente sulle agende dei poliambulatori e degli ospedali le visite. Siamo già a più di 100mila visite prenotate direttamente dai medici».

«Le cooperative di medici sono un’idea importante», spiega ancora l’assessore. «Diventano gestori della presa in carico del paziente cronico che da un lato è un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio, ma deve avere la capacità, il ruolo, il dovere e il diritto di essere colui che realmente governa i bisogni medici di un paziente». In che modo? «Evitando che altri possano prescrivere in relazione al suo paziente e avendo la percezione di tutti i bisogni, di tutte le visite, di tutte le attività sanitarie che il paziente compie e che gli vengono prescritte. Questo modello sta dando i suoi risultati, abbiamo circa 3mila medici che hanno aderito». Conclude l’assessore al Welfare, Giulio Gallera: «Questo è il segno di un aiuto che si fa al medico, di una centralizzazione e valorizzazione del ruolo e della figura del medico di medicina generale, proiettiamo nel futuro il ruolo del medico e la sua capacità di essere il vero player dei bisogni sanitari».

Articoli correlati
In 8 anni 2 miliardi e 42800 lavoratori in meno nella sanità italiana: i dati del rapporto UPB
Nel rapporto “Lo stato della sanità in Italia” elaborato dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio i dati evidenziano il calo del personale, in particolare degli infermieri. Inoltre «l'aumento del costo delle prestazioni specialistiche a compartecipazione contribuisce a spostare la domanda verso il privato, con l'ingresso di nuovi attori e il rafforzamento di quelli esistenti»
A Milano il primo ospedale ‘rosa’ d’Italia, il Macedonio Melloni: dallo sviluppo puberale alla menopausa, tanti servizi per la salute della donna
La struttura nasce con il supporto di Fondazione Onda, da sempre attenta al tema della medicina di genere. Gallera (Assessore al Welfare Lombardia): «Le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse»
di Federica Bosco
#DestinazioneSanità | Lombardia, come tutelare un’eccellenza: istruzioni per l’uso
La nuova puntata del reportage #DestinazioneSanità, in collaborazione con il sindacato CIMO, è dedicata ad uno dei sistemi sanitari più qualificati d’Europa, quello lombardo. Abbiamo visitato gli ospedali, parlato con i medici e incontrato le istituzioni. Quello che ne è emerso è un quadro in chiaroscuro e un libretto di istruzioni dal titolo: come tutelare un’eccellenza
Forum Risk Management, apre il ministro Speranza: «Carenza medici, superare stagione dei tetti di spesa»
Il Ministro all’annuale Forum di Firenze torna sui risultati della manovra economica: «Il messaggio che la salute torna al centro e che si chiude definitivamente la stagione dei tagli. Fra le cose fatte penso che quella del Superticket abbia un messaggio anche più simbolico»
Sanità, Rostan (LeU): «Bene approvazione nuovo contratto, ora colmare vuoti in organico»
La Vicepresidente della Commissione Affari Sociali plaude alla delibera del Consiglio dei Ministri: «Passo in avanti importante per raggiungere livelli di equità e di omogeneità delle prestazioni sanitarie in tutte le regioni del nostro Paese»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...