Salute 9 Maggio 2019 11:49

Disturbi del sonno, le donne dormono meno e peggio degli uomini

Silvestri (neurologa): «Il riposo notturno femminile peggiora in post-menopausa e in gravidanza. Tra le principali conseguenze: ansia, depressione, malattie cardio-cerebrovascolari e declino cognitivo»

di Isabella Faggiano
Disturbi del sonno, le donne dormono meno e peggio degli uomini

Prima di addormentarsi ripercorrono tutte le cose fatte durante la giornata, per essere sicure di non aver tralasciato nulla. Poi, tutti gli impegni dell’indomani. E se in casa ci sono bambini, mentre gli occhi si chiudono, le orecchie restano vigili per percepire anche il minimo rumore. Così, molte donne finiscono per riposare poco e male.

«Soprattutto dormono quasi sempre peggio degli uomini – spiega Rosalia Silvestri, neurologa del centro interdipartimentale per la Medicina del Sonno di Messina -. In particolare durante alcuni periodi del ciclo riproduttivo, come la post-menopausa e  la gravidanza».

I principali responsabili di questa cattiva qualità del riposo sono gli ormoni femminili che influenzano sia la continuità che l’efficienza del sonno notturno, diminuendo le sue capacità ristorative e di protezione nei confronti di malattie cardio-cerebrovascolari e cognitive.

«In gravidanza oltre l’80% delle donne – continua Silvestri – lamenta disturbi del sonno, con conseguenze sia sulla salute materna, che su quella fetale. Una mamma insonne può soffrire di ansia o depressione che, in rari casi, possono dare origine alla psicosi puerperale e alla cosiddetta maternity blues (uno stato di malessere psicologico che subentra normalmente al terzo giorno dal parto). I disturbi organici del sonno, invece, come le apnee morfeiche o la sindrome delle gambe senza riposo (legata alla carenza di ferro) possono avere conseguenze cardio-cerebrovascolari e aumentare la pressione arteriosa. In alcune donne, se il disturbo è abbastanza grave, può condurre ad eclampsia gravidica (una grave complicanza della gravidanza) che, a sua volta, può causare parto anticipato, parto assistito, feti piccoli per età gestazionale, malformazioni fetali congenite».

LEGGI ANCHE: PARASONNIE, PLAZZI (NEUROLOGO): «IL DISTURBO COMPORTAMENTALE DEL SONNO REM SPIA DI MALATTIE NEURODEGENERATIVE: ANTICIPA LA DIAGNOSI DI 10 ANNI»

Anche la menopausa rappresenta un periodo di vulnerabilità: la brusca caduta degli ormoni riproduttivi modifica la distribuzione del peso corporeo e conferisce alla donna un rischio biologico di disturbo respiratorio simile a quello dell’uomo. «In post menopausa – commenta la neurologa – una persona su sette soffre di disturbi del sonno, con conseguenze soprattutto cardio-cerebrovascolari».

L’insonnia è uno dei principali fattori responsabili del danno cognitivo «e in questo la donna – aggiunge Silvestri – è nettamente svantaggiata rispetto all’uomo. È più a rischio di patologie neurodegenerative, in particolare della malattia di Alzheimer. Più in generale, l’insonnia  cronica femminile è legata alla depressione, un disturbo che influenza molto la sua qualità della vita, sia relazionale che lavorativa».

La diffusione dei disturbi del sonno di genere rappresenta un vero e proprio allarme non solo di salute pubblica, ma anche sociale, tanto che «le differenti patologie del sonno e la loro ripercussione su emotività ed umore, capacità cognitive, benessere psicofisico, rischio cardio e cerebrovascolare –  racconta la neurologa – sono state oggetto di alcune ricerche condotte da esperti italiani di malattie del sonno. Le diverse relazioni sono state raccolte e revisionate in un lavoro unitario che – conclude Silvestri – sarà pubblicato a breve sulla nota rivista scientifica internazionale Maturitas».

LEGGI ANCHE: ITALIA SONNO 2019, GARBARINO (NEUROLOGO): «CHI DORME POCO SI AMMALA DI PIU’»

Articoli correlati
Culle vuote e sempre più anziani, le istituzioni si interrogano per vincere la sfida della denatalità
Dal tavolo di confronto organizzato da Fondazione Roma Sapienza con La7 tanti spunti per ridare fiducia a giovani e famiglie. Necessari interventi su politiche aziendali e welfare per puntare a una ripresa nei prossimi 10 anni
di Federica Bosco
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
“La sanità che vogliamo”, le donne e una professione da rifondare. Con la curatrice Sandra Morano
Riorganizzazione e leadership femminile in un settore, quello sanitario, che è popolato per 2/3 da donne. Le proposte di un gruppo di professioniste nel libro curato da Sandra Morano per una sanità del futuro improntata al "modello della cura"
SMA 1, la storia del primo bambino trattato in Sicilia con la terapia genica
Il neurologo Giuseppe Vita: «È la prima terapia genica esistente per una malattia neurologica. Nel trattamento della SMA 1 il farmaco agisce sostituendo la funzione del gene difettoso SMN1, gli si affianca producendo la proteina mancante che causa la malattia»
di Isabella Faggiano
Donne, Fials: «Salute femminile la più penalizzata da rinuncia cure. Riavviare percorsi di prevenzione dedicati»
In occasione della Giornata della salute della donna, iniziativa promossa dal ministero della Salute per parlare di prevenzione e assistenza al femminile, celebriamo un bene ancora più prezioso e da tenere in conto dopo 14 mesi di pandemia. Proprio in un momento così particolare, le donne sono le vere protagoniste dell’emergenza, essendo la maggioranza della […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco