MMG, #6StatoDiscriminato 24 Aprile 2019

Formazione MMG, Cappelletti (OMCeO Alessandria): «Se non si eliminano discriminazioni bene i ricorsi»

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Alessandria: «In tutti i Paesi europei la Medicina generale è considerata una specialità. Giusto equiparare i due percorsi formativi»

Disparità di trattamento economico, fiscale e assicurativo durante tutto il percorso di formazione post-laurea. È la denuncia dei medici di Medicina generale, che si sentono considerati professionisti di serie B rispetto ai loro colleghi specialisti.

Da qui nasce la campagna social #6StatoDiscriminato lanciata da Consulcesi, che diventa un’iniziativa itinerante che avrà luogo in tutta Italia. Prima tappa Alessandria dove, nella sede locale dell’OMCeO, i medici di Medicina Generale hanno potuto informarsi sui loro diritti, soprattutto in merito alla disuguaglianza tra la loro borsa di studio e quella percepita dai medici in formazione specialistica a partire dall’anno 2006/2007, e su come poter chiedere un risarcimento a titolo forfettario che può arrivare fino a 50mila euro per ogni anno di formazione post-laurea.

«Se non si provvede a porre fine a questa situazione, credo che i medici di Medicina generale facciano bene a fare ricorso – commenta Mauro Cappelletti, presidente dell’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Alessandria -. In tutti i Paesi europei la Medicina generale è considerata di fatto una specialità. In Italia non siamo mai arrivati purtroppo a definirla come negli altri Paesi. Basta andare al Congresso mondiale dei medici di famiglia, lo WONCA, per vedere che altrove dirigono anche cattedre universitarie. Quindi è giusto che queste due professioni si equiparino, anche la Medicina generale è una specialità».

La disparità di trattamento tra chi frequenta corsi di Medicina Generale e chi opta per i corsi di specializzazione medica è evidente: i primi guadagnano 11mila euro all’anno e sono considerati fonte di reddito; mentre la remunerazione degli specialisti varia tra i 25mila e i 27mila euro consistenti in borse di studio, quindi non tassate. Inoltre, i medici di Medicina Generale non godono delle tutele previste dai normali rapporti lavorativi come ad esempio la gravidanza, mentre agli specializzandi spettano i contributi previdenziali e la stipula di un’assicurazione.

LEGGI ANCHE: FORMAZIONE MMG, TORREGGIANI (FIMMG): «MEDICINA GENERALE CONSIDERATA DI SERIE B. SERVE ADEGUAMENTO BORSE»

 

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Cause

Ex specializzandi, Di Amato: «Scorrette le sentenze contrarie basate su prescrizione»

Dal convegno organizzato dall’università Luiss Guido Carli e Sanità Informazione, le ultime novità in tema di inadempimento del diritto UE da parte dell’Italia in ambito sanitario. Parlano i pr...
Università

Test medicina 2019, l’attesa è finita. La graduatoria è online

Il Miur ha pubblicato la graduatoria ufficiale nominativa nazionale e di merito che stabilisce chi ha superato la prova d’accesso ed è riuscito ad accedere alla Facoltà di Medicina. Per i tanti ch...
Salute

Professioni sanitarie, Beux (maxi Ordine): «Dal 1° ottobre possibile iscriversi agli elenchi speciali»

Il Presidente della Federazione degli Ordini TSRM e PSTRP annuncia l’attivazione sul portale della procedura per iscriversi: «I professionisti, iscrivendosi al relativo elenco speciale a esauriment...