Salute 7 aprile 2017

Roberto Burioni: «I casi di morbillo tra i medici sono vergognosi»

«Medici anti-vaccini da radiare» è categorico il Professore di Microbiologia e Virologia del San Raffaele di Milano, Roberto Burioni, che condanna le bufale del web e la disinformazione

Immagine articolo

«Il sonno della ragione genera mostri» lo disse Goya e lo ribadisce Roberto Burioni in occasione del primo Congresso Nazionale Medicina e Pseudoscienza organizzato all’Ergife Palace di Roma. Il noto Professore di Microbiologia e Virologia dell’Università San Raffaele di Milano, che sarà ospite su Raitre nella trasmissione Linea notte, concentra il suo intervento sul tema della disinformazione mediatica. Le ‘bufale del web’ provocano gravissimi danni, afferma Burioni, fra i quali, la psicosi vaccini che, soprattutto negli ultimi tempi, ha generato conseguenze seriamente preoccupanti. Basta pensare ai dati pubblicati di recente dall’Istituto Superiore di Sanità: mille casi di morbillo in Italia nel 2017 a fronte di poco meno di 900 in tutto il 2016.

«Questo è il risultato provocato dalla gente che sceglie di non vaccinarsi. Nei Paesi dove i tassi di vaccinazione sono alti, ne cito uno, il Portogallo, i casi di morbillo sono zero» il Professore è perentorio nell’affermare che «ognuno di questi casi è evitabile, ed è a mio giudizio una vergogna che, in un Paese avanzato, ancora ci siano tutti questi casi di morbillo, con gente che finisce in ospedale, in rianimazione. È importante non solo che i genitori vaccinino i propri figli, ma oramai anche che gli adulti si controllino, perché molti adulti non sono stati vaccinati e quindi non sono protetti, ed è assolutamente indispensabile che cambi radicalmente l’atteggiamento nei confronti della vaccinazione».

Ma non sono solo i bambini ad ammalarsi, come sottolinea Burioni, anche una buona media di adulti rientra nella casistica e, dato ancora più allarmante, a contrarre la malattia anche un numero discreto di operatori sanitari. «Il fatto che ci siano dei casi di morbillo tra i sanitari è una cosa che grida vendetta, è una vergogna proprio. Chi lavora in un ospedale ha una doppia responsabilità, la prima è quella di dare il buon esempio, perché un medico deve dare il buon esempio, ma la seconda è ancora più importante, è che chi lavora a contatto con i malati, non solo è più probabile che contragga il morbillo ma può diffonderlo a persone più deboli, per cui è importantissimo che chi lavora in un ospedale sotto qualunque veste, infermiere, medico e qualunque altro ruolo, si controlli se è immune». Il Professore ribadisce che, per verificare l’immunità, basta un esame del sangue, e se non si è immuni «bisogna vaccinarsi. Mi permetto di dire che forse la stessa cosa dovrebbero farla anche gli insegnanti e tutti quelli che sono a contatto con i bambini – prosegue il Professore -. Valutare se si è immuni nei confronti soprattutto del morbillo ma anche le altre malattie dell’infanzia e vaccinarsi. E questo anche per se stessi, perché prendere il morbillo da adulti, o prendere la parotite da adulti, o prendere la varicella da adulti, non è un’esperienza piacevole».

Sul tema vaccini e psicosi, qualche giorno fa, è stata sollevata un’importante polemica sul controverso film ‘Vaxxed’ un documentario che fa riferimento ai presunti legami tra vaccino e autismo. Il film doveva essere proiettato a Padova nel cinema Porto Astra, ma in seguito alle varie contestazioni, non è stato mostrato. «Menomale – commenta Burioni – il film in questione è un documentario che dipinge come ‘eroe’ un medico sorpreso a falsificare dei lavori, a sottoporre dei piccoli pazienti a degli esami dolorosi, invasivi e non necessari». Infatti, protagonista del documenario in questione è Andrew Jeremy Wakefield, un ex medico e chirurgo britannico della metà degli anni ‘50, conosciuto principalmente per una pubblicazione scientifica fraudolenta in cui sosteneva il legame, oggi screditato, tra il vaccino trivalente MPR (morbillo, parotite, rosolia) e l’autismo. «Il medico è stato radiato dall’Ordine. Credo che sia assurdo proiettare una cosa del genere, soprattutto nella città di Padova, dove c’è l’università che custodisce la cattedra di Galileo, io lo ritengo uno sfregio intollerabile. I media hanno la responsabilità di selezionare le fonti: non si può chiamare a parlare della discriminazione razziale uno che è convinto che le persone di colore siano meno intelligenti, è una persona che non ha diritto a spazio perché sta dicendo una pericolosa bugie. E se si tratta di un medico – conclude – bene, è il caso di radiarlo dall’Ordine».

Per approfondire:

Allarme morbillo, casi in aumento anche tra i medici. Scattano controlli su pediatri che non vaccinano

Articoli correlati
Ue, faccia a faccia Grillo–Andriukaitis. Quando Commissario Salute diceva: «M5S segue scienza o fake news?»
Il Ministro partecipa al suo primo Consiglio europeo Salute. Sui vaccini dice: «Sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria». Intanto infuria la polemica dopo le frasi del vicepremier Salvini: «Dieci vaccini inutili e pericolosi». La replica di Burioni: «Lo sfido a portare le prove». Insorgono le opposizioni
Vaccini, 1° Regione in Italia per copertura morbillo
Il Lazio è l’unica Regione italiana ad aver superato il 95% della copertura vaccinale per il morbillo nella fascia d’età 0-24 mesi. Come si legge sul sito della Regione, nel Lazio è disponibile l’Anagrafe Unica Vaccinale alla quale, ad oggi, risultano registrati 3.100 scuole e istituti per un numero di alunni complessivo pari a oltre 313 mila che […]
Lecce, grave una 29enne per complicanze da morbillo
Una ragazza di 29 anni, non vaccinata, è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Vito Fazzi di Lecce per encefalite da morbillo.  L’encefalite, è una grave complicanza del morbillo; nel nostro Paese, dal 1 gennaio al 31 marzo 2018 si sono registrati 805 casi di morbillo di cui il 92% in pazienti non vaccinati. Quattro, secondo […]
Morbillo, impennata di casi a marzo. Ricciardi (Iss): «Non è una sorpresa, colpiti i non vaccinati»
Il totale del mese come la somma di gennaio e febbraio. La Sicilia la regione più colpita, poi Lazio e Calabria. Dati in calo rispetto al 2017 quando nei primi tre mesi i colpiti erano stati 1755. Record in Francia, con 1900 infetti da inizio anno
Allarme morbillo, OMCeO Catania: «Noi da sempre in prima linea per corretta informazione, anche sul web»
Il caso del bambino morto a Catania perché troppo piccolo per essere vaccinato ha riacceso i riflettori sull’importanza dell’immunità di gregge per tutelare la salute pubblica. L’OMCeO Catania sottolinea: «Su vaccini necessaria sinergia tra formazione medica e corretta informazione ai cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...