Ricerca e tumori 8 Novembre 2018

Immunoncologia, terapie insostenibili per SSN? Messina (Merck): «’Payment by results’ è soluzione, vi spiego che cos’è»

Classi di farmaci sofisticati che rappresentano una speranza per domani ma con un costo elevatissimo oggi. «Legare l’efficacia del prodotto al prezzo: intanto questa è la strada», così il presidente, ad di una delle aziende leader nel business biofarmaceutico

«Rendere disponibili sul mercato dei farmaci che vadano a soddisfare i bisogni non coperti dei pazienti». Questo l’obiettivo di Merck Italia secondo il presidente e amministratore delegato Antonio Messina. «Il nostro principale interesse? L’oncologia», prosegue Messina che ricopre anche il ruolo di vicepresidente Farmindustria.

«Merck ha fatto una scelta ben precisa, già tanti anni fa, ed è quella di seguire una linea programmatica incentrata sulla cura dei tumori. Basta pensare che il 70% della pipeline dell’azienda è focalizzata sull’oncologia e anche sull’immunoncologia». A differenza delle tradizionali terapie anti-cancro, che intervengono direttamente sul tumore, l’immunoncologia stimola il sistema immunitario rendendolo in grado di individuare ed attaccare in maniera mirata le cellule tumorali, innescando così un sistema di autodifesa dell’organismo.

Farmaci sofisticati alle cui spalle ci sono importanti investimenti che rendono queste terapie notevolmente costose e poco sostenibili per il sistema sanitario. «Noi siamo perfettamente consapevoli che le risorse siano sempre più scarse – spiega Messina -, per rendere queste terapie più fruibili si tratta di trovare quei meccanismi per garantire l’efficacia del prodotto e allo stesso tempo riuscire a sfruttarli. Su questo sapete che l’Italia è all’avanguardia, abbiamo un sacco di meccanismi per cui lo Stato paga effettivamente quello che è il risultato del prodotto stesso».

LEGGI ANCHE: REPORT IARC: AUMENTANO I CASI DI CANCRO NEL MONDO. SARANNO 18,1 MILIONI NEL 2018. PER GLI UOMINI IL PIU’ LETALE E’ AL POLMONE, PER LE DONNE AL SENO

«Per fare questo e ottenere il massimo beneficio per i pazienti, siamo aperti a collaborare con le istituzioni». A tal proposito ci sono una serie di soluzioni applicabili che cominciano a diventare parte del tessuto della governance del farmaco, prima fra tutti la strategia «Payment by results», spiega il dirigente dell’azienda leader nel business biofarmaceutico: «Questa una buona strada perché lega l’efficacia del prodotto al prezzo ed è una direzione che Merck sta intraprendendo. È pur vero che l’innovazione costa ed è compito di tutti noi cercare di tagliare dove ci sono risorse non utilizzare in maniera corretta per garantire il massimo dell’innovazione in termini di cure ai pazienti».

LEGGI LO SPECIALE RICERCA E TUMORI

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone