Nutrizione clinica 17 Gennaio 2019 12:06

Nutrizione clinica: il SSN la trascura, il Piemonte se ne prende cura

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Novara Federico D’Andrea: «Per garantire parità di trattamento a tutti i cittadini italiani serve una legge di indirizzo nazionale, così come è stato fatto per le cure palliative»

di Isabella Faggiano

Regione che vai, sanità che trovi. E chi ha un problema di malnutrizione, per difetto o per eccesso, sarà meglio che si trovi in Piemonte. È qui, infatti, che grazie ad una legge ad hoc, la Regione ha messo in piedi un servizio territoriale interamente dedicato alla nutrizione clinica.

Federico D’Andrea, presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Novara, ai microfoni di Sanità Informazione, racconta i dettagli di questa eccellenza italiana. «In Piemonte, il paziente viene preso in carico per tutte le problematiche ed esigenze che riguardano la nutrizione clinica – ha sottolineato D’Andrea – . Si va dalla cura dell’obesità in tutte le sue forme, alla nutrizione artificiale di ogni tipo, anche domiciliare per le patologie che ne necessitano».

LEGGI ANCHE: NUTRENDO. ROSSI FANELLI (SINUC): «MOLTI PAZIENTI SOPRAVVIVONO GRAZIE ALLA NUTRIZIONE CLINICA. È UNA BRANCA IMPORTANTE DELLA MEDICINA»

Un servizio capillare, dunque, che non si esaurisce tra le mura delle strutture pubbliche: «Gli specialisti in nutrizione clinica – ha aggiunto il presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Novara – seguono il paziente sia in ospedale, che a casa. Il Sistema Sanitario Regionale garantisce anche la fornitura di tutti i prodotti necessari al trattamento, compresa la presenza domiciliare e gratuita del personale medico e infermieristico specializzato. In tutto il Piemonte – ha aggiunto Federico D’Andrea – sono disponibili 14 servizi di dietetica che, grazie ad un’organizzazione  in rete, assicurano  parità di trattamento in ogni luogo della regione».

E perché tutto cambia appena si varca il confine piemontese? Che cosa impedisce alle altre Regioni di copiare questo modello? «Mi piacerebbe saperlo – ha risposto il presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Novara – . Abbiamo per anni cercato di diffondere le nostre eccellenze e nonostante questo modello funzioni non è stato duplicato altrove. Pertanto, quando si parla di nutrizione clinica e SSN la criticità più importante resta sempre la stessa: la disparità di servizi offerti a livello territoriale. Come risolverla? – ha chiesto D’Andrea – Cominciando da una legge nazionale, così come è stato fatto recentemente per le cure palliative, che fornisca a tutte le Regioni un indirizzo comune. Lo strumento esiste – ha concluso il presidente – bisogna solo convincere i politici e gli amministratori dell’importanza della nutrizione clinica per la cura e la tutela della salute pubblica».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...