Salute 9 Maggio 2019

Disturbi del sonno, le donne dormono meno e peggio degli uomini

Silvestri (neurologa): «Il riposo notturno femminile peggiora in post-menopausa e in gravidanza. Tra le principali conseguenze: ansia, depressione, malattie cardio-cerebrovascolari e declino cognitivo»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Prima di addormentarsi ripercorrono tutte le cose fatte durante la giornata, per essere sicure di non aver tralasciato nulla. Poi, tutti gli impegni dell’indomani. E se in casa ci sono bambini, mentre gli occhi si chiudono, le orecchie restano vigili per percepire anche il minimo rumore. Così, molte donne finiscono per riposare poco e male.

«Soprattutto dormono quasi sempre peggio degli uomini – spiega Rosalia Silvestri, neurologa del centro interdipartimentale per la Medicina del Sonno di Messina -. In particolare durante alcuni periodi del ciclo riproduttivo, come la post-menopausa e  la gravidanza».

I principali responsabili di questa cattiva qualità del riposo sono gli ormoni femminili che influenzano sia la continuità che l’efficienza del sonno notturno, diminuendo le sue capacità ristorative e di protezione nei confronti di malattie cardio-cerebrovascolari e cognitive.

«In gravidanza oltre l’80% delle donne – continua Silvestri – lamenta disturbi del sonno, con conseguenze sia sulla salute materna, che su quella fetale. Una mamma insonne può soffrire di ansia o depressione che, in rari casi, possono dare origine alla psicosi puerperale e alla cosiddetta maternity blues (uno stato di malessere psicologico che subentra normalmente al terzo giorno dal parto). I disturbi organici del sonno, invece, come le apnee morfeiche o la sindrome delle gambe senza riposo (legata alla carenza di ferro) possono avere conseguenze cardio-cerebrovascolari e aumentare la pressione arteriosa. In alcune donne, se il disturbo è abbastanza grave, può condurre ad eclampsia gravidica (una grave complicanza della gravidanza) che, a sua volta, può causare parto anticipato, parto assistito, feti piccoli per età gestazionale, malformazioni fetali congenite».

LEGGI ANCHE: PARASONNIE, PLAZZI (NEUROLOGO): «IL DISTURBO COMPORTAMENTALE DEL SONNO REM SPIA DI MALATTIE NEURODEGENERATIVE: ANTICIPA LA DIAGNOSI DI 10 ANNI»

Anche la menopausa rappresenta un periodo di vulnerabilità: la brusca caduta degli ormoni riproduttivi modifica la distribuzione del peso corporeo e conferisce alla donna un rischio biologico di disturbo respiratorio simile a quello dell’uomo. «In post menopausa – commenta la neurologa – una persona su sette soffre di disturbi del sonno, con conseguenze soprattutto cardio-cerebrovascolari».

L’insonnia è uno dei principali fattori responsabili del danno cognitivo «e in questo la donna – aggiunge Silvestri – è nettamente svantaggiata rispetto all’uomo. È più a rischio di patologie neurodegenerative, in particolare della malattia di Alzheimer. Più in generale, l’insonnia  cronica femminile è legata alla depressione, un disturbo che influenza molto la sua qualità della vita, sia relazionale che lavorativa».

La diffusione dei disturbi del sonno di genere rappresenta un vero e proprio allarme non solo di salute pubblica, ma anche sociale, tanto che «le differenti patologie del sonno e la loro ripercussione su emotività ed umore, capacità cognitive, benessere psicofisico, rischio cardio e cerebrovascolare –  racconta la neurologa – sono state oggetto di alcune ricerche condotte da esperti italiani di malattie del sonno. Le diverse relazioni sono state raccolte e revisionate in un lavoro unitario che – conclude Silvestri – sarà pubblicato a breve sulla nota rivista scientifica internazionale Maturitas».

LEGGI ANCHE: ITALIA SONNO 2019, GARBARINO (NEUROLOGO): «CHI DORME POCO SI AMMALA DI PIU’»

Articoli correlati
Contratto medici, la soddisfazione di Anaao-Assomed: «Premiati i giovani e riconoscimenti economici al disagio»
INTERVISTA VIDEO | «Oltre 200 euro di aumento mensile, niente guardie per gli over 62, un nuovo percorso che premia il merito». Sono tanti i motivi di soddisfazione per il Segretario del sindacato Carlo Palermo
di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
Salute Mentale, oltre 850mila i pazienti curati da meno di 30mila operatori. Grillo: «Dobbiamo investire di più»
Presentato a Roma il Rapporto sul SISM-Sistema informativo salute mentale. Tra gli assistiti il 70% è over 45, mentre oltre la metà sono donne
Salute donne, D’Amato (Regione Lazio): «Raddoppiata prevenzione per tumore alla mammella»
«La Regione Lazio è stata tra le prime ad adottare le linee guida sulle Breast Unit prodotte dal Ministero della Salute» dichiara in una nota l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato – . «Nel 2018 il 75% dell’attività chirurgica riguardante il tumore alla mammella è stato effettuato in uno dei […]
Tumori, al Regina Elena San Gallicano di Roma l’evento “La bellezza resta anche in estate”
Il 21 Giugno entra l’estate e al Regina Elena San Gallicano venerdì 21 giugno dalle ore 14:00 alle 16:00 (Centro congressi multimediale IFO – aula B) si terrà l’evento per guidare le pazienti oncologiche al vivere al meglio “la bella stagione”. La pelle in estate, per le donne che seguono trattamenti oncologici, è molto delicata […]
Premio Bellisario 2019, il Presidente Mattarella riceve Pasquale Frega (AD Novartis Italia)
«L’incontro di stamane con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oltre ad aver rappresentato per me un grandissimo onore, sottolinea ulteriormente il valore del riconoscimento attribuito a Novartis dalla Fondazione Bellisario». Così Pasquale Frega, Country President e Amministratore Delegato di Novartis Italia, ha commentato l’incontro con il Capo dello Stato, che questa mattina ha ricevuto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Morto Mattia Torre, l’ultima intervista a Sanità Informazione

E’ morto a Roma, in seguito ad una lunga malattia, Mattia Torre, attore, scrittore, autore e sceneggiatore di teatro cinema e tv (tra l’altro della fortunata serie Boris). Aveva 47 anni ed...
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti