Salute 19 Dicembre 2018 19:19

Nutrendo. Rossi Fanelli (SINuC): «Molti pazienti sopravvivono grazie alla nutrizione clinica. È una branca importante della medicina»

Si è concluso a Roma Nutrendo, il primo Forum italiano dedicato alla Nutrizione Clinica. Il presidente onorario SINuC: «La nutrizione clinica diventi materia d’insegnamento nei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e per tutti i professionisti sanitari»

di Isabella Faggiano

È una malattia nella malattia che, se non curata può peggiorare drasticamente lo stato di salute di un paziente: la malnutrizione è causa di morte per un malato oncologico su 5.  «Per questo – ha spiegato Filippo Rossi Fanelli, professore emerito di Medicina Interna e presidente onorario della SINuC – la nutrizione clinica è una branca importante della medicina, necessaria alla sopravvivenza di molti pazienti. Pensiamo ad esempio a tutti coloro che hanno subito degli interveti all’intestino – ha aggiunto il professore – e che non sono più in grado di assimilare il cibo in modo autonomo. O anche a tutti quei pazienti che, proprio grazie ad un’adeguata nutrizione, riescono a sopportare meglio le cure e quindi ad avere una prognosi migliore».

La malnutrizione, infatti, se trascurata, causa un incremento di morbilità e mortalità e un aumento della spesa sanitaria. Problematiche sulle quali medici, pazienti, esperti di formazione, esponenti del Sistema Sanitario Nazionale, rappresentanti di Società Scientifiche, mondo dell’industria e dell’informazione si sono confrontati in occasione di “Nutrendo. Definiamo il presente per disegnare il futuro”, il primo Forum italiano dedicato esclusivamente al tema della nutrizione clinica, organizzato dalla SINuC, la Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo.

Ad aprire i lavori, ieri sera, la lettura magistrale sui “Modelli Europei di eccellenza in Nutrizione clinica” di Rocco Barazzoni, presidente della società Europea di Nutrizione e Metabolismo ( Espen)  e associato di Medicina Interna del dipartimento di Scienze Mediche dell’università di Trieste. Oggi, gli esperti presenti si sono riuniti in sei diversi tavoli tecnici – formazione, SSN, scienza, pazienti, industria e comunicazione – per analizzare le principali criticità e proporre delle soluzioni concrete in materia di nutrizione clinica.

Il professore Filippo Rossi Fanelli, seduto al tavolo della formazione in veste di coordinatore, ha evidenziato la necessità di dedicare un insegnamento ad hoc a questa branca della medicina. «La nutrizione clinica – ha spiegato il presidente onorario della SINuC – non è assolutamente insegnata né nei corsi di laurea in Medicina, né nelle specializzazioni, tantomeno nelle lauree brevi. Una lacuna formativa che gli esperti del settore, riunitisi in occasione di Nutrendo, hanno analizzato per proporre delle azioni concrete da mettere in campo, affinché la nutrizione clinica  diventi al più presto una materia di insegnamento».

Una sensibilizzazione necessaria se si considera che il 50% dei ricoverati in ospedale è a rischio malnutrizione. La metà dei malati oncologici presenta insufficienze nutrizionali ancor prima di cominciare la terapia, il 20% di questi pazienti muore di cachessìa (o sindrome da deperimento).  Ma la malnutrizione per difetto è solo una faccia della medaglia, sull’altra metà ci sono tutti coloro che vivono il problema per eccesso: più del 45% degli italiani adulti è in sovrappeso e 3 bambini su 10 in età scolare soffrono di obesità o sovrappeso.

Una situazione che per migliorare ha bisogno anche  dell’aiuto dell’informazione. A proporre delle strategie comunicative efficaci è stato il tavolo dedicato alla comunicazione e all’informazione, coordinato dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason, a cui hanno partecipato, tra gli altri, il direttore editoriale di Sanità Informazione, Cesare Buquicchio, il vice direttore del Tg2 Stefano Marroni, Irma D’aria di Repubblica e Lorella Salce, capo ufficio stampa Ifo.

Altri esperti, invece, si sono riuniti per affrontare il tema della sostenibilità dei percorsi nutrizionali per il Sistema Sanitario Nazionale, analizzando il rapporto costo-efficacia: l’applicazione della nutrizione clinica, oltre ad essere un intervento sanitario salvavita produce un consistente risparmio per il sistema sanitario nazionale. In Europa si stimano 33 milioni di persone a rischio malnutrizione per un costo sociale di circa 120 miliardi di euro.

Ancora, al centro del Forum il ruolo dei pazienti, quello dello scienza e dell’industria: «Ogni tavolo tecnico – ha continuato Rossi Fanelli – ha proposto delle azioni concrete per migliorare lo stato dell’arte». Tra gli obiettivi di Nutrendoc’è anche l’elaborazione de “I fogli di Roma”, una raccolta delle esperienze e dei punti di vista di tutti i partecipanti. Un documento di consenso univoco che non solo testimonierà i risultati di questo primo Forum dedicato alla nutrizione clinica, ma che fungerà anche da bussola, capace di orientare tutti gli attori del Sistema verso le corrette informazioni sul ruolo e sulle potenzialità di questa branca della medicina.

«Questa prima esperienza – ha detto Rossi Fanelli  – è senza dubbio  un’iniziativa da applaudire. Ma, nonostante il suo successo, non penso che riuscirà, da sola, a risolvere tutti i problemi esistenti. Probabilmente sarà necessario replicarla: ci sarà un “Nutrendo 2”, se gli altri organizzatori lo vorranno. Ad ogni modo – ha concluso il professore – sarà sicuramente necessario un get togheter – un raduno – per fare il punto della situazione».

 

Articoli correlati
«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)
I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»
Nutrizione clinica, un paziente oncologico su cinque muore per carenze alimentari
Dal corso di formazione di Nutrizione Medica – Unione Italiana Food emerge che il 75% dei pazienti neoplastici è malnutrito al momento della diagnosi
Obesità e malnutrizione tra gli effetti della pandemia. L’esperta: «Curare l’alimentazione dei pazienti ricoverati e a casa»
Scarsa attività fisica, sedentarietà e diete sballate hanno provocato una crescita di obesità e un rischio di malnutrizione. Picardi (biologa): «Un buon trattamento nutrizionale deve essere all’ordine del giorno non solo per pazienti ricoverati, a rischio di malnutrizione e sarcopenia, ma anche per soggetti sedentari e chiusi a casa a causa dell’isolamento»
La nutrizione clinica nelle terapie intensive Covid. Intervista a Pietro Vecchiarelli (Siaarti)
Il rianimatore: «In terapia intensiva il paziente perde la sua massa magra. Superata la fase critica della malattia seguire un programma di nutrizione clinica sarà fondamentale per “ricostruire” la propria forma fisica»
di Isabella Faggiano
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale