Basta numero chiuso 27 Settembre 2018 16:30

Bruno Bossio (PD): «Tra dieci anni non avremo più medici, occorre modificare sistema e estendere diritti»

Carenza personale, blocco del turnover, abbassamento della qualità assistenziale, soprattutto nel Mezzogiorno. La soluzione? «Non tagliare sulla formazione, nostra risorsa più importante». Così l’Onorevole Enza Bruno Bossio, firmataria di una proposta di Legge sull’abolizione del numero chiuso

«Il futuro è nelle mani dei nuovi medici, per questo bisogna investire e non tagliare sulla loro formazione». Lo dichiara la deputata Pd Enza Bruno Bossio che sostiene la necessità di «abolire il numero chiuso o comunque modificarlo in tempi rapidi altrimenti fra dieci anni non avremo più medici».

La deputata democratica, prima firmataria del Ddl sull’abolizione del numero chiusoattualmente all’esame della Commissione Cultura, spiega a Sanità Informazione la necessità di una trasformazione del sistema – caso esemplare la proposta francese – che possa «risolvere in parte la carenza dei medici, migliorare l’efficacia dei servizi essenziali e garantire un maggiore turnover».

LEGGI ANCHE: SPECIALE NUMERO CHIUSO

«Basterebbe almeno modificare le modalità di accesso, per esempio mettendo un blocco alla fine del primo biennio», spiega la Bossio che ritiene come uno sbarramento dopo i primi anni di studio, possa essere più funzionale e democratico.

«Io arrivo da una zona del Paese estremamente problematica: la Calabria. La mia Regione è in piano di rientro e il livello di abbassamento della qualità dell’assistenza sanitaria è evidente a tutti – prosegue -. Questo peggioramento della situazione non certo dipende dai medici perché la loro abnegazione è indiscutibile: lavorano sottodimensionarti senza un valido turnover che gli garantisca riposo, non ci sono le risorse sufficienti ad assicurare una buona qualità lavorativa e tanti altri problemi che purtroppo sappiamo tutti. Ecco per risolvere almeno in parte queste mancanze dobbiamo investire sulle competenze».

Da non trascurare la necessità di «estendere non solo ai giovani la possibilità di studiare medicina – conclude la deputata -, ma dare più possibilità ai laureati di accedere alle specializzazioni».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...