Salute 2 Marzo 2021 15:06

Vaccini e Covid, AME rassicura: «Astrazeneca efficace per Tiroidite di Hashimoto»

«A seguito delle recenti disposizioni ministeriali sulla campagna vaccinale anti Covid-19, l’Associazione Medici Endocrinologi (AME) ritiene importante fare alcune precisazioni relative alle endocrinopatie, in particolare sulla Tiroidite di Hashimoto e sul conseguente allarme generatosi tra gli operatori sanitari e tra le persone affette sul vaccino Astrazeneca». Così l’Associazione in una nota. La campagna vaccinale del […]

Vaccini e Covid, AME rassicura: «Astrazeneca efficace per Tiroidite di Hashimoto»

«A seguito delle recenti disposizioni ministeriali sulla campagna vaccinale anti Covid-19, l’Associazione Medici Endocrinologi (AME) ritiene importante fare alcune precisazioni relative alle endocrinopatie, in particolare sulla Tiroidite di Hashimoto e sul conseguente allarme generatosi tra gli operatori sanitari e tra le persone affette sul vaccino Astrazeneca». Così l’Associazione in una nota.

La campagna vaccinale del Ministero

«Superata la fase 1 della campagna di vaccinazione, rivolta ad operatori sanitari e sociosanitari, personale ed ospiti dei presidi residenziali per anziani, anziani over 80, (per i quali è stata prevista la vaccinazione con vaccino a mRNA) – spiega AME -, il Ministero ha proseguito stratificando i soggetti in relazione alla loro fragilità e al carico di malattia. Tale stratificazione ha previsto sia la priorità temporale di una categoria di soggetti rispetto ad un’altra sia, in presenza di risorse vaccinali contingentate, la selezione preferenziale di alcuni soggetti da sottoporre a vaccinazione con vaccini a mRNA in rapporto alla loro maggiore descritta capacità protettiva. Con il documento dell’8 febbraio 2021, il Ministero della Salute ha emanato delle “raccomandazioni ad interim” per individuare le categorie target da vaccinare prioritariamente e preferibilmente con l’uno o l’altro vaccino. Il razionale alla base di tali raccomandazioni è quello di riservare ai soggetti più fragili, e con maggior rischio di Covid-19 grave, i vaccini che abbiano una maggiore efficacia nel ridurre la probabilità di contagio da SARS-CoV-2».

Malattie endocrine e vaccini

Relativamente alle endocrinopatie e ad altre condizioni cliniche di interesse endocrinologico, definite come “Diabete/altre endocrinopatie severe”, i criteri preferenziali per essere sottoposti a vaccinazione con vaccino a mRNA sono:

  • Diabete mellito insulino-trattato (nel documento inserito come Diabete Giovanile) – Cod. di esenzione 013;
  • Diabete mellito tipo 2 in trattamento con almeno 2 farmaci ipoglicemizzanti o con vasculopatia periferica con indice di Fontaine ≥ 3 – Cod. di esenzione 013;
  • Morbo di Addison – Cod. di esenzione 022;
  • Obesità grave (qui identificata come soggetti con BMI > 35 kg/m2);
  • Pazienti affetti da S. di Down – Cod. di esenzione 065.

«Purtroppo – prosegue la nota -, nell’elenco dei codici di esenzione che identificano le categorie indicate nelle “raccomandazioni ad interim”, è citato il codice 056, che corrisponde alla Tiroidite di Hashimoto. In particolare, questa condizione rischia di essere inserita nell’elenco delle “Malattie autoimmuni con associata immunodepressione secondaria a trattamento terapeutico e conviventi” accanto ad Artrite Reumatoide (006), Anemia emolitica autoimmune (003), Glaucoma (020), Spondilite Anchilosante (054), Colite Ulcerosa e Malattia di Crohn (009), LES (028), Malattia di Alzheimer (029), Connettivite indifferenziata (067), Psoriasi (045).

«Questa decisione ha prodotto allarme e confusione sia negli operatori sanitari che nei pazienti con Tiroidite di Hashimoto, che in molti casi hanno rinunciato o si sono visti rifiutare la possibilità di essere vaccinati con il vaccino Astrazeneca, pur in assenza di specifiche e formali controindicazioni da parte dell’azienda produttrice».

