Formazione 23 ottobre 2017

OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»

«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l’unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell’OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell’Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano

La formazione dei giovani medici, il precariato e la valorizzazione della professione medica: queste le priorità da seguire secondo Antonio Panti, Presidente uscente dell’Ordine dei Medici di Firenze dopo ben dieci mandati consecutivi.

È uno dei decani degli OMCeO italiani e ha da poco annunciato che non si ricandiderà nelle elezioni che tra il 19 e il 21 novembre sceglieranno il suo successore. L’abbiamo incontrato a margine del Congresso Nazionale CIMO – durante il quale è stato eletto Guido Quici come nuovo Presidente – e  il presidente Panti si è lasciato andare ad uno sfogo che sa anche di bilancio della sua lunga stagione di impegno per i medici fiorentini e non solo.

LEGGI ANCHE: GUIDO QUICI, NEO PRESIDENTE CIMO: «IN QUESTE CONDIZIONI NON FIRMEREMO IL CONTRATTO

«Sono Presidente dell’ordine dei medici di Firenze dal 1987, ho vissuto la nascita del servizio sanitario nazionale ma, oggi, mi troverei in grande difficoltà nel fronteggiare tutte le problematiche sindacali e professionali che necessitano di una collaborazione fra federazione degli ordini e sindacati» ammette Panti.

«Il problema reale e concreto – individua il dottor Panti – è che, a differenza del passato, non riusciamo ad avere un interlocutore politico. La politica ignora e scavalca gli ordini, i sindacati e le società scientifiche – continua il Presidente – per questo, predico l’unità e la collegialità in una comunione di intenti tra tutte le componenti del sistema». Messaggio lanciato al suo successore che emergerà dalla sfida tra l’ex direttore generale delle Scotte di Siena, Piero Tosi, la professoressa Teresita Mazzei e il presidente regionale della Croce Rossa, Pasquale Morano (sul Corriere Fiorentino tutti gli schieramenti per le elezioni OMCeO).

Anche i giovani medici si trovano in grande difficoltà secondo Panti: quest’anno il concorso per le specializzazioni si svolge con grande ritardo e le previsioni per il futuro sono tutt’altro che rosee. Rimane sul tavolo, infatti, l’enorme problema del numero esiguo di contratti disponibili rispetto al gran numero di giovani medici, il cosiddetto “imbuto formativo”: tanti laureati che non trovano la specializzazione da una parte e il sistema sanitario nazionale a corto di medici dall’altra.

PER APPROFONDIRE: FORMAZIONE MEDICINA GENERALE, LOPES (FIMMG GIOVANI): «VIGILEREMO SULLE NOVITÀ»

«La regolamentazione stessa dell’accesso alle specializzazione è pura follia – sostiene il Presidente Panti -. Aumentare il numero delle borse è d’obbligo, altrimenti va a finire che una persona che è realmente motivata per fare lo psichiatra finisce per fare il chirurgo o nulla…». «Quello che è successo quest’anno è oltre il bene e il male – prosegue Panti in riferimento ai ritardi record del concorso –  alle spalle di questo c’è un grande problema formativo, che parte dall’accesso alla Facoltà di Medicina».

LEGGI ANCHESCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE: ECCO IL BANDO E I DETTAGLI SULL’ESAME E SULLE GRADUATORIE

Puntare sui giovani creando nuovi percorsi di studio in grado di formare un professionista che risponda alle nuove esigenze dei cittadini, è l’obiettivo da raggiungere: «Noi stiamo creando medici che lavoreranno in una medicina completamente diversa da quella degli ultimi 50 anni e li prepariamo ancora secondo vecchi canoni».

Ripensare le norme che regolano l’accesso alla formazione è fondamentale così quanto delineare le competenze specifiche di una professione in continua evoluzione. In una situazione di «precariato intellettuale» è opportuno ridisegnare l’offerta formativa: «Non tanto per noi che siamo le persone che la rappresentano sulla via del tramonto, quanto per i giovani medici che entrano ora e hanno davanti un avvenire entusiasmante come medici ma estremamente difficile e a disagio come professionisti» conclude il Presidente Panti.

 

Articoli correlati
Contratto, Cimo: «No ad accordi se permane vuoto di garanzie economiche e normative»
Le recenti dichiarazioni da parte delle Regioni in merito al rinnovo contrattuale della dirigenza medica e sanitaria hanno suscitato le reazioni dei sindacati, fra cui CIMO: «Dichiarazioni distanti dalla realtà: non si capisce infatti quali sarebbero le basi per una rapida e soddisfacente chiusura delle trattative se non sono state dichiarate le risorse cui attingere […]
Tumori femminili, la rivoluzione dei test genetici. L’incontro al Fatebenefratelli
Pochi sanno che per prevenire i tumori femminili, e quindi intervenire precocemente, può bastare un semplice test genetico. Il 14% dei tumori alla mammella e il 10% dei tumori ovarici sono, infatti, ereditari, causati dalla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Di questo si parlerà lunedì 25 giugno (alle ore 16.30 nella Sala Assunta del […]
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Vuoi studiare medicina? Inizia dal liceo. Il 98% degli studenti dell’indirizzo biomedico supera il test d’ingresso
L'indirizzo, ideato dal liceo Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, da settembre sarà replicato in cento licei scientifici e classici. Delle 150 ore del triennio dedicate alla formazione biomedica, 60 sono gestite da medici. Ce ne ha parlato la dirigente scolastica del liceo capofila Giuseppina Princi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...