Salute 12 Gennaio 2022 14:53

«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)

I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»

«Mentre le temperature scendono sotto lo zero, mancano cibo e beni di prima necessità: la vita di un milione di bambini è in pericolo. Diciotto milioni di persone hanno bisogno di aiuti umanitari urgenti, 3,5 milioni in più del 2018». Matteo Brunelli, vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan, racconta così le condizioni in cui versa il Paese. Una situazione che ha visto con i propri occhi durante la sua ultima missione in Afghanistan, la quinta degli ultimi ventiquattro mesi, dopo due anni consecutivi trascorsi nel Paese.

Medici e sanitari senza stipendio

I progetti di Intersos, attivi da vent’anni in Afghanistan, sono concentrati nelle province di Kandahar e Zabul, dove l’associazione umanitaria garantisce il supporto a diversi centri di salute primaria. «Forniamo attrezzature sanitarie, medicinali, ma ci occupiamo anche del salario di medici e professionisti sanitari – dice Brunelli -. Il Sistema Sanitario Nazionale è controllato dal Ministero della Salute ma, considerata la grave crisi governativa in atto, non ci sono più i soldi per sostenerlo: sono mesi che gli specialisti non ricevono lo stipendio».

Un sostegno alla salute materno-infantile

Nonostante il periodo turbolente attraversato dall’Afghanistan renda più difficile portare avanti anche i progetti già in essere, Intersos punta ad allargare le sue attività durante il 2022. «Vogliamo poter garantire una maggiore tutela della salute materno-infantile», spiega Bruelli. In Afghanistan solo il 60% dei parti avviene in presenza di assistenza sanitaria600 donne su 100 mila muoiono di parto. Si tratta di un numero 300 volte superiore a quello registrato in Italia, dove i casi di morte sono 2 ogni 100 mila. «Prevediamo non solo di inaugurare un reparto di ginecologia e ostetrica all’ospedale di Kalat, capoluogo della provincia di Zabul, ma anche di istituire dei punti nascita in zone periferiche che possano garantire alle donne parti in sicurezza ed anche, laddove necessario, il trasferimento in ambulanza in ospedali adeguatamente attrezzati», aggiunge il vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan.

Intersos, una storia lunga 20 anni

Nella Provincia di Kandahar, nei distretti di Maywand e Panjwaye, Intersos gestisce due Trauma Point, strutture sanitarie specializzateattive h24, in grado di fornire primo soccorso alle persone ferite ma anche alle vittime di incidenti stradali e domestici.  «Attraverso i Trauma Point, dove vengono curate dalle venti alle trenta persone al giorno, forniamo anche attrezzature essenziali, farmaci e materiale medico di altro genere», aggiunge Brunelli.

Ed è in posti come questi che s’incontrano e s’intrecciano le vite degli abitanti del luogo e degli operatori di Intersos. Come quella di Zainullah, un ragazzino di 15 anni, arrivato al Trauma Point di Panjwai per farsi curare un brutto taglio alla testa.  O di Matiullah, un diciottenne che, arrivato nel centro medico per farsi fasciare le ferite, ha raccontato di aver trascorso tutta la sua esistenza tra i combattimenti. «Il dottor Ismatullah Irfan, un chirurgo generale di 31 anni, originario della provincial di di Zabul, che da sei mesi lavora con Intersos nel distretto di Panjwai – dice Brunelli – ci ha raccontato che “uno dei più grandi problemi per la popolazione a livello sanitario è la mancanza di consapevolezza”».

Altri progetti umanitari

Non è un caso, dunque, che Intersos, già negli anni passati si sia attivata per offrire assistenza psico-sociale, supporto economico e legale alle persone vulnerabili, in particolar modo alle donne (incluse le sopravvissute a violenza di genere), a bambini e anziani. «Sosteniamo il sistema sanitario anche con due centri di salute e tre cliniche mobili – aggiunge il vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan -. Ci occupiamo del trattamento terapeutico della malnutrizione acuta tra i bambini e da quando è esplosa la pandemia siamo in prima linea anche nella lotta al Covid-19. Il sostegno internazionale, di Intersos come di tutte le altre organizzazioni umanitarie – conclude Brunelli – resta l’elemento fondamentale per evitare il crollo dei servizi essenziali, dalla sanità, all’istruzione, fino all’accesso al cibo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Gb: 1 donna su 2 non va a lavoro per colpa del ciclo mestruale, ma non lo dice. La ginecologa Picconeri: “Ancora troppi pregiudizi”
Nel Regno Unito 4 donne su 5 fanno un gran fatica a lavorare quando hanno il ciclo mestruale e solo poco più della metà ha affermato di non essere stata abbastanza bene per andare al lavoro. Questi sono i risultati di una ricerca britannica, che non stupiscono la ginecologa Giuseppina Picconeri: "La vita fisiologica di una donna in età fertile è spesso fonte di grandi pregiudizi"
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Donne “cenerentole” della ricerca in Europa, anche se metà dei laureati e dottorati è “rosa”
Le donne rappresentano circa la metà dei laureati e dei dottorati in Europa, ma abbandonano progressivamente la carriera accademica, arrivando a costituire appena il 33% della forza lavoro nel mondo della ricerca, e solo il 26% dei professori ordinari, direttori di dipartimento o di centri di ricerca. È il quadro tratteggiato in un articolo sulla rivista The Lancet Regional Health
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...