Formazione 2 Ottobre 2017

Scuole di specializzazione: ecco il bando. Iscrizioni dal 5 al 16 ottobre: ecco i dettagli sull’esame e sulle graduatorie

Disponibile il bando tanto atteso per le scuole di specializzazione. La prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo. Le borse a disposizione sono 6.676

Immagine articolo

Sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca è pubblico il bando per l’accesso alle Scuole di specializzazione in Medicina: la prova nazionale si svolgerà il 28 novembre prossimo e le borse a disposizione sono 6.676, di cui 6.105 messe a disposizione dallo Stato, 499 dalle Regioni, le rimanenti 72 da altri enti pubblici o privati. Il concorso si svolgerà secondo nuove regole tese a garantire una maggiore qualità e un controllo ancor più attento della selezione.

LEGGI ANCHE: «VOGLIAMO SOLO SPECIALIZZARCI», IL GRIDO DEI GIOVANI MEDICI DAVANTI AL MIUR NELLA PROTESTA DI ANAAO E FIMMG

Le scuole attivate destinatarie dei contratti, sono 1.256 su un totale di 1.300 scuole accreditate in base alle nuove regole previste dal decreto Miur-Salute. Quest’anno, infatti, è partito un nuovo e più rigoroso sistema di accreditamento delle Scuole di specializzazione, atteso da oltre dieci anni e improntato a garantire una sempre maggiore qualità della formazione dei futuri professionisti medici.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA: «ECCO IL PERCHÉ DELLE BOCCIATURE»

Il concorso resta nazionale, per titoli ed esami. Entro martedì 7 novembre sul sito www.universitaly.it le candidate e i candidati potranno conoscere la sede in cui svolgeranno la prova che sarà unica a livello nazionale, uguale, cioè, per tutte le partecipanti e tutti i partecipanti. Le iscrizioni alla prova nazionale potranno essere effettuate da giovedì 5 ottobre fino alle ore 15.00 di lunedì 16 ottobre 2017, esclusivamente on line, attraverso il portale www.universitaly.it. Graduatoria unica nazionale di merito e aggregazione delle sedi d’esame per aree geografiche sono fra le principali novità introdotte quest’anno per garantire una maggiore qualità del concorso nazionale, anche su sollecitazione delle associazioni delle specializzande e degli specializzandi, della Conferenza dei Rettori, del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari.

LEGGI ANCHE: «RITARDI E PENALIZZAZIONI, NO A ITALIA SENZA MEDICI» PARLA NOEMI LOPES (FIMMG GIOVANI), IN PIAZZA IL 28 SETTEMBRE

I quesiti saranno 140 con un punteggio pari a 1 per ogni risposta esatta, 0 per ogni risposta non data, -0,25 per ogni risposta errata. Al concorso potranno partecipare le laureate e i laureati in Medicina e Chirurgia che abbiano conseguito la laurea in data anteriore al termine di scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione. L’ammissione alle lezioni sarà subordinata al conseguimento dell’abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo entro la data di inizio delle attività didattiche (dunque entro e non oltre il 29 dicembre del 2017). In relazione al numero di domande pervenute e comunque almeno venti giorni prima della prova di esame, il Ministero comunicherà le sedi, con relativa assegnazione dei candidati presso le diverse sedi e l’orario di svolgimento della prova di esame.

Al termine della valutazione delle prove d’esame, il Ministero pubblicherà un’unica graduatoria nazionale di merito nella quale verrà indicato il punteggio complessivo conseguito da ciascuna candidata e ciascun candidato per i titoli e nella prova d’esame. A parità di punteggio complessivo, verrà data priorità alla candidata o al candidato con voto d’esame più alto. In caso di ulteriore parità, prevarrà il più giovane per età anagrafica.

Quindi, a partire dal 4 dicembre inizieranno le procedure di scorrimento e le conseguenti scelte da parte delle e dei candidati. Gli scorrimenti prevederanno non più di sette scaglioni, ognuno dei quali si svolgerà nell’arco di tre giorni fino al 29 dicembre. In seguito alla pubblicazione della graduatoria nazionale, infatti, ciascuna candidata e ciascun candidato dovrà scegliere le tipologia di Scuola e le sedi di suo interesse, indicandole in ordine di preferenza. A questo punto interverrà un’importante innovazione voluta dal MIUR per venire incontro alle richieste delle e degli aspiranti specializzandi per garantire il merito evitando la possibile dispersione di borse. Alle candidate e ai candidati che vedono saturate le proprie scelte all’interno del proprio scaglione sarà garantita automaticamente l’aggregazione al successivo e la possibilità di effettuare le proprie tre scelte. Terminate le operazioni di scelta da parte dei candidati, il Ministero procederà alla pubblicazione delle assegnazioni alle specifiche Scuole. L’assegnazione definitiva di candidate e candidati alle Scuole avverrà prima dell’inizio delle attività didattiche previsto per il 29 dicembre.

 

Articoli correlati
Riapertura scuole: come sono coinvolti medici di famiglia e pediatri?
Cosa sappiamo finora sul ruolo di medici di medicina generale e pediatri di libera scelta nelle scuole durante l'emergenza Covid-19
Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»
«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi
Scuole di specializzazione, pubblicata la data in cui si svolgerà il concorso di ammissione
Domani i giovani medici in piazza Monte Citorio per richiedere la riforma del sistema formativo
Test accesso scuole specializzazione, il ministro Manfredi: «Probabilmente slitteranno a settembre»
Formazione e ricerca post Covid-19, il ministro dell'Università: «Pionieri della didattica telematica, il futuro è nell’integrazione tra digitale e presenza»
Formazione specialistica, nel decreto “Maggio” 4-5mila borse in più. Lavagno (SIGM): «Speriamo non le cancellino di nuovo, è l’ultima occasione»
Il Coordinatore del Dipartimento per la formazione Post-Laurea del Segretariato: «Il personale siamo noi e avremmo dovuto essere formati tempo fa per poter lavorare in questa emergenza. Dovesse presentarsi un’altra situazione simile, saremmo punto a capo, se non peggio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 settembre, sono 33.646.813 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.007.839 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...