Formazione 22 aprile 2014

Gli endocrinologi puntano su una FAD di qualità partendo dal provider 

Castello, presidente AME: “Importante per l’accreditamento ministeriale e per una grafica accattivante”

Immagine articolo

Nuove tecnologie e formazione a distanza in primo piano nell’azione dell’Associazione Medici Endocrinologi guidata dal presidente Roberto Castello. Proprio quest’ultimo sottolinea come “in tempi di spending review sia più difficile organizzare convegni e coinvolgere soci anche in funzione dei loro impegni lavorativi.

Dare continuità da un punto di vista di tipo assistenziale, pratico, clinico, attraverso una serie di immagini come può essere una FAD costruita ad esempio con un PowerPoint o attraverso una serie di dati bibliografici, può allora essere di particolare utilità. Su questo l’Ame ha investito, creando una FAD ad hoc per i propri soci”.

L’Age.na.s  di recente oltre a rifare il trucco al proprio sito, ha annunciato e ha applicato dei controlli sui provider che offrono servizi di formazione a distanza. Controlli utili affinché ci sia un riferimento preciso ad una FAD di qualità. “Su questo l’Ame da subito si è posta il problema di selezionare un provider. Si tratta di un cuneo indispensabile per poter avviare una FAD, sia in termini di accreditamento ministeriale sia da un punto di vista di presentazione grafica;  perché oltre ai contenuti scientifici – sottolinea ancora Castello – deve contenere una formattazione adeguata. La scelta del provider diventa dunque un elemento indispensabile”.

Un altro problema è rappresentato della responsabilità professionale con l’obbligo del 14 agosto sempre più vicino. “Dobbiamo assolutamente confrontarci – commenta la massima carica dell’Ame –  tutti devono dotarsi di un’assicurazione di responsabilità civile, anche chi opera in un’azienda. Stiamo lavorando su una convenzione per assicurare una polizza che offra le migliori garanzie ai nostri soci. Penso sia, però,  anche compito delle associazioni scientifiche dover affrontare questo tema e offrire valutazioni sulle varie offerte sul mercato”.

Altro tema caldo è quello dei rimborsi agli ex specializzandi. È notizia di pochi giorni fa la presentazione di un nuovo Ddl per un accordo transattivo che eviti allo Stato di pagare oltre cinque miliardi di euro. “Adesso, progressivamente, attraverso una serie di sentenze e azioni portate avanti, il problema sta diventando sempre più sentito. La nostra associazione – anticipa Castello –  proprio per cercare di sollecitare l’attenzione dei soci e migliorare la loro conoscenza sulla questione, ha stipulato una convenzione con Consulcesi,  attraverso la quale gli iscritti dell’Ame potranno accedere alle azioni collettive a costi ridotti”. In conclusione Castello sottolinea l’importanza proprio di ricorrere per far valere il loro diritto. “Un diritto – afferma –  sancito dalla corte europea e che deve essere rispettato”.

Articoli correlati
ECM, cosa cambia con il nuovo regolamento. Bevere (Agenas): «Formazione arma per le sfide del futuro»
Meno burocrazia e semplificazione all’insegna di controllo e trasparenza maggiori. In questa prospettiva, il nuovo provvedimento che organizza tutte le norme Ecm. Francesco Bevere, Direttore Agenas: «Rimuovere gli ostacoli di ordine economico, sociale e geografico che limitano la formazione». Riccardo Cassi, Presidente Cimo: «L’esigenza di una norma che ordinasse il sistema era avvertita da tutte le categorie»
Vissani, svolta “salutista” e le sue ricette diventano ECM
Insegnare a combinare sapore e benessere a tavola. Questo l'obiettivo del corso ECM dedicato ai medici che «devono imparare a proporre ai propri pazienti un modo alternativo per combinare gli ingredienti» spiega la responsabile scientifica, la dottoressa Serena Missori che affianca il maestro Vissani. La nutrizionista lancia l'allarme: celiaci in aumento in Italia, +15% in soli due anni mentre 8 adulti su 10 risultano intolleranti al lattosio
ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»
Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»
Disfunzioni tiroidee, le malattie del secolo. Sintomi e prevenzione? Risponde l’endocrinologo Castello (AME)…
Sono oltre 6 milioni gli italiani che soffrono di malattie alla tiroide e la patologia è in aumento. Roberto Castello (AME): «Facciamo chiarezza, Chernobyl non c’entra, le malattie alla tiroide ci sono sempre state ma adesso è più facile diagnosticarle»
ECM, cosa cambia dal 2017. Bovenga: «Ecco dossier formativo e bonus per i virtuosi»
Il 31 dicembre scade il triennio formativo, tante le novità in programma. Il presidente del CoGeAPS: «Superati i numeri di un tempo ma si può ancora migliorare. Per i più bravi possibilità di riduzioni e bonus»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...