Contributi e Opinioni 10 Marzo 2020

Coronavirus e gravidanza, i neonati possono essere contagiati da una madre infetta?

Di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells

di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Immagine articolo

Una donna in gravidanza ha più possibilità di contrarre il Coronavirus rispetto ad un qualsiasi altro tipo di malattia respiratoria grave? La risposta è no: il rischio è lo stesso. Ma mentre per il virus dell’influenza stagionale è consigliato il vaccino in gravidanza all’inizio della stagione influenzale, in assenza di un vaccino per il Covid-19 alla donna in gravidanza (e ai suoi contatti) sono raccomandate le comuni azioni di prevenzione: lavarsi di frequente e accuratamente le mani, evitare contatti con persone malate o sospette tali, evitare i luoghi a rischio secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute e delle istituzioni internazionali.

Ma se, nonostante tutte le precauzioni, una donna in gravidanza viene contagiata da Coronavirus, può trasmetterlo al bambino? Secondo il Ministero della Salute i dati presenti in letteratura (seppur limitati) non riportano casi di trasmissione dell’infezione da altri coronavirus (MERS-CoV e SARS-CoV) da madre a figlio. Secondo i più recenti dati relativi a bambini nati da madri con Covid-19 nessuno di loro è risultato positivo. Inoltre, il liquido amniotico analizzato non ha rilevato il virus SARS- CoV-2.

A conferma di quanto detto dal Ministero c’è la letteratura scientifica. La rivista The Lancet, tra le cinque più accreditate al mondo, ha pubblicato uno studio che ha coinvolto nove donne in gravidanza al nono mese e affette da Covid-19. Le caratteristiche cliniche della polmonite Covid-19 nelle donne in gravidanza erano simili a quelle riportate per pazienti adulti non gravidi che hanno sviluppato polmonite Covid-19. Sebbene questa pubblicazione riguardi un piccolo numero di donne in gravidanza, i risultati suggeriscono che al nono mese di gravidanza non c’è trasmissione da madre a figlio.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CORSICO (PNEUMOLOGO PAVIA): «IN TERAPIA INTENSIVA NON SOLO ANZIANI E SOGGETTI FRAGILI»

L’esigenza di capire cosa accade alle donne in dolce attesa nasce dal fatto che gli studi eseguiti fino a quel momento valutavano solo pazienti non in gravidanza. Nello specifico, gli studiosi volevano capire se il Coronavirus si sviluppava in maniera differente, se le gestanti avevano più rischi per la propria salute, se potevano incorrere in un parto prematuro e a quali rischi venivano sottoposti il feto e il neonato. Per farlo sono stati analizzati i dati di pazienti in gravidanza al nono mese, affette da Covid-19 e monitorate al Zhongnan Hospital of Wuhan University, in Cina.

Per valutare se ci fosse stata una trasmissione del virus SARS-CoV-2 da madre e bambino, sono stati analizzati il sangue cordonale, il latte materno e il liquido amniotico. È stato inoltre eseguito un tampone ai neonati. C’è inoltre da evidenziare che nessuna delle donne in gravidanza aveva sviluppato una polmonite Covid-19 grave e tutte erano vive al momento dello studio. Inoltre, tutte le donne hanno partorito con parto cesareo, in quanto il parto cesareo in una condizione di questo genere è consigliato perché riduce ulteriormente i rischi del contagio. I bambini nati da queste mamme sono tutti sani: non è stata trovata traccia del virus in nessun liquido analizzato, sia nel liquido amniotico che nel latte materno o nel sangue del cordone ombelicale.

Questa pubblicazione scientifica, sebbene riguardi un numero piccolo di donne in un periodo particolare della gravidanza (il terzo trimestre), ci dà una indicazione che sia il sangue cordonale che il liquido amniotico non sono stati infettati da SARS-CoV-2, scongiurando la trasmissione ed eventuali complicanze nel nascituro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Fonti:

Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità

The Lancet

Articoli correlati
Coronavirus in Calabria, Cimo: «Poco personale e strutture inadeguate, se numeri aumentano sarà crisi»
Il Segretario del sindacato Giorgio Ferrara: «Mancano anche tamponi e dispositivi di protezione individuale. Per ora sopravviviamo, ma se dovessero verificarsi picchi come successo al Nord, non riusciremmo a reggere»
Covid-19, i sindacati della dirigenza medica e sanitaria proclamano lo stato di agitazione
I sindacati non escludono una giornata di protesta 'virtuale' se le loro richieste non verranno accolte: DPI per tutto il personale sanitario, quarantena con sorveglianza attiva per chi ha avuto contatti stretti con positivi, limiti alla responsabilità civile, penale e erariale, riconoscimento premiale, aumento dei contratti di formazione e assunzioni a tempo indeterminato. Fp Cgil Medici e Uil Fpl Medici non aderiscono
Dall’intervista a Sanità Informazione a Mosca, l’ex direttore sanitario dell’Ats di Bergamo è ora consulente alla corte di Putin
Giuseppe Imbalzano: «Mi hanno chiesto come organizzare l’attività e ridurre il rischio. Prossimo appuntamento con i direttori degli ospedali, nel frattempo sto preparando un documento per i cittadini»
di Federica Bosco
Mascherine, foulard ed il principio di precauzione
Come evidenziato dagli organi di informazione, da domenica 5 aprile in Lombardia è in vigore, verso tutti i cittadini che, nel rispetto delle precedenti misure di contenimento (il c.d. “distanziamento sociale”), si spostino per giusta causa, l’obbligo, fino al 13 aprile, di indossare una protezione su naso e bocca – adesso è sufficiente il foulard […]
di Calogero Spada, Specialista TSRM in Neuroradiologia
Dall’indennità di Coronavirus alla limitazione della responsabilità delle strutture: polemica sugli emendamenti al Cura Italia
Dopo i contrasti sulla proposta di limitare la responsabilità civile, penale ed erariale non solo degli operatori ma anche delle strutture sanitarie, Salvini ritira emendamento, ma resta in campo quello del Pd. Duro Filippo Anelli: «La misura è colma». In campo anche proposte per MMG e per remunerazione aggiuntiva dei sanitari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 aprile, sono 1.275.856 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 69.514 i decessi e 262.999 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA   Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...