Formazione 31 Ottobre 2019

Gli specializzandi ‘bocciano’ 105 scuole e chiedono che anche la loro valutazione incida sugli accreditamenti

FederSpecializzandi: «Quasi 17mila colleghi, su circa 25mila, hanno espresso il proprio parere sulla scuola che frequentano. È un risultato eccezionale che dovrebbe essere utilizzato come elemento di valutazione ai fini dell’accreditamento»

Per la prima volta, gli specializzandi dicono la loro sulla qualità della formazione offerta dalle scuole di specializzazione che frequentano. Ma anche sulla disponibilità dei servizi, dei periodi in rete formativa o all’estero, dei diritti di malattia, maternità, orario di lavoro, dei doveri di dover raggiungere determinati standard di autonomia. Su 25mila specializzandi, 17mila hanno risposto ad un questionario di 84 domande preposto dall’Osservatorio Nazionale della Formazione Medica Specialistica. Ed è emerso che 105 scuole non raggiungono la sufficienza sull’aspetto formativo: 43 di area chirurgica, 40 di area medica e 22 dell’area dei servizi. Un risultato «sottostimato rispetto alla totalità dei voti negativi», sottolinea FederSpecializzandi, «dato che dal computo sono state escluse le scuole che non hanno ricevuto l’accreditamento o i contratti».

LEGGI L’ELENCO DELLE SCUOLE CON GIUDIZIO NEGATIVO

«L’attuazione dei sistemi di valutazione dettati dal DIM 402/2017 ha dato una svolta di oggettività nella valutazione delle scuole – scrive FederSpecializzandi sul suo sito -, anche se limitata al “contenitore”: pur con margini di miglioramento, la valutazione, infatti, indaga gli standard strutturali fondamentali, la capacità assistenziale e i requisiti scientifici e disciplinari che devono essere garantiti per tutti coloro che si iscrivono. Ma non basta: è inutile infatti avere reparti con buoni volumi o strutture d’eccellenza se poi non vi si ruota e se i tutor della rete formativa non seguono gli specializzandi».

«Purtroppo – prosegue la Federazione -, nonostante le nostre insistenze, non essendo stato il questionario compilato da tutti gli specializzandi per quest’anno non è stato utilizzato come elemento di valutazione e non è entrato nel merito finale dell’accreditamento. Tuttavia è stata lasciata traccia del parere degli specializzandi nei decreti di accreditamento. In calce alle delibere di quelle Scuole che hanno avuto giudizio negativo da parte degli specializzandi compare la frase “dall’analisi delle opinioni degli specializzandi iscritti alla Scuola, rilevate tramite questionario di valutazione, sono emerse talune criticità, rispetto alle quali l’Osservatorio nazionale si riserva ulteriori approfondimenti, anche tramite site visit. A tal proposito si invita l’Ateneo ad adottare le azioni di competenza finalizzate al continuo miglioramento della qualità della Scuola”».

«Riteniamo in ogni caso che per dare il giusto peso a questo passaggio storico, con il quale finalmente si inizia a raccogliere istituzionalmente la voce degli specializzandi, sia fondamentale la massima trasparenza, per informare tutti coloro che anche in un futuro rischiano di scegliere una Scuola al buio – prosegue FederSpecializzandi -. Ci auguriamo inoltre che queste prime informazioni possano stimolare seriamente un processo di miglioramento qualitativo: lo scopo del questionario non è infatti quello di stigmatizzare certe Scuole bollandole negativamente, ma è quello di far emergere disagi concreti da parte degli specializzandi e risolvere insufficienze formative. Ci è stato positivamente segnalato che diverse Scuole hanno già avviato confronti con tutti gli specializzandi, risolvendo alcune criticità legate, ad esempio, all’organizzazione delle rotazioni o alla pianificazione delle attività didattiche».

LEGGI ANCHE: MEDICI A LAVORO FINO A 70 ANNI. LE REAZIONI (OPPOSTE) DI CGIL E FEDERSPECIALIZZANDI ALLE PROPOSTE DELLE REGIONI

Articoli correlati
Borse di specializzazione, medici delusi dal Dl Rilancio. Le reazioni della categoria e le proposte di Lega e M5S
Secondo gli specializzandi, mille borse in più dal 2022 non risolvono il problema dell'imbuto formativo. Anaao Giovani è pronta a tornare in piazza, mentre Cinque Stelle e Lega propongono una riforma strutturale della specializzazione medica
Consumerismo critica decreto Scuola: «L’eccellenza del nostro SSN svilita in Parlamento»
Secondo l'associazione dei consumatori, il bonus di 50 crediti ECM è «un sei politico per tutti che sa di premio alla mediocrità»
Covid 19 – Il virus della paura: in un docufilm la lezione da imparare dalla pandemia
Il documentario è pronto a sbarcare ai festival Internazionali e nelle piattaforme on demand. Tortorella (Consulcesi): «Cinema, scienza e tecnologia il nuovo modello internazionale per la formazione del personale sanitario e per una corretta informazione». Il ministro Speranza: «Ridare centralità alla sanità, attraverso la formazione e la ricerca»
‘Covid-19 Il virus della paura’, ecco com’è nato il docufilm che punta sulla formazione di qualità. Venerdì la presentazione
Il progetto verrà presentato il 12 giugno alle ore 11.30 sulla pagina Facebook di Consulcesi Club alla presenza di Ranieri Guerra (OMS), Roberto Speranza (ministro Salute), Giuseppe Ippolito (Spallanzani), Massimo Andreoni (Tor Vergata) e Giorgio Nardone (Centro di Terapia Strategica)
«Concorso MMG, no a sanatorie o escamotage in Dl Rilancio»
«Il lupo perde il pelo ma non il vizio, ed il vizio in questo caso è rappresentato da ulteriori due emendamenti presentati al "Dl Rilancio" da parte degli Onorevoli Giulia Grillo/Manuel Tuzi (5stelle) e Rizzo Nervo (PD). I primi stanno tentando di ampliare la platea medici per l' accesso in graduatoria riservata, agevolata, al corso di formazione in medicina generale, nonostante il disastroso "Decreto Calabria" da loro proposto lo scorso anno, che nei numeri sulla partecipazione si è rivelato essere un "flop" da un lato e una porta di accesso agevolata agli specialisti dall'altro»
di Claudio Cappelli, Direttivo Nazionale Associazione ALS e Medico di Medicina Generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)