MMG, #6StatoDiscriminato 24 Aprile 2019

Formazione MMG, Cappelletti (OMCeO Alessandria): «Se non si eliminano discriminazioni bene i ricorsi»

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Alessandria: «In tutti i Paesi europei la Medicina generale è considerata una specialità. Giusto equiparare i due percorsi formativi»

Disparità di trattamento economico, fiscale e assicurativo durante tutto il percorso di formazione post-laurea. È la denuncia dei medici di Medicina generale, che si sentono considerati professionisti di serie B rispetto ai loro colleghi specialisti.

Da qui nasce la campagna social #6StatoDiscriminato lanciata da Consulcesi, che diventa un’iniziativa itinerante che avrà luogo in tutta Italia. Prima tappa Alessandria dove, nella sede locale dell’OMCeO, i medici di Medicina Generale hanno potuto informarsi sui loro diritti, soprattutto in merito alla disuguaglianza tra la loro borsa di studio e quella percepita dai medici in formazione specialistica a partire dall’anno 2006/2007, e su come poter chiedere un risarcimento a titolo forfettario che può arrivare fino a 50mila euro per ogni anno di formazione post-laurea.

«Se non si provvede a porre fine a questa situazione, credo che i medici di Medicina generale facciano bene a fare ricorso – commenta Mauro Cappelletti, presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Alessandria -. In tutti i Paesi europei la Medicina generale è considerata di fatto una specialità. In Italia non siamo mai arrivati purtroppo a definirla come negli altri Paesi. Basta andare al Congresso mondiale dei medici di famiglia, lo WONCA, per vedere che altrove dirigono anche cattedre universitarie. Quindi è giusto che queste due professioni si equiparino, anche la Medicina generale è una specialità».

La disparità di trattamento tra chi frequenta corsi di Medicina Generale e chi opta per i corsi di specializzazione medica è evidente: i primi guadagnano 11mila euro all’anno e sono considerati fonte di reddito; mentre la remunerazione degli specialisti varia tra i 25mila e i 27mila euro consistenti in borse di studio, quindi non tassate. Inoltre, i medici di Medicina Generale non godono delle tutele previste dai normali rapporti lavorativi come ad esempio la gravidanza, mentre agli specializzandi spettano i contributi previdenziali e la stipula di un’assicurazione.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, TORREGGIANI (FIMMG): «MEDICINA GENERALE CONSIDERATA DI SERIE B. SERVE ADEGUAMENTO BORSE»

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Ecm

ECM, De Pascale (Co.Ge.APS): «Entro fine anno azzereremo posizioni arretrate e Ordini potranno certificare formazione»

Il presidente del Co.Ge.APS racconta a Sanità Informazione i mesi appena trascorsi e anticipa il cambiamento di forma giuridica che il Consorzio avrà dal prossimo anno. E sulla riforma del sistema E...