Sanità internazionale 8 marzo 2016

International healthcare

Being a doctor: is this a job for women?
 

Nowadays medical degrees, in Italy as in other Countries, are mostly carried out by women. As a matter of fact, in Europe, more than half of white coats under 35 years are women. According to a study in thirty Countries by the Organization for Economic Cooperation and Development, women under 35 represent 58% of doctors in the UK, 60% in France and almost 63% in Spain. Italy holds the record, with a percentage higher than 65%. In the UK, female doctors have recently become the majority accounting for 51%, whereas in France they account for 41%. The researchers of CNRS (Centre national de la recherche scientifique) set the overtaking in 2022, when it is estimated that the figure will increase to 60%, on the basis of the enrollments at the faculty of Medicine.
Healthcare landscape is obviously changing. But often the higher career levels are still a men’s prerogative. Reasons cannot be found in the professional field but rather on the social level that still considers women as the family central figures and therefore they are often forced to sacrifice career in order to pursue the children’s wellness and education. According to SIC (Italian Society of Surgery), a surgeon – or an intern – out of two is a woman, but only 1% of them performs an important role in the NHS.
In Great Britain, the problem of the work plan, linked to a great demand by women for part-time shifts, already caused a great debate, with controversies and sexism accusations: as a matter of fact, doctors started the #LikeALadyDoc hashtag in response to an article in the Sunday Times claiming that the rising number of female doctors is causing problems in the NHS. The article, by Sunday Times columnist Dominic Lawson, refers to the “the feminization of medicine” and its impact on the NHS.

Articoli correlati
Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»
Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa disincentivano i giovani». La Sic rinnova il consiglio direttivo: Paolo De Paolis nuovo presidente
La storia di Mark Harmon: «Mio figlio si è ammalato e sono diventato medico a 42 anni»
«Ho sempre lavorato nel settore commerciale. Poi mio figlio si è ammalato e a 42 anni sono diventato un medico. È stata la scelta migliore che abbia mai fatto». La storia che Mark Harmon racconta sul Guardian è di quelle che sembrano uscite da un film, una di quelle alla sliding doors: chissà cosa sarebbe […]
Il medicinale costa troppo e il paziente di 8 anni chiede alla farmaceutica di abbassarne il prezzo
Luis Walker, 8 anni, malato di fibrosi cistica, ha scritto una lettera alla Vertex chiedendo di rendere disponibile il farmaco di cui ha bisogno
I medici di famiglia inglesi vogliono far pagare una tassa ai pazienti che fissano appuntamenti non necessari
I medici di famiglia del Regno Unito hanno proposto una tassa di 5 sterline per scoraggiare la popolazione ad andare nello studio quando non necessario. Come immaginabile, l’iniziativa ha alzato un polverone. Secondo i promotori, servirebbe a far riflettere i pazienti sul reale bisogno del medico, suggerendo i casi in cui le loro richieste possono […]
UK, Theresa May “regala” 20 miliardi di sterline per i 70 anni del servizio sanitario grazie alla Brexit. E a più tasse
Il Primo Ministro britannico intende mantenere la promessa sbandierata nella campagna elettorale per l’uscita dall’Unione Europea: i contributi al bilancio di Bruxelles saranno destinati al NHS. Ma per gli esperti i conti non tornano…
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...