Stop Ingiustizie Bancarie 5 gennaio 2016

In piazza la rabbia e le richieste di rimborsi

Anche infermieri e medici al sit-in sotto la Banca d’Italia: «Gli istituti di credito hanno tradito la nostra fiducia, ma ora vogliamo solo essere risarciti»

Immagine articolo

Ci ho messo una vita a mettere da parte 20mila euro. Me li hanno rubati. Non mi accontenterò fino a quando non me li ridaranno, fino all’ultimo centesimo. Sono soldi nostri messi da parte per il futuro, per una emergenza, per i figli che non lavorano. Vi sembra giusto? Io sono un’infermiera, faccio turni massacranti e dal 22 novembre i miei soldi sono stati azzerati».


È uno dei tanti sfoghi raccolti all’esterno della Banca d’Italia, dove si sono radunati centinaia di manifestanti del “Comitato Vittime del Salvabanche” che hanno visto svanire nel nulla i loro risparmi. «Dalla banca mi sento ingannata – continua l’infermiera – ma il problema è quello che ha fatto il governo. Dovevo essere più attenta? Quando andavo in filiale e chiedevo, mi dicevano: “Hai mai visto una banca fallire?”. E io (finora) mi fidavo della mia banca…».

Più di cartelli, slogan e striscioni, colpiscono i volti e le storie dei tanti italiani che hanno perso i loro risparmi con il decreto legge del 22 novembre. «Urliamo – spiega un pensionato – perché siamo stati truffati da tutti: da Governo, Banca d’Italia e Consob. È stata autorizzata l’emissione di carta straccia con le banche in sofferenza e poi con un decreto è stata azzerata, salvando amministratori e dipendenti a nostre spese. Forse siamo stati 130mila idioti a fare quel tipo di investimento, ma è anche vero che il fondo interbancario poi non ha tirato fuori un euro: ora chiediamo solo di essere risarciti».

Comunque andrà a finire questa vicenda, il rapporto tra cittadini e banche sembra segnato: «Saremo anche un tantino ignoranti in campo finanziario –  fa notare un’altra manifestante – ma se viene meno il rapporto di fiducia, crolla tutto il sistema creditizio». A supporto dei manifestanti, associazioni, comitati ed esponenti politici. Tra loro, anche il vicepresidente del Senato, l’esponente di Forza Italia Maurizio Gasparri: «Sicuramente occorre più trasparenza nelle informazioni della banca e, una volta chiusa questa storia con i risarcimenti dei danneggiati, sarà necessaria una semplificazione. Ora si regge tutto sul rapporto di fiducia personale, un po’ come quando ci si rivolge al medico: se prescrive un medicinale, lo assumi senza verificare, ma se poi si rivela dannoso ne paghi tu le conseguenze».

Anche in piazza è forte la sensazione che il caso “Salvabanche” sia solo la punta dell’iceberg. Sono numerose le irregolarità sempre più spesso contestate agli istituti di credito: dall’anatocismo all’usura, passando per i mutui fuorilegge. «Le banche esisteranno sempre – afferma ancora il senatore Gasparri – ma c’è un limite oltre il quale non devono andare».

Importante, allora, che ci sia una risposta politica. La chiede anche il presidente di FederConsumatori Rosario Trefiletti: «Il Governo deve intervenire, non può passare il messaggio che il risparmio può scomparire dalla sera alla mattina. La gente si sente truffata ma anche tradita dal governo che non trova una soluzione, sottovalutando che così si danneggia un sistema che deve essere più trasparente e più chiaro proprio per recuperare la fiducia dei risparmiatori». Non sarà semplice. «Siamo stati truffati, rivogliamo i nostri soldi», urlano i manifestanti e qualcuno solleva anche un’altra questione: «La banca del nostro territorio per erogare mutui obbligava ad acquistare proprio quelle azioni: un vero e proprio ricatto. È toccato a tantissime persone, molte non hanno il coraggio di venire allo scoperto…».

Articoli correlati
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»
«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo scusa, ma la colpa non è mia»
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Usa, salute dei medici a rischio. Report Medscape: un medico su due colpito da burnout. Il 14% ha pensato al suicidio
Stress, stanchezza, ansia e depressione possono nascondersi sotto il camice bianco. Quasi un medico su due è infatti colpito dalla ‘sindrome del burnout‘, un esaurimento fisico e psicologico che può mettere a rischio la salute del professionista e non solo. È quanto rivela una nuova indagine, ‘Medscape National Physician Burnout, Depression & Suicide Report 2019’, […]
Celiachia, Alessio D’Amato (Regione Lazio): «Stop ai buoni in forma cartacea, cambiamo tutto»
La Regione Lazio approverà nella prossima Giunta una vera e propria rivoluzione nella gestione dei rimborsi e dei buoni per i prodotti per celiaci. Per garantire una maggiore sostenibilità della dieta senza glutine e consentire ai pazienti meno fortunati di vivere la propria patologia in maniera più serena, lo Stato italiano garantisce infatti ai pazienti diagnosticati l’erogazione […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...