Contributi e Opinioni 10 Marzo 2020

Coronavirus e gravidanza, i neonati possono essere contagiati da una madre infetta?

Di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells

di Pierangela Totta, Responsabile scientifica Futura Stem Cells
Immagine articolo

Una donna in gravidanza ha più possibilità di contrarre il Coronavirus rispetto ad un qualsiasi altro tipo di malattia respiratoria grave? La risposta è no: il rischio è lo stesso. Ma mentre per il virus dell’influenza stagionale è consigliato il vaccino in gravidanza all’inizio della stagione influenzale, in assenza di un vaccino per il Covid-19 alla donna in gravidanza (e ai suoi contatti) sono raccomandate le comuni azioni di prevenzione: lavarsi di frequente e accuratamente le mani, evitare contatti con persone malate o sospette tali, evitare i luoghi a rischio secondo le raccomandazioni del Ministero della Salute e delle istituzioni internazionali.

Ma se, nonostante tutte le precauzioni, una donna in gravidanza viene contagiata da Coronavirus, può trasmetterlo al bambino? Secondo il Ministero della Salute i dati presenti in letteratura (seppur limitati) non riportano casi di trasmissione dell’infezione da altri coronavirus (MERS-CoV e SARS-CoV) da madre a figlio. Secondo i più recenti dati relativi a bambini nati da madri con Covid-19 nessuno di loro è risultato positivo. Inoltre, il liquido amniotico analizzato non ha rilevato il virus SARS- CoV-2.

A conferma di quanto detto dal Ministero c’è la letteratura scientifica. La rivista The Lancet, tra le cinque più accreditate al mondo, ha pubblicato uno studio che ha coinvolto nove donne in gravidanza al nono mese e affette da Covid-19. Le caratteristiche cliniche della polmonite Covid-19 nelle donne in gravidanza erano simili a quelle riportate per pazienti adulti non gravidi che hanno sviluppato polmonite Covid-19. Sebbene questa pubblicazione riguardi un piccolo numero di donne in gravidanza, i risultati suggeriscono che al nono mese di gravidanza non c’è trasmissione da madre a figlio.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, CORSICO (PNEUMOLOGO PAVIA): «IN TERAPIA INTENSIVA NON SOLO ANZIANI E SOGGETTI FRAGILI»

L’esigenza di capire cosa accade alle donne in dolce attesa nasce dal fatto che gli studi eseguiti fino a quel momento valutavano solo pazienti non in gravidanza. Nello specifico, gli studiosi volevano capire se il Coronavirus si sviluppava in maniera differente, se le gestanti avevano più rischi per la propria salute, se potevano incorrere in un parto prematuro e a quali rischi venivano sottoposti il feto e il neonato. Per farlo sono stati analizzati i dati di pazienti in gravidanza al nono mese, affette da Covid-19 e monitorate al Zhongnan Hospital of Wuhan University, in Cina.

Per valutare se ci fosse stata una trasmissione del virus SARS-CoV-2 da madre e bambino, sono stati analizzati il sangue cordonale, il latte materno e il liquido amniotico. È stato inoltre eseguito un tampone ai neonati. C’è inoltre da evidenziare che nessuna delle donne in gravidanza aveva sviluppato una polmonite Covid-19 grave e tutte erano vive al momento dello studio. Inoltre, tutte le donne hanno partorito con parto cesareo, in quanto il parto cesareo in una condizione di questo genere è consigliato perché riduce ulteriormente i rischi del contagio. I bambini nati da queste mamme sono tutti sani: non è stata trovata traccia del virus in nessun liquido analizzato, sia nel liquido amniotico che nel latte materno o nel sangue del cordone ombelicale.

Questa pubblicazione scientifica, sebbene riguardi un numero piccolo di donne in un periodo particolare della gravidanza (il terzo trimestre), ci dà una indicazione che sia il sangue cordonale che il liquido amniotico non sono stati infettati da SARS-CoV-2, scongiurando la trasmissione ed eventuali complicanze nel nascituro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

 

Fonti:

Ministero della Salute

Istituto Superiore di Sanità

The Lancet

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio
Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...