Salute 9 Dicembre 2021 18:09

Dalla “sindrome dell’impostore” ai falsi miti sui danni da vaccino, ecco per cosa combatte (e combatterà) la Cardiologia italiana

Rischio di miocardite nei giovani a seguito del vaccino anti-Covid a mRNA messaggero? Indolfi (SIC): «I dati in nostro possesso sono più che rassicuranti»

Dalla “sindrome dell’impostore” ai falsi miti sui danni da vaccino, ecco per cosa combatte (e combatterà) la Cardiologia italiana

Rischio di miocardite nei giovani a seguito del vaccino anti-Covid a mRNA messaggero? «I dati in nostro possesso sono più che rassicuranti: i più recenti studi dimostrano che nei soggetti colpiti da miocardite post vaccino la manifestazione clinica è stata molto lieve, con dimissioni rapide e nessun decesso. Possiamo quindi ribadire con forza che il rapporto rischio beneficio pende a favore dei vaccini». Così il Presidente della SIC, Ciro Indolfi, in occasione dell’82° Congresso Nazionale della Società Italiana di Cardiologia. Alla presenza dei componenti del Consiglio Direttivo SIC e degli altri maggiori esponenti nel panorama della cardiologia nazionale, sono stati accesi i riflettori sui maggiori temi d’attualità per il settore, con un occhio al presente, contraddistinto dagli interrogativi sulle relazioni tra vaccino anti-Covid e miocarditi, oltre che dalla necessità di non trascurare la rete tempodipendente per l’infarto, e un occhio al futuro, all’insegna di un sempre maggiore impegno sulla cardiologia di genere e sullo sviluppo di nuovi farmaci.

«Sappiamo che negli anni precedenti alla pandemia il numero di miocarditi è stato di 20 su 100mila all’anno – aggiunge il Vicepresidente SIC, Gianfranco Sinagra -. Il numero di miocarditi da Covid è 11 su 100mila all’anno, mentre le miocarditi da vaccino sono meno di 5 su 100mila. Nei maschi sotto i 30 anni dopo seconda dose i tassi di miocarditi sono tra i 10 e i 15 su 100mila – sottolinea – un numero comunque inferiore alla stima delle miocarditi riscontrate in periodo extra Covid.  Il messaggio è che il vaccino è assolutamente indispensabile per riprendere pieno possesso della nostra vita».

A loro fa eco Pasquale Perrone Filardi, Presidente eletto SIC: «Il nostro compito sociale come società scientifica è di fare chiarezza nei confronti dei cittadini. Dobbiamo quindi rimarcare in ogni sede gli aspetti legati alla sicurezza dello strumento vaccinale e rassicurare tutti».

Tra i temi più attuali che saranno affrontati in sede di Congresso quelli relativi alla cardiologia di genere, una materia da sempre “attenzionata speciale dalla SIC” perché, come ha ricordato il Presidente Indolfi “le donne temono il tumore ma muoiono d’infarto”, con una attenzione specifica al fenomeno denominato “sindrome dell’impostore”, particolarmente frequente nella professione cardiologica. Di cosa si tratta lo ha spiegato nel dettaglio il Presidente uscente SIC, Giuseppe Mercuro: «Si tratta di una situazione riscontrata in una grande percentuale di cardiologhe, soprattutto in ambito accademico, fino al 70%, nella quale la donna, pur esprimendosi al massimo delle sue capacità, tende ad attribuirle alla fortuna e/o alla sopravvalutazione delle suddette capacità da parte di altri, in sostanza credendo di non meritare realmente il ruolo che ricoprono. Una malintesa modestia forse indotta dalla controparte maschile in cui prevale la sindrome di Dunning, ossia la tendenza a sopravvalutarsi anche in caso di manifesta mediocrità. Sono aspetti che approfondiremo dal lato tecnico, clinico e professionale».

