Salute 8 Aprile 2019 10:56

Italia Sonno 2019, Garbarino (neurologo): «Chi dorme poco si ammala di più»

Si è chiusa l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno. Di Michele (pneumologa): «L’insonnia è il problema maggiormente diffuso. Tra le parasonnìe le più conosciute sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. I comportamenti della fase Rem possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative»

di Isabella Faggiano
Italia Sonno 2019, Garbarino (neurologo): «Chi dorme poco si ammala di più»

L’uomo incontra ogni giorno, alternativamente, due distinti tipi di esperienza: la veglia e il sonno. Ognuno con i suoi vantaggi. E in quello stato che già gli antichi definivano “di morte apparente” ci trascorre un terzo della propria esistenza. Considerando che l’aspettativa di vita per le donne italiane è di circa 85 anni e quella degli uomini 80, vorrà dire che le prime passeranno 28 anni tra le braccia di Morfeo e i secondi oltre 26. E non si tratta di tempo sprecato: dormire è un processo biologico necessario al mantenimento del nostro benessere e della nostra salute. Eppure non tutti lo sanno.

«Nelle società tecnologicamente avanzate vivono intere popolazioni deprivate di sonno che, nella maggior parte dei casi, non sanno di esserlo – spiega Sergio Garbarino, neurologo, professore di Neuroscienze dell’Università di Genova e organizzatore della Convention Italia Sonno 2019 -.  In occidente, le ore di sonno medie sono passate dalle sette ore e mezza alle sei». Una cattiva abitudine che non riguarda solo i giovani: «Pure per gli adulti – aggiunge il professore di Neuroscienze – è difficile  compensare durante il fine settimana le ore di sonno perdute nei cinque giorni precedenti. Perdere anche solo mezz’ora di sonno ogni giorno significa rinunciare quasi ad una notte intera alla settimana, tempo sottratto al riposo che non sarà più possibile recuperare».

LEGGI ANCHE: LE 10 REGOLE PER DORMIRE BENE

E non è un caso, dunque, se l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno, Italia Sonno 2019, conclusasi in questi giorni a Roma, ha affrontato uno degli aspetti più universali e sottovalutati: “ la deprivazione di sonno”. «Dormire – aggiunge Garbarino – è oggi, per la nostra società, un lusso, qualcosa di cui si può fare anche a meno. La mancanza di sonno è diventato un problema di sanità pubblica».

Nonostante l’avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, la società contemporanea continua a sottovalutare l’enorme rilevanza di un sonno di buona quantità e qualità per il benessere, la salute e la durata della vita. «L’insonnia – commenta Loreta Di Michele, pneumologa, specialista dei disturbi del sonno, organizzatrice di Italia Sonno 2019 – è il problema maggiormente diffuso e percepito tra la popolazione, generalmente più dalle donne che dagli uomini». C’è chi ha difficoltà ad addormentarsi e chi, invece, è vittima di risvegli continui: «L’insonnia all’inizio del sonno – continua la pneumologa – è molto spesso causata dalla sindrome delle gambe senza riposo. La depressione, invece, è più spesso associata alla difficoltà a mantenere un sonno costante: il soggetto riesce ad addormentarsi correttamente, ma poi si risveglia di continuo, diventando vittima di una deprivazione di sonno cronica».

Accanto all’insonnia esistono molti altri disturbi del sonno «come le parasonnìe – dice Di Michele-, le più famose delle quali sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. Molto meno conosciuti, invece, sono i comportamenti della fase Rem che possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative. Altrettanto importanti sono i disturbi di genere: la qualità e la quantità del sonno delle donne è nettamente più basso di quello degli uomini, soprattutto in fasi particolari della vita come la gravidanza o la menopausa».

Ma che riguardi il sesso maschile o quello femminile, una cosa è certa: la deprivazione di sonno influisce sul peggioramento delle più importanti malattie del nostro tempo: «Da quelle croniche – sottolinea Garbarino  – che coinvolgono l’apparato cardiovascolare o il metabolismo, alle malattie cardiache, fino all’ictus ». E anche in tema di sonno prevenire sarebbe meglio che curare: «Dovremmo dare al sonno la stessa importanza che oggi riserviamo all’attività fisica o alla sana alimentazione.  Quando non riusciamo a ricordarci le cose o quando non ci sentiamo performanti probabilmente – conclude Garbarino –  è perché abbiamo perduto troppe ore di sonno, senza nemmeno rendercene conto».

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni