Salute 12 Gennaio 2022 14:53

«In Afghanistan il rischio di morte in parto è 300 volte superiore all’Italia. Governo non paga i medici», il quadro di Brunelli (Intersos)

I progetti già realizzati da Intersos, il vicedirettore regionale per l’Afghanistan: «Operativi due Trauma Point, due centri di salute e tre cliniche mobili. Trattiamo la malnutrizione grave tra i bambini. Sosteniamo psicologicamente, legalmente ed economicamente le categorie fragili»

«Mentre le temperature scendono sotto lo zero, mancano cibo e beni di prima necessità: la vita di un milione di bambini è in pericolo. Diciotto milioni di persone hanno bisogno di aiuti umanitari urgenti, 3,5 milioni in più del 2018». Matteo Brunelli, vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan, racconta così le condizioni in cui versa il Paese. Una situazione che ha visto con i propri occhi durante la sua ultima missione in Afghanistan, la quinta degli ultimi ventiquattro mesi, dopo due anni consecutivi trascorsi nel Paese.

Medici e sanitari senza stipendio

I progetti di Intersos, attivi da vent’anni in Afghanistan, sono concentrati nelle province di Kandahar e Zabul, dove l’associazione umanitaria garantisce il supporto a diversi centri di salute primaria. «Forniamo attrezzature sanitarie, medicinali, ma ci occupiamo anche del salario di medici e professionisti sanitari – dice Brunelli -. Il Sistema Sanitario Nazionale è controllato dal Ministero della Salute ma, considerata la grave crisi governativa in atto, non ci sono più i soldi per sostenerlo: sono mesi che gli specialisti non ricevono lo stipendio».

Un sostegno alla salute materno-infantile

Nonostante il periodo turbolente attraversato dall’Afghanistan renda più difficile portare avanti anche i progetti già in essere, Intersos punta ad allargare le sue attività durante il 2022. «Vogliamo poter garantire una maggiore tutela della salute materno-infantile», spiega Bruelli. In Afghanistan solo il 60% dei parti avviene in presenza di assistenza sanitaria600 donne su 100 mila muoiono di parto. Si tratta di un numero 300 volte superiore a quello registrato in Italia, dove i casi di morte sono 2 ogni 100 mila. «Prevediamo non solo di inaugurare un reparto di ginecologia e ostetrica all’ospedale di Kalat, capoluogo della provincia di Zabul, ma anche di istituire dei punti nascita in zone periferiche che possano garantire alle donne parti in sicurezza ed anche, laddove necessario, il trasferimento in ambulanza in ospedali adeguatamente attrezzati», aggiunge il vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan.

Intersos, una storia lunga 20 anni

Nella Provincia di Kandahar, nei distretti di Maywand e Panjwaye, Intersos gestisce due Trauma Point, strutture sanitarie specializzateattive h24, in grado di fornire primo soccorso alle persone ferite ma anche alle vittime di incidenti stradali e domestici.  «Attraverso i Trauma Point, dove vengono curate dalle venti alle trenta persone al giorno, forniamo anche attrezzature essenziali, farmaci e materiale medico di altro genere», aggiunge Brunelli.

Ed è in posti come questi che s’incontrano e s’intrecciano le vite degli abitanti del luogo e degli operatori di Intersos. Come quella di Zainullah, un ragazzino di 15 anni, arrivato al Trauma Point di Panjwai per farsi curare un brutto taglio alla testa.  O di Matiullah, un diciottenne che, arrivato nel centro medico per farsi fasciare le ferite, ha raccontato di aver trascorso tutta la sua esistenza tra i combattimenti. «Il dottor Ismatullah Irfan, un chirurgo generale di 31 anni, originario della provincial di di Zabul, che da sei mesi lavora con Intersos nel distretto di Panjwai – dice Brunelli – ci ha raccontato che “uno dei più grandi problemi per la popolazione a livello sanitario è la mancanza di consapevolezza”».

Altri progetti umanitari

Non è un caso, dunque, che Intersos, già negli anni passati si sia attivata per offrire assistenza psico-sociale, supporto economico e legale alle persone vulnerabili, in particolar modo alle donne (incluse le sopravvissute a violenza di genere), a bambini e anziani. «Sosteniamo il sistema sanitario anche con due centri di salute e tre cliniche mobili – aggiunge il vicedirettore regionale di Intersos per l’Afghanistan -. Ci occupiamo del trattamento terapeutico della malnutrizione acuta tra i bambini e da quando è esplosa la pandemia siamo in prima linea anche nella lotta al Covid-19. Il sostegno internazionale, di Intersos come di tutte le altre organizzazioni umanitarie – conclude Brunelli – resta l’elemento fondamentale per evitare il crollo dei servizi essenziali, dalla sanità, all’istruzione, fino all’accesso al cibo».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccinazione pediatrica flop? L’Italia dona dosi alla Tunisia
La vaccinazione pediatrica non decolla. Fino ad oggi sono stati vaccinati poco più del 35% dei bambini 5-11 anni. Su 6.726.393 dosi disponibili, ne sono state usate 2.595.995. L'Italia dona 150mila dosi alla Tunisia
Morire di parto nel 2022: quando (e perché) il lieto evento si trasforma in tragedia
Il recente caso di Napoli spaventa. Viora (AOGOI): «La maggior parte dei decessi si può prevenire anche prima di arrivare alla sala parto. Fondamentale la formazione del personale»
Depresse, malnutrite e senza istruzione: la vita al limite delle bambine afghane
Nel suo ultimo Rapporto, l’associazione umanitaria Save the Children denuncia le conseguenze in Afghanistan della dittatura talebana. Le peggiori toccano alle bambine afghane: non possono frequentare la scuola, mangiano sempre meno e, in alcuni casi sono costrette a matrimoni precoci
Quando e perché il cibo può fare paura fino a diventare fobia. Il parere dell’esperto
Gianluca Castelnuovo, psicologo, dirige il centro specializzato dell’istituto Auxologico di Milano: «La citofobia colpisce in particolare i bambini, l’età media è di 12,9 anni, l’insorgenza della patologia è determinata da un evento traumatico. È bene rivolgersi ad un centro specializzato dove esiste una interdisciplinarità tra professionisti»
Covid-19: il superpotere dei bambini è nel naso, ma con Omicron non funziona
Uno studio australiano dimostra che l’epitelio nasale dei più piccoli è capace di “bloccare” l’infezione da Covid-19 inibendo la replicazione del ceppo originario del coronavirus Sars-CoV-2, fino alla variante Delta. Capacità che, però, sembrerebbe del tutto sparita con la variante Omicron
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi