Lavoro 19 settembre 2017

«Ritardi e penalizzazioni, no a Italia senza medici» parla Noemi Lopes (FIMMG Giovani), in piazza il 28 settembre

«Un ricambio generazionale sempre più ingessato, una fuga di cervelli sempre più massiccia, crollo della medicina generale: ecco il futuro del comparto medico italiano». Bando per l’accesso alle scuole di specializzazione atteso per il 29 settembre

Immagine articolo

«Finché la politica italiana rimarrà sorda e cieca davanti alle esigenze dei medici, soprattutto dei giovani medici, non possiamo sperare che le cose migliorino» lo dichiara Noemi Lopes, Segretario Nazionale FIMMG Giovani in coda alla polemica sul ritardo record nell’emanazione del bando per le scuole di specializzazione che, dopo mesi di attesa, dovrebbe uscire il 28 settembre con prova scritta prevista per il 28 novembre.

«Presto la classe medica sarà caratterizzata da professionisti sanitari esausti, mentre i più giovani preparati e motivati fuggiranno all’estero» spiega il Segretario Lopes confermando la volontà da parte di Fimmg Formazione di manifestare insieme ad ANAAO Giovani a Roma il 28 settembre per sostenere con forza la richiesta di aumento delle borse di studio destinate alla formazione post laurea, e garantire a tutti i giovani medici la possibilità di completare la loro formazione per poter accedere al mondo professionale.

«Un ritardo inconcepibile – prosegue – quello della pubblicazione del bando che ha determinato e sta determinando un gravissimo disagio ai colleghi neoabilitati. Questo da un lato porterà sicuramente al posticipo del concorso di specializzazione rispetto a quello di medicina generale e andrà a ricreare una situazione analoga a quella che è avvenuta nel triennio del 2014 quando, questa stessa situazione, determinò la proroga dello scorrimento delle graduatorie del concorso di medicina generale per non perdere nessuna borsa di quelle stanziate e, i colleghi entrati con sei mesi di ritardo, oggi si ritrovano in una situazione per la quale non potranno diplomarsi insieme ai loro colleghi di corso, ritardando ulteriormente di un anno l’iscrizione alla graduatoria regionale».

Tutto questo in un Paese dove il fabbisogno di medici è stringente e «il titolo post laurea è fondamentale che sia la specializzazione universitaria o il diploma di formazione – sottolinea il Segretario -. La specializzazione, ricordo che è una ‘conditio sine qua non’ per l’accesso alla convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, le possibilità di lavorare senza titolo da specialista sono estremamente scarse e inoltre, quando si riesce a trovare qualche alternativa, in genere si tratta di lavori a tempo determinato o comunque saltuari».

Insomma, una situazione che ha generato un vero e proprio imbuto formativo, spiega la Dottoressa Lopes «ci sono molti medici neo-abilitati che tentano di accedere ai corsi post laurea – prosegue – allo stesso tempo abbiamo pochi specialisti e pochi medici di medicina generale. La situazione porta inevitabilmente ad un collasso generale determinato da un ricambio generazionale sempre più esiguo che porta ad una fuga di cervelli fatale e inarrestabile. Le nostre menti sono brillanti e preparate e uno Stato veramente lungimirante dovrebbe fare di tutto per investire su di loro e assicurargli un futuro, soprattutto dopo aver investito tanto sulla formazione scolastica e universitaria. Ma è chiaro che fra retribuzione non adeguata (basta pensare che una borsa di studio per medicina generale ammonta a 800 euro mensili), la mancata possibilità di specializzarsi, turni massacranti e non solo, come possiamo sperare che i giovani abbiano come massima ambizione quella di rimanere in questo limbo senza scadenza?».

Articoli correlati
Medici di famiglia, è ancora polemica su norme per precari. Noemi Lopes (Fimmg): «Vigileremo, basta svilire formazione MMG»
La maggioranza ha ritirato l’emendamento Patuanelli che estendeva l'assegnazione degli incarichi convenzionali non solo ai medici di Medicina generale ma anche a quelli di emergenza-urgenza. Per il segretario della sezione formazione della Fimmg una soluzione per uscire dall’impasse potrebbe essere quella di separare il settore dell'emergenza dalla Medicina generale stabilizzando i precari del 118 direttamente nel loro settore
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
Bullismo, con “I respect” a Milano si insegna l’autostima e l’autodifesa. Gabrielle Fellus: «Così le vittime elaborano l’aggressione e tornano a vivere»
L’ideatrice è da 16 anni istruttrice di Krave Maga, tecnica di difesa israeliana. Il progetto è realizzato per casa pediatrica Fatebenefratelli-Sacco, da anni in prima linea con il suo centro Multidisciplinare sul disagio adolescenziale
di Federica Bosco
Con 90 nuovi master nasce il professionista sanitario del futuro. Marcuccilli (ANTEL): «Sarà requisito essenziale per avanzamento di carriera»
È stato l’Osservatorio per le professioni sanitarie presso il Miur a stabilire i 90 nuovi corsi, che saranno a numero chiuso: circa 25 persone ciascuno. Il rappresentante dei Tecnici di laboratorio biomedico in seno all’Osservatorio: «I professionisti potranno acquisire le nuove competenze tenendo conto delle esigenze tecnologiche e di mercato»
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...