Stop Ingiustizie Bancarie 5 Gennaio 2016

In piazza la rabbia e le richieste di rimborsi

Anche infermieri e medici al sit-in sotto la Banca d’Italia: «Gli istituti di credito hanno tradito la nostra fiducia, ma ora vogliamo solo essere risarciti»

Immagine articolo

Ci ho messo una vita a mettere da parte 20mila euro. Me li hanno rubati. Non mi accontenterò fino a quando non me li ridaranno, fino all’ultimo centesimo. Sono soldi nostri messi da parte per il futuro, per una emergenza, per i figli che non lavorano. Vi sembra giusto? Io sono un’infermiera, faccio turni massacranti e dal 22 novembre i miei soldi sono stati azzerati».


È uno dei tanti sfoghi raccolti all’esterno della Banca d’Italia, dove si sono radunati centinaia di manifestanti del “Comitato Vittime del Salvabanche” che hanno visto svanire nel nulla i loro risparmi. «Dalla banca mi sento ingannata – continua l’infermiera – ma il problema è quello che ha fatto il governo. Dovevo essere più attenta? Quando andavo in filiale e chiedevo, mi dicevano: “Hai mai visto una banca fallire?”. E io (finora) mi fidavo della mia banca…».

Più di cartelli, slogan e striscioni, colpiscono i volti e le storie dei tanti italiani che hanno perso i loro risparmi con il decreto legge del 22 novembre. «Urliamo – spiega un pensionato – perché siamo stati truffati da tutti: da Governo, Banca d’Italia e Consob. È stata autorizzata l’emissione di carta straccia con le banche in sofferenza e poi con un decreto è stata azzerata, salvando amministratori e dipendenti a nostre spese. Forse siamo stati 130mila idioti a fare quel tipo di investimento, ma è anche vero che il fondo interbancario poi non ha tirato fuori un euro: ora chiediamo solo di essere risarciti».

Comunque andrà a finire questa vicenda, il rapporto tra cittadini e banche sembra segnato: «Saremo anche un tantino ignoranti in campo finanziario –  fa notare un’altra manifestante – ma se viene meno il rapporto di fiducia, crolla tutto il sistema creditizio». A supporto dei manifestanti, associazioni, comitati ed esponenti politici. Tra loro, anche il vicepresidente del Senato, l’esponente di Forza Italia Maurizio Gasparri: «Sicuramente occorre più trasparenza nelle informazioni della banca e, una volta chiusa questa storia con i risarcimenti dei danneggiati, sarà necessaria una semplificazione. Ora si regge tutto sul rapporto di fiducia personale, un po’ come quando ci si rivolge al medico: se prescrive un medicinale, lo assumi senza verificare, ma se poi si rivela dannoso ne paghi tu le conseguenze».

Anche in piazza è forte la sensazione che il caso “Salvabanche” sia solo la punta dell’iceberg. Sono numerose le irregolarità sempre più spesso contestate agli istituti di credito: dall’anatocismo all’usura, passando per i mutui fuorilegge. «Le banche esisteranno sempre – afferma ancora il senatore Gasparri – ma c’è un limite oltre il quale non devono andare».

Importante, allora, che ci sia una risposta politica. La chiede anche il presidente di FederConsumatori Rosario Trefiletti: «Il Governo deve intervenire, non può passare il messaggio che il risparmio può scomparire dalla sera alla mattina. La gente si sente truffata ma anche tradita dal governo che non trova una soluzione, sottovalutando che così si danneggia un sistema che deve essere più trasparente e più chiaro proprio per recuperare la fiducia dei risparmiatori». Non sarà semplice. «Siamo stati truffati, rivogliamo i nostri soldi», urlano i manifestanti e qualcuno solleva anche un’altra questione: «La banca del nostro territorio per erogare mutui obbligava ad acquistare proprio quelle azioni: un vero e proprio ricatto. È toccato a tantissime persone, molte non hanno il coraggio di venire allo scoperto…».

Articoli correlati
Papa Francesco sulla sanità: «No ad aziendalizzazione e turni massacranti, sì a strumenti per formare adeguatamente il personale»
Il Pontefice ha parlato durante il suo incontro con l’Associazione cattolica degli operatori sanitari: «Trattare i malati come persone, e non come numeri»
#DestinazioneSanità | Emilia-Romagna, un’eccellenza sulle spalle dei (pochi) medici: «Qualità destinata ad abbassarsi»
GUARDA IL VIDEO | La prima tappa del reportage di Sanità Informazione, in collaborazione con CIMO, è l’Emilia-Romagna. Un racconto delle contraddizioni di una delle sanità regionali migliori d’Italia attraverso le voci dei medici, tra storie di eccellenza, carenza di personale, turni massacranti e la latenza del rinnovo del contratto
Troppe tasse e pochi diritti, a Verona scatta il primo “sciopero” degli specializzandi
I giovani medici di Verona protestano per la mancanza di una rappresentanza vera e propria della componente degli specializzandi all’interno degli organi di Governo dell’Ateneo: «Siamo contrari all'aumento della tassazione, chiediamo il rispetto delle garanzie contrattuali e di avere voce in capitolo sulle scelte che ci riguardano»
Specializzandi, Lorenzo Paglione (Chi si cura di te?): «Spesso sopperiscono a carenze di personale ma non hanno forme di welfare diretto»
L'associazione “Chi si cura di te”? nasce per promuovere i diritti dei giovani professionisti della salute, mirando al miglioramento della formazione medica e, di conseguenza, del SSN. «Oggi, il medico è una figura ibrida che deve ritrovare una propria identità e il suo ruolo di garante dell’equità dell’universalismo del SSN e quindi della democrazia, all’interno di un contesto di crisi economica e fortemente cambiato negli anni» così L. Paglione ai nostri microfoni
Formazione, Delia Epifani (Smi): «Creare percorso formativo unico MMG-specializzandi per eliminare disparità»
La coordinatrice regionale del settore formazione per il Sindacato dei Medici Italiani: «C’è una disparità retributiva contributiva e previdenziale importante. L’unica soluzione è coniugare la programmazione e l’alto standard formativo di entrambi i percorsi che devono diventare uno solo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...