Salute 4 dicembre 2018

Nutrizione Clinica. In Italia, 700 mila persone a rischio malnutrizione. Muscaritoli (SINuC): «Non tutti i malati hanno accesso ai trattamenti nutrizionali»

Nutrendo, il 18 e 19 dicembre al via il primo Forum italiano. Il presidente SINuC: «Redigeremo “I fogli di Roma”, un documento di consenso per fornire una corretta informazione sul ruolo e le potenzialità della Nutrizione Clinica»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Negli ospedali italiani 4 pazienti su 10 sono malnutriti. Ricevono un insufficiente o inadeguato apporto di nutrienti il 20% dei residenti nelle RSA e il 70% dei ricoverati in reparti di lungodegenza. Tra i malati oncologici la malnutrizione è causa di morte per uno su 5. Dati allarmanti che hanno spinto  la SINuC, la Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo, a riunire i maggiori esperti del settore nel primo Forum Italiano dedicato alla nutrizione clinica, intitolato “Nutrendo. Definiamo il presente per disegnare il futuro” che si svolgerà a Roma il 18 e 19 dicembre. Tra gli appuntamenti del Forum da segnalare il tavolo dedicato alla comunicazione e all’informazione a cui parteciperà anche il direttore editoriale di Sanità Informazione, Cesare Buquicchio e coordinato dalla giornalista medico-scientifica Johann Rossi Mason.

«Attualmente, in Italia – ha spiegato Maurizio Muscaritoli,  presidente SINuC ai nostri microfoni – i trattamenti di nutrizione clinica non sono disponibili per tutti i malati che, invece, ne avrebbero bisogno. È per trovare una soluzione condivisa che abbiamo deciso di  riunire tutti coloro che, direttamente o indirettamente, sono coinvolti nel problema. Il Forum darà voce a pazienti, esperti di formazione, esponenti del SSN, rappresentanti di Società Scientifiche, mondo dell’industria e dell’informazione».

A beneficiare di una maggiore diffusione dei trattamenti nutrizionali non sarebbero solo i pazienti, ma l’intero comparto della Sanità: «Renderli disponibili a tutti i malati che ne hanno necessità – ha detto Muscaritoli – avrebbe un impatto economico irrisorio rispetto a quello che costa trattare le conseguenze mediche e sociali della malnutrizione. Secondo alcuni studi di farmaco-economia, in chirurgia oncologica, anche utilizzando le formule più costose con immunonutrienti, si ottiene un risparmio di 1.250 euro a paziente, grazie alla riduzione delle complicanze e dei tempi di degenza».

Ma la nutrizione clinica dei malati oncologi è solo la punta dell’iceberg. In Europa, si stimano 33 milioni di adulti a rischio di malnutrizione, 700 mila in Italia, che rappresentano una spesa complessiva in servizi sanitari di oltre 170 miliardi di euro. I problemi nutrizionali possono riguardare qualunque paziente, affetto da patologie più o meno gravi. «La nutrizione clinica – ha infatti chiarito il presidente SINuC – si occupa dei problemi nutrizionali e metabolici di quelle persone che, a causa di una patologia di base, sviluppano dei problemi nutrizionali. La nutrizione clinica serve, dunque, a prevenire  la “malnutrizione da malattia”, che può causare perdita di peso o di massa muscolare. Condizioni che, a loro volta,  hanno un impatto negativo sia sulla qualità della vita che sulla risposta alle terapie». La malnutrizione clinica aumenta il rischio di sepsi, infezioni o insufficienza d’organo per il 60% dei pazienti ricoverati, con un conseguente aumento di morbilità e mortalità evitabili.

LEGGI ANCHE: ONCOLOGIA, MARCHETTI: «ATTENTI A MALNUTRIZIONE, RIDUCE TOLLERABILITÀ DEI TRATTAMENTI. SERVE LEGGE SU VALUTAZIONE NUTRIZIONALE»

Dati, statistiche, studi di settore saranno solo il punto di partenza degli incontri, dei dibattiti e dei workshop che si svolgeranno in occasione del primo Forum della Nutrizione Clinica. Nutrendo si concluderà con l’elaborazione de “I fogli di Roma”: «Le esperienze e i punti di vista di tutti i partecipanti – ha sottolineato il professore Muscaritoli – saranno raccolti in un unico documento di consenso che potrà essere consultato e utilizzato dagli addetti ai lavori e che verrà diffuso in Italia tramite gli organi di stampa, per fornire una corretta informazione sul ruolo e le potenzialità della Nutrizione Clinica.  Perché – ha concluso il presidente SINuC – come dice lo slogan del nostro Forum vogliamo “definire il presente della nutrizione cinica italiana e disegnarne il futuro”».

Articoli correlati
Ricerca: la nutrizione clinica previene molte malattie e aumenta l’efficacia delle terapie. Ma pochi lo sanno
Il professore di medicina Traslazionale e di Precisione Alessandro Laviano: «Gli studi sulla nutrizione clinica sono epidemiologici e per questo poco considerati. I trial clinici costerebbero decine di milioni di euro e le risorse non ci sono»
di Isabella Faggiano
Nutrendo. Rossi Fanelli (SINuC): «Molti pazienti sopravvivono grazie alla nutrizione clinica. È una branca importante della medicina»
Si è concluso a Roma Nutrendo, il primo Forum italiano dedicato alla Nutrizione Clinica. Il presidente onorario SINuC: «La nutrizione clinica diventi materia d’insegnamento nei corsi di laurea in Medicina e Chirurgia e per tutti i professionisti sanitari»
di Isabella Faggiano
Congresso della nutrizione clinica: tra i temi, ictus, celiachia e chirurgia per il diabete
La SINuC – Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo – si riunisce a Firenze in occasione del secondo Congresso nazionale. Molteplici e di grande attualità i temi affrontati, tra cui chirurgia metabolica e “diabesità”: nella stragrande maggioranza dei casi, il diabete tipo 2 si associa ad eccedenza ponderale tanto che, negli ultimi anni, è stato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...