Salute 31 ottobre 2018

Oncologia, Marchetti: «Attenti a malnutrizione, riduce tollerabilità dei trattamenti. Serve legge su valutazione nutrizionale»

Il professore di Oncologia Medica de La Sapienza ha aderito alla call to action sul tema lanciata dalla Sinuc: «Pazienti hanno diritto a non vedere la propria situazione clinica aggravata anche dalla malnutrizione»

Immagine articolo

Una corretta terapia nutrizionale può svolgere un ruolo essenziale nel percorso terapeutico e migliorare la tolleranza dei farmaci. Questo anche alla luce dei dati dello studio italiano PreMio (Prevalence of Malnutrition in Oncology) secondo i quali oltre il 50% dei pazienti oncologici è malnutrito e il 28% di chi ha il cancro ha perso più del 10% del peso già nelle fasi iniziali della malattia. Per questo la Sinuc, Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo, ha promosso una call to action rivolta a medici e istituzioni per arrivare a una legge nazionale che regolamenti e garantisca l’accesso uniforme ai trattamenti di nutrizione clinica ed artificiale domiciliare sia nel periodo delle cure attive che in quello delle cure palliative. Ne abbiamo parlato con Paolo Marchetti, Direttore del reparto di Oncologia dell’Ospedale Sant’Andrea e professore ordinario di Oncologia Medica alla Sapienza di Roma.

Professore, parliamo di malnutrizione in oncologia. I dati testimoniano che il 65% dei pazienti alla prima visita oncologica soffre di malnutrizione. Voi cosa proponete per porre rimedio a questo problema?

«Innanzitutto dobbiamo rilevare come la malnutrizione abbia conseguenze cliniche particolarmente pericolose perché riduce la tollerabilità dei trattamenti e quindi in una parola riduce le possibilità che ha il paziente di essere curato nel migliore dei modi. Visto che in questi ultimi anni molti tentativi sono stati fatti per introdurre la valutazione dello stato nutrizionale come elemento preliminare di una valutazione clinica più ampia del paziente oncologico, direi che siamo giunti al momento in cui si auspica l’introduzione di una legge che renda non dico obbligatorio ma comunque contempli in maniera importante questa valutazione nutrizionale e dia ai medici gli strumenti idonei per poter utilizzare questo tipo di informazioni nella loro pratica clinica quotidiana. Solo in questo modo riusciremo a garantire ai pazienti il riconoscimento di un diritto: quello di non vedere la propria situazione clinica aggravata anche dalla malnutrizione oltre che dalla patologia oncologica».

LEGGI ANCHE: MALNUTRIZIONE IN ONCOLOGIA, PER COMBATTERLA ‘CALL TO ACTION’. MUSCARITOLI (SINUC):«NESSUNA EVIDENZA CHE DIGIUNO DIMINUISCA MASSE TUMORALI»

Lei è un oncologo: abbiamo visto dai dati che un paziente malnutrito ha una aspettativa di vita più bassa. Quanto incide l’alimentazione per un malato oncologico?

«Incide in maniera importantissima non solo perché gli errori alimentari possono favorire la comparsa di una o l’altra neoplasia ma perché alterazioni dello stato nutrizionale possono avere conseguenze particolarmente negative sulla tolleranza dei trattamenti e quindi in una parola sulla capacità di guarire i nostri malati».

Articoli correlati
Alimentazione e cancro, SINuC: «La malnutrizione per eccesso responsabile della maggior parte dei tumori solidi»
Il convegno “Nutrients Beyond Nutrition” mette a fuoco il legame tra nutrizione e prognosi anche in fase di follow up
Tumori e malnutrizione, Campania maglia nera: massimi esperti internazionali in convegno a Napoli
Il cancro e la malnutrizione viaggiano insieme. La perdita di peso è un vero e proprio killer: oltre il 10% ostacola il proseguimento delle terapie e un malato su 5 muore per le conseguenze della malnutrizione. Se ne parlerà al Convegno "Nutrients beyond Nutrition" il 1 febbraio a Napoli
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
SSN, Francesco De Lorenzo (FAVO): «Su cancro e grandi malattie non ci siano barriere. Stato intervenga con poteri sostitutivi per garantire Lea»
L’ex ministro della Sanità, oggi alla guida Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia, lancia la sua proposta per rendere sostenibile il SSN: «Bisognerebbe cominciare a capire che è meglio evitare di far pagare i ticket ai malati di cancro per gli aspetti diagnostici piuttosto che pagare per chi ha un mal di testa o un mal di gola»
Oncologia, ecco come si può “vivere senza stomaco”. Claudia Santangelo: «Spesso lasciati soli dopo intervento. Servono nutrizionisti nelle strutture»
L’associazione che raccoglie i ‘gastrectomizzati’ conta 2300 aderenti. È nata nel 2013 dopo la nascita del gruppo Facebook. La presidente sottolinea: «Avere la possibilità di trovarsi duemila e trecento persone che in tempo reale ti dicono cosa puoi fare se ti si blocca il cibo, chiaramente senza sostituire il medico, rasserena e rassicura»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...