E ancora, riflettori puntati sugli sviluppi farmacologici per il trattamento dello scompenso cardiaco. «Ad oggi i campi di maggior successo della farmacologia sono proprio quelli deputati alla cura delle dislipidemie e scompenso cardiaco – afferma Perrone Filardi -. Abbiamo una vasta gamma di nuovi farmaci all’orizzonte, e oggi possiamo dire che tutte le dislipidemie, anche le più rare che spesso colpiscono i giovani, possono essere curate. Sulle nuove classi di farmaci utili per lo scompenso cardiaco, inoltre, siamo in dialogo costante con l’AIFA, da cui auspichiamo un’accelerata sul processo burocratico e regolatorio per far rientrare questi farmaci al più presto nella disponibilità prescrittiva dei cardiologi».

Così come d’importanza capitale la lotta all’ipercolesterolemia. «Il colesterolo fa paura perché causa arteriosclerosi – spiega il Prof. Francesco Barillà (Tor Vergata) – e sappiamo che riducendo il colesterolo riduciamo i rischi cardiovascolari. Ci sono tante strategie per riportare il colesterolo nel target, sia in prevenzione primaria sia secondaria, quindi nei pazienti che hanno già avuto sindrome coronarica acuta, anche personalizzando le terapie».

In chiusura, il monito del Prof. Francesco Romeo (Tor Vergata) sulla necessità di non trascurare ed anzi implementare la rete tempodipendente dell’infarto. Come? «Principalmente attraverso una corretta formazione ed informazione. Il nostro motto è: “Ogni minuto conta”. La rete delle emergenze tempodipendenti, tra cui quella per l’infarto, non può essere depotenziata a causa della pandemia. Ogni anno – spiega Romeo – ci sono 200mila sindromi coronariche acute, apparentemente ridotte in pandemia semplicemente perché non diagnosticate, per la paura delle persone di recarsi in ospedali. In alcune Regioni – conclude – si cerca di recuperare posti letto Covid depotenziando la rete delle emergenze tempodipendenti, e questo non è più accettabile».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cure cardiovascolari a prova di pandemia e clima. Italia in prima linea nel progetto europeo RESIL-Card
La Società Italiana di Cardiologia interventistica (GISE) prende parte al consorzio europeo RESIL-Card che punta a rendere il sistema di assistenza e cure cardiovascolari più resilienti nelle crisi
di V.A.
Dolore toracico, con tecnologie di precisione meno morti e infarti
L’impiego selettivo della Tac coronarica integrata con la FFRct (fractional flow reserve CTderived) riduce il rischio di morte e di infarto del 65%, evitando esami invasivi non necessari. Questo, in estrema sintesi, è quanto emerso da due analisi dello studio clinico internazionale PRECISE, pubblicato sulla rivista Jama Cardiology
di V.A.
Il cioccolato fondente riduce il rischio di ipertensione arteriosa
Il cioccolato fondente potrebbe essere un "dolce" alleato contro l'ipertensione arteriosa, cosiddetta "essenziale" perché la causa è sconosciuta. A scoprirlo è stato uno studio dello Shaoxing People's Hospital, in Cina, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Scientific Reports
Addio ECG? Creato “auricolare” che rileva l’attività cardiaca h24
Un dispositivo indossabile all’interno dell’orecchio, appena più grande di un auricolare è in grado di rilevare e analizzare il battito cardiaco 24 ore su 24. Sviluppato dai ricercatori dell’Imperial College di Londra ha dimostrato di avere le stesse prestazioni di un ECG convenzionale in due misurazioni su tre
Cuore in pericolo per i nottambuli, rischio raddoppiato di calcificazione delle arterie
Le persone che tendono ad andare a letto più tardi, i cosiddetti nottambuli o "gufi", hanno un rischio quasi due volte maggiore di soffrire di calcificazione delle arterie, una complicazione che aumenta le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari. Questi sono i risultati di uno studio dell’Università di Göteborg, in Svezia, pubblicato sulla rivista Sleep Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.