Lavoro 27 Settembre 2019 17:07

Medici a lavoro fino a 70 anni. Le reazioni (opposte) di Cgil e FederSpecializzandi alle proposte delle Regioni

Il documento della Conferenza delle Regioni: contratti di lavoro atipici, assunzione degli specializzandi e riduzione durata corso di laurea e specializzazioni. Filippi (Fp Cgil): «Un pastrocchio. Si estenda Dl Calabria a specializzandi del 2° e 3° anno». Guicciardi (FederSpecializzandi): «Per affrontare emergenza migliorare condizioni di lavoro per gli specialisti»

Medici a lavoro fino a 70 anni. Le reazioni (opposte) di Cgil e FederSpecializzandi alle proposte delle Regioni

16 punti per far fronte alla carenza di specialisti. È il documento redatto dalla Conferenza delle Regioni, che prevede misure urgenti, per garantire medici al Servizio sanitario nazionale ed assicurare l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza, e interventi di carattere strutturale e di sistema, che necessitano l’intervento del Governo. Martedì previsto l’incontro con il ministro della Salute Speranza. La premessa da cui partono le Regioni: «Le misure straordinarie che saranno individuate dovranno in ogni caso essere accompagnate dall’allineamento a regime del numero dei contratti di formazione specialistica e delle borse di studio per la formazione specifica in medicina generale rispetto al numero dei medici laureati».

LEGGI IL DOCUMENTO

LE PROPOSTE DELLE REGIONI:

  1. Consentire l’accesso al SSN di medici non specialisti, garantendo loro la possibilità di frequentare una scuola di specializzazione in soprannumero, per lo svolgimento di funzioni adeguate alle competenze possedute.
  2. Aggiornare e snellire le procedure concorsuali.
  3. Consentire l’utilizzo delle graduatorie anche per l’assunzione di idonei non vincitori.
  4. Consentire ai medici di lavorare fino a 70 anni, su base volontaria, compatibilmente con lo stato di salute e previa valutazione aziendale, anche se hanno già raggiunto i 40 anni di servizio. In questo modo verrebbero equiparati i pensionamenti dei medici universitari con i medici che lavorano all’interno del Servizio sanitario nazionale.
  5. Possibilità di adottare, per il prossimo triennio, contratti di lavoro autonomo per lo svolgimento delle funzioni ordinarie.
  6. Piena attuazione della possibilità di assumere gli specializzandi con contratto di lavoro a tempo determinato.
  7. Attivazione, per i contratti di formazione specialistica aggiuntivi regionali, di un percorso di formazione specialistica presso le aziende sanitarie e ospedaliere, instaurando un rapporto a tempo determinato di “specializzazione e lavoro”.
  8. Revisione dei contenuti e degli obiettivi del corso regionale di formazione specifica in medicina generale.
  9. Le Regioni in equilibro economico o che abbiano migliorato il conto economico negli ultimi tre anni, possono mettere a disposizione delle aziende risorse aggiuntive (dall’1% al 3%) da destinare alle retribuzioni dei professionisti del SSN. Prevedere specifiche indennità per i professionisti che effettuano attività di lavoro per guardia medica o pronta disponibilità o che operano in zone e in servizi disagiati.
  10. Possibilità di richiedere ai medici e ai veterinari di lavorare più ore rispetto a quanto previsto dai contratti di lavoro.
  11. Necessità di procedere alla definizione di una metodologia condivisa per la determinazione del reale fabbisogno di personale degli enti del Servizio Sanitario Nazionale.
  12. Necessità di adeguare e ammodernare l’attuale normativa che regola la determinazione dei fabbisogni formativi dei professionisti del sistema sanitario e dei medici specialisti.
  13. Ridurre la durata del corso di laurea in medicina e chirurgia (da 6 a 5 anni) e dei corsi di specializzazioni (alle durate minime europee)
  14. Valorizzare il ruolo del medico specializzando all’interno delle strutture. In tal caso sarebbe necessario prevedere l’assimilazione dei medici specializzandi al personale dipendente per quanto riguarda la copertura assicurativa per la tutela legale.
  15. Valorizzare le professioni sanitarie.
  16. Possibilità di derogare all’orario settimanale di lavoro con il consenso del lavoratore.

FILIPPI (FP CGIL MEDICI): «UN PASTROCCHIO. SI ESTENDA DL CALABRIA A SPECIALIZZANDI 2° E 3° ANNO»

Non esita a definire il documento «un pastrocchio», il segretario nazionale della Fp Cgil Medici Andrea Filippi. «Si vanno a toccare tutti gli ambiti senza trovare nessuna soluzione efficace. L’unica vera conseguenza è declassare e lentamente distruggere il contratto nazionale di lavoro. È questo a cui si arriva nel momento in cui si introducono, nel Servizio sanitario nazionale, altre forme contrattuali».

