Speciale del 09 novembre 2018

Ricerca e tumori

Il futuro della medicina è sempre più vicino. Le terapie geniche e immunologiche – che fondano il loro presupposto base su un ‘rafforzamento’ delle difese immunitarie o su un’alterazione del DNA innescata in laboratorio – potrebbero sostituire la chemioterapia o in ogni caso, ridurne gli effetti collaterali. Ecco cosa ne pensano i principali attori del mondo scientifico e istituzionale

Tumori, Francesco Cognetti (Regina Elena): «Cancro può essere eliminato del tutto solo con la prevenzione. Ma con le nuove terapie possiamo controllarlo»

Il Direttore di Oncologia Medica all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena fa il punto sulla ricerca: «Personalizzazione dei trattamenti sulla base della presenza di alcuni markers molecolari e immunoterapia sono i due fronti della ricerca»

Oncologia, Stanzione (Pfizer): «Per aiutare la ricerca e i ricercatori investiamo su tecnologia»

Il direttore del settore oncologia di Pfizer Italia ai nostri microfoni: «Immunoncologia particolarmente promettente. Puntiamo su innovazione e alleanze strategiche con altre aziende per accelerare lo sviluppo di farmaci innovativi»

Immunoncologia, terapie insostenibili per SSN? Messina (Merck): «’Payment by results’ è soluzione, vi spiego che cos’è»

Classi di farmaci sofisticati che rappresentano una speranza per domani ma con un costo elevatissimo oggi. «Legare l’efficacia del prodotto al prezzo: intanto questa è la strada», così il presidente, ad di una delle aziende leader nel business biofarmaceutico

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone