Sanità internazionale 15 dicembre 2015

International healthcare

Being women and mothers in Italy

In Italy there are more than 1 million and 700 thousand foreign women of childbearing age from the whole five continents, often believing in different systems of values regarding sexuality and their role within society and family. A recent congress held by the Italian Society for Gynecology and Obstetrics (SIGO, Società Italiana della Ginecologia e Ostetricia) provides an overview underlining that only 20% of the 155 thousand under 20 foreigners who live in Italy underwent a gynecologic examination at least once, compared to 70% of their Italian peers. As for motherhood, the mothers’ average age is 29, against the 32 years of age of Italian women. Furthermore, in the hospitals of our country, one in five births, as well as 34% of abortions, are practiced by foreigners. About their origin, the study shows that 26% of women comes from the European Union and 25% from Africa, followed by Asia (18%) and South America (8%). Another interesting result of the study is that 13% of foreigners finds it difficult to explain their symptoms to a doctor in Italian. This is the proof that there is still work to do to ensure that their much advocated integration extends also to a trustworthy relationship with the host National health system.

Articoli correlati
Ritorna la campagna Lilt sul tumore al seno: Aosta si illumina di rosa
Parte la  25° edizione di “Lilt for women – campagna Nastro Rosa“, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero della Salute che mira a diffondere la cultura della prevenzione per sconfiggere il tumore al seno. La campagna di quest’anno, di cui è testimonial Ilary Blasi, lancia un messaggio chiaro e diretto attraverso l’hashtag #Mettiloko. […]
International healthcare
Being a doctor: is this a job for women?  
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...