Formazione 28 Settembre 2017 18:28

«Vogliamo solo specializzarci», il grido dei giovani medici davanti al Miur nella protesta di Anaao e Fimmg

Oltre 9mila neolaureati in medicina non riusciranno ad entrare nelle scuole di specializzazione e nei corsi di formazione di medicina generale. La manifestazione per chiedere l’aumento delle borse di studio e l’introduzione degli scorrimenti della graduatoria

«Vogliamo solo specializzarci», il grido dei giovani medici davanti al Miur nella protesta di Anaao e Fimmg

«Dà un fastidio mortale il silenzio che c’è intorno al dramma esistenziale che migliaia di giovani medici oggi stanno vivendo», ha dichiarato Giuseppe Lavra, Presidente dell’Omceo Roma. Silenzio mortale che circa 200 neolaureati in medicina, armati di camici bianchi, megafoni e fischietti, hanno inteso rompere organizzando, insieme ad Anaao e Fimmg, l’ennesima protesta contro l’insufficiente numero delle borse di studio per l’accesso alle scuole di specializzazione. I contratti sono 6100, i candidati più di 15mila. Quasi 9mila medici, già laureati, non potranno quindi concludere il proprio percorso formativo. Si sono dunque ritrovati davanti al Ministero della Pubblica Istruzione a Roma, intonando diversi slogan e cori, chiedendo l’incremento del numero delle borse di studio, che dovrebbero essere almeno 8mila l’anno per corrispondere al fabbisogno del sistema sanitario annuale, e l’introduzione degli scorrimenti della graduatoria.

«Questo è un concorso lottomatica – continuano i ragazzi – che non premia la meritocrazia ma le scelte più astute dei nostri colleghi. Il meccanismo infatti prevede un concorso unico nazionale, senza test specifici per le varie specializzazioni, dopo il quale viene stilata una graduatoria unica. Dopo la pubblicazione, ogni candidato deve scegliere tre specializzazioni, la maggior parte delle volte in base al caso e non in base alle proprie aspirazioni. Infatti se si è in una posizione bassa in graduatoria, per sperare di entrare e di ottenere una borsa si tenderà a scegliere la specializzazione che offre più posti». Inoltre, si richiede a gran voce l’inserimento degli scorrimenti della graduatoria, come avviene in Francia o in Belgio, per evitare che alcuni contratti non vengano assegnati.

E cosa possono fare coloro che non riescono ad entrare? «Potranno fare turni di guardia, sostituire medici di famiglia o lavorare nelle strutture che assistono gli anziani, lavori che comunque non offrono opportunità di crescita e di carriera in futuro. Altrimenti, molti andranno all’estero. Ed è questa l’assurdità: medici che sono stati formati in Italia sono costretti ad andare a specializzarsi all’estero, e di questi 99 su 100 poi rimarranno là», ha commentato Camilla, che vorrebbe specializzarsi in radiologia. «Mi sono laureata a luglio 2016 e ho dovuto già aspettare di per sé un anno per l’abilitazione. Se riuscirò ad entrare con il prossimo concorso inizierò a frequentare le lezioni tra dicembre e gennaio, perdendo altri sei mesi; quindi perderemo in totale due anni della nostra vita, cosa inammissibile dopo un percorso di sei anni e i sacrifici che noi e le nostre famiglie abbiamo fatto».

Eppure, il nostro Paese di giovani medici ne ha bisogno, e anche abbastanza urgentemente: «Nei prossimi 10 anni in Italia andranno in pensione 60 mila medici – ha dichiarato il Presidente Lavra -. I medici attualmente in servizio sono 130mila, quindi stiamo parlando di quasi il 50% del personale». «Dobbiamo ricordare che i ragazzi che ottengono la borsa di studio oggi entreranno nel mondo del lavoro tra 5-6 anni, quindi la programmazione dei posti va fatta in base alla situazione lavorativa dei prossimi 5-6 anni. Per la medicina generale come Fimmg formazione abbiamo calcolato che sarebbe necessario raddoppiare il numero delle borse di studio attualmente offerte», spiega Michele della Fimmg.

L’imbuto formativo, così come viene chiamato questo sistema, andrà quindi a discapito non solo della classe medica e degli ospedali, ma anche dei pazienti, che non avranno a disposizione il numero adeguato di medici. Insomma in futuro «senza medici ci saranno solo miracoli», ecco lo slogan che i camici bianchi in protesta hanno mostrato in piazza davanti alle finestre del Ministero.

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Battito alterato, pupille dilatate, sguardo basso e atteggiamento evasivo: bugiardo occasionale, cronico o patologico?
Chi sono i bugiardi, quali sono le cause delle loro menzogne e come mettersi al riparo dalle bugie? In un’intervista a Sanità Informazione risponde Francesca Andronico, psicologa e psicoterapeuta
di Isabella Faggiano
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...