Salute 23 dicembre 2014

Emergenza Ebola, la comunità scientifica italiana raccoglie la sfida

Intervista ai professori Guido Antonelli e Massimo Clementi: “Italia modello nella gestione integrata”

Immagine articolo

Ebola continua a scuotere gli animi, nella ricerca di risposte, spiegazioni, soluzioni che la comunità scientifica è chiamata a dare, e su cui si interroga. L’Italia è stata già messa alla prova ed ha fatto i conti col suo primo contagiato, il medico siciliano di Emergency ricoverato allo Spallanzani di Roma, ora in via di guarigione. Una prova da cui il nostro sistema sanitario è uscito a testa alta.

Sanità Informazione, presente al recente Convegno organizzato dal San Raffaele di Milano, ha intervistato il prof. Guido Antonelli e il prof. Massimo Clementi, ordinari di Microbiologia e Virologia, rispettivamente all’Università La Sapienza di Roma e al San Raffaele di Milano, per approfondire questo tema di grande impatto per la salute pubblica, ma anche per la ricerca.  “Ci stiamo concentrando molto sull’indagine dei meccanismi patogenetici del virus – spiega Antonelli – Certo è che genera una grave infezione sistemica, dovuta al fatto che l’uomo non è un ospite naturale ma accidentale, e il virus, non adattandosi alla specie umana, diventa letale.” E per quanto riguarda la ricerca di una cura, Antonelli specifica che attualmente “molti vaccini e trattamenti terapeutici sono in fase 1, altri in fase 2 e 3, ma nessuno di questi è ancora arrivato alla fase di indicazione terapeutica. Ci vorrà del tempo, per far sì che vengano testati efficacemente prima di essere utilizzati su larga scala”.

Una delle sfide maggiori sta nel classificare le diverse reazioni dell’organismo al virus, e i fattori che le determinano. “Lo spiccato tropismo del virus verso cellule e tessuti dà luogo ad infezioni sistemiche ed induce una profonda immunosoppressione. Ma alcuni soggetti possono essere geneticamente meno suscettibili a questo tipo di azione, e reagire quindi in maniera diversa. L’idea prevalente nella comunità scientifica è che i meccanismi iniziali di controllo della risposta immunitaria siano determinanti per il decorso della malattia, e ciò dipende dall’assetto genetico. L’impegno delle istituzioni è evidente a livello internazionale, e il nostro Paese non è da meno, come sottolinea il prof. Clementi:  “L’emergenza è gravissima, a livello internazionale, tant’è vero che l’OMS ha assunto in prima persona il coordinamento delle operazioni. Al tempo stesso è un’occasione per valutare in che modo il nostro Paese e le sue strutture sanitarie affrontano questo tipo di criticità. L’Italia è considerata un modello, in questo senso, e in effetti la nostra risposta si è dimostrata efficiente sotto molti aspetti. Ora la palla passa alla comunità scientifica, per sciogliere i nodi ancora irrisolti”.

Articoli correlati
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
Medici Senza Frontiere, parla la neo Presidente Lodesani: «Non associateci solo ai migranti, siamo in campo su guerre e disastri naturali»
Eletta alla guida di MSF Italia da un mese, la dottoressa ricorda il suo impegno sul campo, elenca le aree più calde del mondo e pone dei paletti ben chiari: «Non dobbiamo diventare un movimento troppo grande, altrimenti diventa ingestibile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...