Salute 23 dicembre 2014

Emergenza Ebola, la comunità scientifica italiana raccoglie la sfida

Intervista ai professori Guido Antonelli e Massimo Clementi: “Italia modello nella gestione integrata”

Immagine articolo

Ebola continua a scuotere gli animi, nella ricerca di risposte, spiegazioni, soluzioni che la comunità scientifica è chiamata a dare, e su cui si interroga. L’Italia è stata già messa alla prova ed ha fatto i conti col suo primo contagiato, il medico siciliano di Emergency ricoverato allo Spallanzani di Roma, ora in via di guarigione. Una prova da cui il nostro sistema sanitario è uscito a testa alta.

Sanità Informazione, presente al recente Convegno organizzato dal San Raffaele di Milano, ha intervistato il prof. Guido Antonelli e il prof. Massimo Clementi, ordinari di Microbiologia e Virologia, rispettivamente all’Università La Sapienza di Roma e al San Raffaele di Milano, per approfondire questo tema di grande impatto per la salute pubblica, ma anche per la ricerca.  “Ci stiamo concentrando molto sull’indagine dei meccanismi patogenetici del virus – spiega Antonelli – Certo è che genera una grave infezione sistemica, dovuta al fatto che l’uomo non è un ospite naturale ma accidentale, e il virus, non adattandosi alla specie umana, diventa letale.” E per quanto riguarda la ricerca di una cura, Antonelli specifica che attualmente “molti vaccini e trattamenti terapeutici sono in fase 1, altri in fase 2 e 3, ma nessuno di questi è ancora arrivato alla fase di indicazione terapeutica. Ci vorrà del tempo, per far sì che vengano testati efficacemente prima di essere utilizzati su larga scala”.

Una delle sfide maggiori sta nel classificare le diverse reazioni dell’organismo al virus, e i fattori che le determinano. “Lo spiccato tropismo del virus verso cellule e tessuti dà luogo ad infezioni sistemiche ed induce una profonda immunosoppressione. Ma alcuni soggetti possono essere geneticamente meno suscettibili a questo tipo di azione, e reagire quindi in maniera diversa. L’idea prevalente nella comunità scientifica è che i meccanismi iniziali di controllo della risposta immunitaria siano determinanti per il decorso della malattia, e ciò dipende dall’assetto genetico. L’impegno delle istituzioni è evidente a livello internazionale, e il nostro Paese non è da meno, come sottolinea il prof. Clementi:  “L’emergenza è gravissima, a livello internazionale, tant’è vero che l’OMS ha assunto in prima persona il coordinamento delle operazioni. Al tempo stesso è un’occasione per valutare in che modo il nostro Paese e le sue strutture sanitarie affrontano questo tipo di criticità. L’Italia è considerata un modello, in questo senso, e in effetti la nostra risposta si è dimostrata efficiente sotto molti aspetti. Ora la palla passa alla comunità scientifica, per sciogliere i nodi ancora irrisolti”.

Articoli correlati
Sì viaggiare: il punto sulle vaccinazioni obbligatorie all’estero
È noto a tutti quelli che viaggiano molto, sia per lavoro che per diletto, che è sempre meglio informarsi prima di giungere a destinazione...
Radiazione del medico anti vaccini? “Udienza” all’OMCeO Milano: parla il Presidente Roberto Carlo Rossi
Convocato il medico 'no-vax' e un suo collega con posizioni simili. Il presidente dell’Ordine: «Sul caso specifico non posso esprimermi, ma quando un medico dice che i vaccini generano l’autismo fa un danno rilevante. Puntare su formazione»
Vaccini, in dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano. Niente scuola senza coperture: gli obblighi Regione per Regione
In dirittura d’arrivo l’accordo sul Piano Vaccini per rendere obbligatorie tutte le coperture. Molte le Regioni che si sono già mosse, ecco la mappa degli obblighi da nord a sud…
Movimento 5 Stelle fuori dal coro, Davide Barillari: «No vaccini obbligatori per motivi commerciali. Valutare casi»
Parla il Consigliere regionale M5S del Lazio: «Noi vogliamo vaccinare, dando però piena informazione alle persone che possono scegliere liberamente sulla base della storia clinica del singolo bambino»
Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)
La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...