«Si parla tanto di estendere la possibilità di lavorare fino a 70 anni – prosegue Filippi entrando nel merito -. Una possibilità, su base volontaria, che non serve a nulla. Poi si prevede una formazione parallela e in soprannumero per i laureati che intanto iniziano a lavorare. E gli specializzandi veri? Quando finiscono il corso si troveranno i posti di lavoro già occupati e si creerà un altro imbuto».

«L’unica vera soluzione – continua – è estendere quanto previsto dal decreto Calabria agli specializzandi del secondo e terzo anno -. Serve una norma di legge che rivoluzioni tutta la formazione, che preveda per gli specializzandi contratti di formazione-lavoro e tutele assicurative e consenta loro di lavorare insieme ai tutor nella rete ospedaliera territoriale, non di essere solo gli schiavi dei policlinici universitari. Una soluzione relativamente semplice, e che risolverebbe il problema del fabbisogno di specialisti in tempi brevissimi. Però, per attuarla, serve il coraggio di scontrarsi con le università. Serve un tavolo con il ministero dell’Istruzione ed il ministero della Salute per trovare una soluzione condivisa dalle organizzazioni sindacali».

GUICCIARDI (FEDERSPECIALIZZANDI): «PER AFFRONTARE EMERGENZA MIGLIORARE CONDIZIONI DI LAVORO PER GLI SPECIALISTI»  

«Il problema della carenza degli specialisti non si risolve né con gli specializzandi né con i pensionati. Il punto è mettere in corsia professionisti formati». Così Stefano Guicciardi, presidente di FederSpecializzandi, commenta uno dei punti più dibattuti del documento elaborato dalle Regioni. «Non osteggiamo a prescindere la possibilità che i medici lavorino fino a 70 anni, anche se ci sembra una misura surreale che non risolve il problema; la vera strada è migliorare le prospettive dei neo-specialisti, con incentivi per l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro. Vanno previsti contratti allettanti, avviate politiche di assunzione a tempo indeterminato, incentivate le professioni meno appetibili».

A tal proposito, Guicciardi ritiene positivi i punti che prevedono l’aumento delle borse di studio e gli incentivi per i professionisti che volessero lavorare di più. Del tutto negativo, invece, il giudizio sulla possibilità di assumere gli specializzandi: «Il dl Calabria non ci convincerà mai – dichiara -. Gli specializzandi non avrebbero alcuna garanzia né da un punto di vista legale, né contrattuale, né assicurativo. Crediamo sia solo una scappatoia per far cassa sulla pelle degli specializzandi, pagando un professionista meno di uno strutturato, dandogli responsabilità e autonomia che non sempre è in grado gestire. Senza parlare del fatto che non si sa quanto guadagnerebbe. Il dl Calabria non è e non sarà mai la soluzione».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, CIMO-FESMED: «MOLTE OMBRE NEL PIANO DELLE REGIONI PER IL SSN»

Articoli correlati
Carenza medici di famiglia, la Lombardia preme sul Governo per avere più borse di studio per MMG
Monti (presidente Commissione Sanità): «Dialogo aperto con il Ministro Messa. In Consiglio regionale approvata la delibera per aumentare il numero dei pazienti di medici in formazione»
di Federica Bosco
Imbuto formativo, PNRR e nuovi contratti. Viola (Federspecializzandi): «Ecco come devono evolvere le scuole di specializzazione»
Intervista alla presidente di Federspecializzandi: «Necessario adattarsi ai tempi che viviamo e comprendere cose che non sono state ancora capite»
Carenza medici di famiglia in Lombardia, l’allarme dei sindaci
Nei prossimi anni saranno più di 4000 i medici di medicina generale che andranno in pensione in Lombardia. Le proposte dei sindaci di Pieve Emanuele, Bareggio e Buccinasco
di Federica Bosco
CIMO-FESMED: «PNRR ignora dramma carenza medici. Interventi insufficienti e nessuna svolta strutturale»
«Anche l’Istat oggi certifica come il depauperamento della sanità, i minori investimenti e il sovraccarico di lavoro sui medici, il cui numero è insufficiente, sono stati elementi che hanno aggravato gli effetti della pandemia in Italia. Anche l’Istituto, cui è demandata l’asciutta rilevazione e analisi dei dati ha oggi puntato l’indice – e senza complimenti […]
Smi, Simet e Fp Cgil Medici si associano in una nuova organizzazione sindacale
SMI, SIMET e FP CGIL Medici si affiliano. Nasce un nuovo polo sindacale della medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...