Infrazioni Diritto UE 2 Ottobre 2019

Infrazioni diritto UE, Corona (Luiss): «L’Italia si rimetta in regola e risparmi risorse preziose»

Discariche abusive, trattamento acque reflue, Xylella e Ilva: solo alcuni esempi di direttive europee non rispettate dall’Italia e che, complessivamente, dal 2012 ad oggi ci costano 547 milioni di euro. I dati emersi dallo studio condotto dall’università Luiss Guido Carli in collaborazione con Sanità Informazione

«L’Italia torni a studiare e a fare i compiti. Quelli spesi in sanzioni per il mancato adempimento del diritto dell’Unione Europea sono soldi buttati». È Daniela Corona, docente presso l’università Luiss Guido Carli, ad illustrare i risultati dello studio Luiss-Sanità Informazione, da cui emerge che l’Italia, dal 2012 ad oggi, ha speso in sanzioni 547 milioni di euro.

LEGGI ANCHE: PROCEDURE DI INFRAZIONE UE, ITALIA NEL MIRINO: NEL 2019 AUMENTATE DEL 35%. I COSTI PER IL NOSTRO PAESE

«Le infrazioni del diritto UE costano davvero tanto e non è confortante vedere che il numero delle procedure è tornato ad aumentare: sono 81, ad oggi, i procedimenti aperti. Negli ultimi anni avevamo assistito ad una diminuzione e quindi ad un maggior rispetto, da parte dell’Italia, del diritto comunitario. Tendenza che recentemente si è invece invertita. Speriamo allora che il maggior rispetto della normativa europea diventi una priorità per il nuovo governo».

Entrando nello specifico, oltre un quarto delle procedure di infrazione a carico dell’Italia riguardano norme ambientali: la non corretta applicazione delle direttive sulle discariche, ad esempio, in quattro anni ci è costata 204 milioni di euro; la procedura di infrazione causata dallo scorretto trattamento delle acque reflue è stata aperta 15 anni fa e costata 25 milioni di euro. E poi c’è l’emergenza rifiuti in Campania (aperta nel 2007), la Xylella fastidiosa, lo stabilimento siderurgico dell’Ilva di Taranto. Questioni ambientali che, va specificato, hanno anche effetti immediati sulla salute delle persone che vivono nei pressi di quei luoghi.

Ma ci sono anche infrazioni legate specificamente alla salute e alla sicurezza alimentare. Per non parlare dell’annosa questione degli ex specializzandi: la violazione di direttive comunitarie che prevedevano un determinato trattamento economico per i medici che frequentavano la scuola di specializzazione e che non è stato invece riconosciuto ai camici bianchi italiani. Una vicenda che ha dato vita ad un contenzioso ultraventennale e che potrebbe arrivare a pesare sulle casse dello Stato, in termini di risarcimenti, fino a 5 miliardi di euro.

«Sono tanti soldi che potrebbero dare respiro a tanti settori della nostra economia – conclude la dottoressa Corona -. Quindi è davvero il caso di rimboccarsi le maniche, di fare i compiti, e di rimettersi in regola».

LEGGI ANCHE: DIRITTO E SANITÀ, UN LEGAME SEMPRE PIU’ STRETTO. ANTONELLI (LUISS): «IL SSN VIVE DI NORME UE. NECESSARIO FORMARE MEDICI E AVVOCATI»

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...