Formazione 14 aprile 2015

Formazione a Distanza, le nuove frontiere dell’Allergologia Molecolare

La parola al dottor Adriano Mari, direttore scientifico di un innovativo corso FAD

Immagine articolo

La branca dell’allergologia molecolare sta riscuotendo, a causa dei suoi recenti sviluppi, una particolare e rinnovata attenzione nel mondo medico.

Sanità Informazione ha approfondito il tema insieme al dottor Adriano Mari, specialista in Allergologia e Immunologia, e forte sostenitore dell’innovazione nel settore. “Negli ultimi vent’anni, nel nostro campo, stiamo assistendo ad una vera e propria rivoluzione – sostiene  Mari – ed il merito è della biologia molecolare, che ci ha permesso di ‘varcare il confine’ dello studio della fonte allergenica per giungere all’analisi delle singole molecole allergeniche. Così, abbiamo scoperto che il mondo è un po’ diverso, se lo si esamina davvero nel dettaglio”. In tal senso informarsi e formarsi su queste pratiche si rivela spesso indicativo per il medico stesso: “E’ un po’ come entrare in una biblioteca – spiega il dottore – e scoprire di averne sempre percorso i corridoi sapendo già che i libri erano divisi per argomenti. Con l’allergologia molecolare, invece, è come guardare ogni libro, uno per uno, per poi leggerlo e catalogarlo. Per farlo – aggiunge – ci vuole una formazione di massimo livello”.

In quest’ottica si inserisce questo nuovo progetto, un corso di Formazione a Distanza dalle caratteristiche innovative, di cui Mari è Direttore scientifico: “Il corso  – continua il dottor Mari – parte da una prima, necessaria introduzione agli elementi di base: non si può infatti prescindere da alcune nozioni fondamentali che riguardano la struttura delle proteine, le molecole, e la loro interazione con gli anticorpi specifici, cioè le IgE. Dopodiché, naturalmente, si esamineranno tutti gli strumenti che abbiamo messo a punto nel tempo per poter esplorare questo mondo, che è in continua espansione: quanto più si entra nel dettaglio, tanto più aumenta la quantità di informazioni da acquisire. Anche per questo – conclude il dottore – abbiamo attinto alle nuove tecnologie, le cosiddette Information and Communication Technology (ICT), che possono fornire un valido supporto al professionista che voglia addentrarsi in un settore così ricco di spunti”.

Articoli correlati
Formazione, nasce il corso ECM residenziale “empatia e burnout”
L’empatia come strumento per la prevenzione del Burnout è il tema del corso residenziale che si svolgerà in una location unica – la Casa del Divin Maestro – ad Ariccia, a pochi chilometri da Roma. Domandarsi la funzione dell’esercizio empatico nell’ambito delle professioni socio-sanitarie è come domandarsi la funzione dei libri all’interno di una biblioteca. Il concetto […]
Formazione, Paola Kruger: «Il paziente esperto è un valore aggiunto per il medico, non un contrasto»
«Essere un paziente esperto significa saper interloquire con gli altri stakeholders allo stesso livello e con un linguaggio scientifico che serve per veicolare le istanze da paziente nella maniera più corretta e autorevole» così Paola Kruger, Paziente Esperto EUPATI
Sciopero medici, la voce degli studenti: «Senza programmazione e finanziamenti il nostro futuro è drammatico»
Blocco del turnover, imbuto formativo e precarietà sono solo alcune delle ragioni che hanno spinto tanti studenti di medicina e specializzandi a supportare lo sciopero di venerdì scorso indetto dalla dirigenza medica e sanitaria: «Per noi studenti diventa sempre più complesso capire se avremo un futuro nell’ambito della sanità»
Pazienti ‘esperti’, al via 1° corso EUPATI in italiano. Buccella (Accademia Pazienti): «Al servizio società per migliorare approcci terapeutici»
«Io ho un figlio con distrofia di Duchenne e mi sono serviti 25 anni per apprendere le nozioni di cui avevo bisogno per assisterlo al meglio. Con il corso è necessario solo un anno per una formazione completa». Così Filippo Buccella, Presidente dell’Accademia
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Come formare pazienti “esperti”? Ecco il corso promosso dall’Accademia dei Pazienti Onlus -EUPATI Italia
Dominique Van Doorne (Vice presidente Accademia Pazienti Onlus): «Il paziente , oggi, diventa sempre più attivo non solo nel proprio processo di salute, ma anche nelle politiche sanitarie. È lui che ha l’esperienza della malattia, ne sa molto più del ricercatore, dello sperimentatore e del legislatore
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...