«Pur essendo stata questa impostazione parzialmente rettificata da una successiva circolare del 22 febbraio del Ministero della Salute, nella situazione attuale AME ritiene importante precisare che:

  • condivide il principio che, a fronte di una documentata maggiore efficacia, possa esserci un indirizzo preferenziale riguardo i soggetti più fragili ed i pazienti con maggiore carico di malattia verso l’uso di vaccini a mRNA attualmente disponibili in Italia (Pfizer e Moderna);
  • dissente sull’inserimento della Tiroidite di Hashimoto tra le patologie che impongono un maggior carico di malattia, e che conseguentemente comportino l’utilizzo dei soli vaccini a mRNA. Tiroidite di Hashimoto è una patologia autoimmune che: è organo-specifica, solo saltuariamente associata ad altre malattie autoimmuni endocrine più gravi (morbo di Addison, diabete giovanile) o a malattie autoimmuni non organo-specifiche (categorie specificamente previste nel sopracitato documento), non prevede in nessun caso terapie immunosoppressive, ma solo eventualmente la terapia ormonale sostitutiva per la possibile evoluzione in ipotiroidismo».

«Sulla base di queste considerazioni, non si ravvedono motivi che giustifichino l’inserimento della Tiroidite di Hashimoto nell’elenco delle condizioni cliniche di “estrema vulnerabilità”, né in quello delle “Persone con aumentato rischio clinico se infettate da SARS-CoV-2” per le quali viene prevista un’indicazione preferenziale alla vaccinazione con vaccino a mRNA. Il concreto pericolo è quello di esporre, ingiustificatamente e in maniera prolungata, questi pazienti al rischio di possibile infezione da SARS-CoV-2 e complicanze da Covide-19, in attesa di potere ricevere un vaccino a mRNA il cui approvvigionamento è attualmente insufficiente».

«L’AME ritiene inoltre che – continua il comunicato -, in base ai recenti protocolli di trattamento del Diabete tipo 2, l’affermazione “in trattamento con almeno 2 farmaci ipoglicemizzanti” non possa rappresentare un criterio idoneo per identificare pazienti particolarmente fragili e con elevato carico di malattia e che tale valutazione debba eventualmente essere effettuata per tutti i pazienti diabetici dallo specialista che ha in carico il paziente».

«E infine, AME chiede che il termine “endocrinopatie severe” sia usato estensivamente al fine di includere l’indicazione alla vaccinazione prioritaria, possibilmente con vaccino a mRNA, anche ai soggetti affetti da Acromegalia (Cod. di esenzione 001), Malattia o Sindrome di Cushing (Cod. di esenzione 032), Panipopituitarismo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Endocrinologi AME: «Obesità non dipende solo dal cibo, ma anche da confezioni»
L’attuale epidemia d'obesità non può essere spiegata più solo con lo sbilanciamento tra alimenti introdotti ed energia consumata. A giocare un ruolo importante sono anche i cosiddetti interferenti obesogeni, sostanze contenute in molti alimenti e oggetti di uso comune. L'allarme degli specialisti AME
di Redazione
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Congresso AME. Dall’obesità all’osteoporosi: ecco tutti i trattamenti innovativi
È stato inaugurato a Roma il 21esimo Congresso AME “Update in Endocrinologia Clinica”. Grimaldi (AME): «Oltre mille esperti si confronteranno, finalmente in presenza dopo oltre due anni di pandemia, sulle nuove evidenze scientifiche e le terapie di ultima generazione». Non solo salute, ma anche Sanità: dalla riorganizzazione dell’assistenza sanitaria ospedaliera e territoriale, passando per il ruolo dell’endocrinologo, fino ai pregi e difetti dei servizi ospedalieri e territoriali
Colesterolo, gli esperti AME: «Meno fai da te anche con integratori e prodotti naturali»
Nuova direttiva ministeriale sui prodotti a base di monacolina. De Geronimo: «La facile reperibilità senza prescrizione medica e spesso anche nei supermercati degli integratori a base di questa sostanza hanno favorito un uso improprio e sovradosaggi da cure fai-da-te»
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti, gli esperti AME: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
Carenza di Vitamina D e altri nutrienti. Gli esperti AME avvertono: «Attenzione a non imbottirsi di integratori»
di Fabiola Zaccardelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...