Diritto 27 gennaio 2015

Se per i turni massacranti il medico non può neppure prendersi l’influenza…

Il picco di epidemia acuisce l’emergenza in corsia. E la direttiva UE 2003/88/CE per gli orari di lavoro sarà applicata solo il prossimo anno

Immagine articolo

I medici italiani sono allo stremo. E se chi cura la salute degli altri non ha neanche il tempo per occuparsi della propria, o perlomeno riposarsi e smaltire lo stress lavorativo, c’è di che preoccuparsi. È tempo di influenza e, banalmente, si ammalano tutti: anche i dottori.

Motivo per cui il picco di accessi in ospedale può coincidere con quello di assenze da lavoro dei medici, impossibilitati ad esercitare la professione per cause di forza maggiore. La sanità del Lazio è l’ultima, in ordine di tempo, a soffrire di questa “malattia stagionale”. “In questi giorni stiamo assistendo – spiega il Segretario FIMMG (Federazione Italiana Medici di Famiglia) del Lazio, Maria Corongiu – ad un afflusso senza precedenti”. Gli ospedali hanno solo “24 ore per distribuire le visite e noi medici di quanto tempo dobbiamo dilatare i nostri orari giornalieri?”.

I medici in servizio fanno quello che possono per reggere l’onda d’urto di centinaia e centinaia di pazienti che, ogni giorno, affollano le sale d’attesa e trovano, ad accoglierli, un personale per numeri impossibilitato ad offrire il servizio richiesto. Per riuscirci vengono però costretti a turni di lavoro massacranti che, in quanto tali, potrebbero influire sulla qualità delle prestazioni. E pensare che una situazione del genere non è neanche “fuori dalle regole”.

Dal 2008 i medici che operano in ambito pubblico non possono, infatti, godere di un diritto riconosciuto invece a tutti gli altri lavoratori: quello ad orari di lavoro e riposo giusti e adeguati alle loro esigenze. La direttiva europea 2003/88/CE, emanata per promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute sul posto di lavoro, stabilì per tutti i lavoratori un orario settimanale, comprensivo di straordinario, non superiore alle 48 ore settimanali, un minimo di 11 ore di riposo consecutive al giorno e un riposo settimanale di 24 ore. Lo Stato italiano si adeguò alla normativa ma, attraverso la legge finanziaria per il 2008 (l. n. 244/2007) e la l. n. 112/2008 ne vanificò gli effetti per il personale del ruolo sanitario del Servizio Sanitario Nazionale. È di qualche settimana fa la notizia che l’Italia si metterà in regola a partire dall’inizio del prossimo anno. I medici possono comunque chiedere i rimborsi delle ore lavorate in più facendo ricorso contro lo Stato e non contro l’azienda di appartenenza. Solo qualche settimana fa, ad esempio, il principale Sindacato dei Medici CIMO ha affidato a Consulcesi la battaglia per garantire ai propri camici bianchi il rimborso per le ore di lavoro in più non retribuite.

Per informazioni è a disposizione il numero verde 800.189.091 ed il sito www.consulcesi.it

Articoli correlati
Il medico che non fruisce del riposo settimanale può essere risarcito?
La fruizione del riposo settimanale è un diritto indisponibile, riconosciuto e tutelato sia dall’art. 36 della Costituzione che dall’art. 5 della direttiva 2003/88/CE e pertanto l’azienda sanitaria deve garantirlo. La Corte di Cassazione con la sentenza n. 14770 del 14 giugno 2017 ha affermato che la previsione di un compenso maggiorato per l’attività prestata in […]
Medici, stangata RC Auto nel 2017. Magi (Sumai): «Camici bianchi disattenti alla guida? Colpa del blocco del turnover…»
Dal rapporto di Facile.it operatori sanitari bollati come ‘disattenti’. Il 4,66% di loro subirà un aumento dei premi assicurativi. Antonio Magi, Segretario Generale del Sindacato degli Specialisti Ambulatoriali Sumai-Assoprof: «Medici anziani costretti a turni massacranti»
«Ecco cosa vuol dire davvero lavorare H24…». Vite da pronto soccorso? Parla Maria Pia Ruggieri (Simeu)
Perenne stato di emergenza e turni massacranti, ecco le condizioni in cui lavorano i camici bianchi negli ospedali italiani. Maria Pia Ruggieri Presidente Società italiana Medicina emergenza-urgenza: «Sistema Sanitario lacunoso e sovraffollamento, i pronto soccorso in pessime condizioni»
Turni massacranti, un anno dopo: legge inapplicata, i medici dicono basta
Camici bianchi in agitazione: senza gli emendamenti richiesti alla legge di Bilancio, lunedì 28 sarà sciopero: assunzioni, contratto e stabilizzazioni temi centrali esattamente come dodici mesi fa quando entrò in vigore la Legge 161 sugli orari di lavoro. Ecco cosa (non) è cambiato…
Poco personale e giovani precari, l’allarme dei cardiologi Romeo (Tor Vergata): «Così il nostro lavoro è quintuplicato»
Niente assunzioni dal 2008 e giovani precari anche dopo 7 anni di lavoro. È il quadro che il dottor Franco Romeo, direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Università degli Studi Tor Vergata di Roma, fa della realtà in cui lavora. Realtà che, fatta esclusione per alcune strutture analoghe che non registrano grossi problemi di organico, rispecchia il generale andamento nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...