Salute 8 Aprile 2019

Italia Sonno 2019, Garbarino (neurologo): «Chi dorme poco si ammala di più»

Si è chiusa l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno. Di Michele (pneumologa): «L’insonnia è il problema maggiormente diffuso. Tra le parasonnìe le più conosciute sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. I comportamenti della fase Rem possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

L’uomo incontra ogni giorno, alternativamente, due distinti tipi di esperienza: la veglia e il sonno. Ognuno con i suoi vantaggi. E in quello stato che già gli antichi definivano “di morte apparente” ci trascorre un terzo della propria esistenza. Considerando che l’aspettativa di vita per le donne italiane è di circa 85 anni e quella degli uomini 80, vorrà dire che le prime passeranno 28 anni tra le braccia di Morfeo e i secondi oltre 26. E non si tratta di tempo sprecato: dormire è un processo biologico necessario al mantenimento del nostro benessere e della nostra salute. Eppure non tutti lo sanno.

«Nelle società tecnologicamente avanzate vivono intere popolazioni deprivate di sonno che, nella maggior parte dei casi, non sanno di esserlo – spiega Sergio Garbarino, neurologo, professore di Neuroscienze dell’Università di Genova e organizzatore della Convention Italia Sonno 2019 -.  In occidente, le ore di sonno medie sono passate dalle sette ore e mezza alle sei». Una cattiva abitudine che non riguarda solo i giovani: «Pure per gli adulti – aggiunge il professore di Neuroscienze – è difficile  compensare durante il fine settimana le ore di sonno perdute nei cinque giorni precedenti. Perdere anche solo mezz’ora di sonno ogni giorno significa rinunciare quasi ad una notte intera alla settimana, tempo sottratto al riposo che non sarà più possibile recuperare».

LEGGI ANCHE: LE 10 REGOLE PER DORMIRE BENE

E non è un caso, dunque, se l’VIII edizione della Convention dedicata alla medicina del sonno, Italia Sonno 2019, conclusasi in questi giorni a Roma, ha affrontato uno degli aspetti più universali e sottovalutati: “ la deprivazione di sonno”. «Dormire – aggiunge Garbarino – è oggi, per la nostra società, un lusso, qualcosa di cui si può fare anche a meno. La mancanza di sonno è diventato un problema di sanità pubblica».

Nonostante l’avanzamento delle conoscenze scientifiche e tecnologiche, la società contemporanea continua a sottovalutare l’enorme rilevanza di un sonno di buona quantità e qualità per il benessere, la salute e la durata della vita. «L’insonnia – commenta Loreta Di Michele, pneumologa, specialista dei disturbi del sonno, organizzatrice di Italia Sonno 2019 – è il problema maggiormente diffuso e percepito tra la popolazione, generalmente più dalle donne che dagli uomini». C’è chi ha difficoltà ad addormentarsi e chi, invece, è vittima di risvegli continui: «L’insonnia all’inizio del sonno – continua la pneumologa – è molto spesso causata dalla sindrome delle gambe senza riposo. La depressione, invece, è più spesso associata alla difficoltà a mantenere un sonno costante: il soggetto riesce ad addormentarsi correttamente, ma poi si risveglia di continuo, diventando vittima di una deprivazione di sonno cronica».

Accanto all’insonnia esistono molti altri disturbi del sonno «come le parasonnìe – dice Di Michele-, le più famose delle quali sono il sonnambulismo o il parlare durante il sonno. Molto meno conosciuti, invece, sono i comportamenti della fase Rem che possono anticipare anche di dieci anni la diagnosi di malattie neurodegenerative. Altrettanto importanti sono i disturbi di genere: la qualità e la quantità del sonno delle donne è nettamente più basso di quello degli uomini, soprattutto in fasi particolari della vita come la gravidanza o la menopausa».

Ma che riguardi il sesso maschile o quello femminile, una cosa è certa: la deprivazione di sonno influisce sul peggioramento delle più importanti malattie del nostro tempo: «Da quelle croniche – sottolinea Garbarino  – che coinvolgono l’apparato cardiovascolare o il metabolismo, alle malattie cardiache, fino all’ictus ». E anche in tema di sonno prevenire sarebbe meglio che curare: «Dovremmo dare al sonno la stessa importanza che oggi riserviamo all’attività fisica o alla sana alimentazione.  Quando non riusciamo a ricordarci le cose o quando non ci sentiamo performanti probabilmente – conclude Garbarino –  è perché abbiamo perduto troppe ore di sonno, senza nemmeno rendercene conto».

Articoli correlati
Meeting Salute 2019, a Rimini gli infermieri insegnano la buona salute alle famiglie
«La buona salute infatti si fa curando e assistendo i malati», si legge nel comunicato diffuso dalla Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI)
Anoressia, Sinuc: «La perdita di appetito accomuna frequentemente malattie acute, croniche e oncologiche
Una “mancanza di appetito patologica che non è rifiuto consapevole del cibo ma la perdita del senso di fame e del desiderio di mangiare con un persistente senso di pienezza” è la definizione della 17ma edizione dal prestigioso testo Principles of Internal Medicine di Harrison’s. La malnutrizione calorico proteica (MCP) è una condizione che caratterizza […]
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Orto-giardino terapeutico: il primo d’Italia nascerà a Correggio. Ecco come piante e fiori migliorano il benessere
Il progetto pilota si basa sul modello diffuso nei Paesi anglosassoni e sarà realizzato nel podere di un antico casale, nella campagna di Reggio Emilia, grazie alla collaborazione tra l’Unimore e la cooperativa sociale Tice
di Isabella Faggiano
Maratona Patto per la salute, le richieste di Ail: equità nell’accesso alle cure e garantire accessibilità ai farmaci
L'associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma ha presentato al ministro Grillo le sue proposte su equità nell’accesso alle cure, mobilità sanitaria e governance farmaceutica nel corso delle tre giornate di ascolto e confronto dedicate ai protagonisti del servizio sanitario nazionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone